19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/08/2014, 00.00

    VATICANO - IRAQ

    Il Papa dona 1 milione di dollari per i cristiani e le altre minoranze dell'Iraq



    Il Prefetto di Propaganda Fide, card. Filoni, è rientrato dalla missione umanitaria a Erbil e ha portato con sé "un decimo della somma. Il 75% dei soldi è andato ai cattolici, il resto agli yazidi. Fino a che anche solo un cristiano vivrà in Iraq, la Chiesa sarà con lui".

    Baghdad (AsiaNews) - Papa Francesco ha donato 1 milione di dollari per i cristiani e le altre minoranze religiose dell'Iraq, da settimane nel mirino dei terroristi dello Stato islamico e costretti a lasciare le proprie case per non doversi convertire all'islam. Lo ha detto il card. Fernardo Filoni, prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli, inviato dal pontefice nel Paese mediorientale per esprimere la vicinanza di Francesco alle vittime di queste violenze. La somma è presa dal fondo personale del Papa, e il card. Filoni ne ha portato con sé soltanto un decimo: "Il 75% dei soldi - ha spiegato alla Catholic News Agency - è stato consegnato ai cattolici, il resto alla comunità yazida".

    Il Prefetto ha visitato Erbil, capitale del Kurdistan iracheno, dal 12 al 20 agosto. In quei giorni era prevista da tempo la visita pastorale di Francesco in Corea del Sud, e per il card. Filoni "l'aver inviato un rappresentante personale significa che, se avesse potuto, sarebbe andato lui di persone". La Chiesa, ha aggiunto, "non abbandonerà mai i cristiani che soffrono. Fino a che anche solo un cristiano vivrà in Iraq, noi saremo con lui. Questa è la linea di papa Francesco: come pastori, dobbiamo portare il gregge e guidarlo, ma anche camminare con lui. Dobbiamo camminare avanti per guidarlo, in mezzo per confortarlo, dietro per incoraggiarlo".

    Papa Francesco ha più volte sottolineato il dramma umanitario in atto in Iraq, e ha chiesto a tutti di impegnarsi in maniera concreta per aiutare coloro che soffrono nel Paese. Seguendo questo appello, AsiaNews ha lanciato la campagna "Adotta un cristiano di Mosul", che propone ai lettori e agli amici di sostenere le necessità di coloro che sono stati costretti dalla violenza ad abbandonare case e proprietà per non convertirsi o essere ucciso. La campagna di AsiaNews propone di donare almeno 5 euro  per ogni cristiano: il fabbisogno del cibo per un giorno.

    Per le modalità delle donazioni, clicca qui.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/04/2015 IRAQ - VATICANO
    Sacerdote irakeno: Anche fra i profughi di Mosul, la vita e la resurrezione vincono sulla morte
    Gli oltre 130mila rifugiati sostenuti nella speranza dalla fede. La visita del card. Fernando Filoni, inviato del papa, rafforza la percezione di “non essere lasciati soli”. La Veglia pasquale preparata sotto una grande tenda per mille persone.

    18/07/2016 14:59:00 IRAQ - GMG
    AsiaNews sostiene i giovani profughi di Mosul alla Gmg in Polonia (FOTOGALLERY)

    Grazie a diversi sponsor, la nostra agenzia ha donato 25mila euro per contribuire alle spese di viaggio e pernottamento. Intanto ragazzi e ragazze si preparano all’evento con incontri di preghiera e ritiri spirituali. P. Samir di Amadiya ai lettori: “Grazie per l’aiuto”, i giovani irakeni “pregano per voi”. Domani la partenza per Wroclaw, in programma una settimana di animazione missionaria. 

     



    28/10/2014 IRAQ - ITALIA
    Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
    Le offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

    13/01/2015 IRAQ
    Profughi yazidi, il rischio del genocidio
    Hassan, 15 anni, ha perso tutta la famiglia. Donne vendute o usate come prostitute; giovani sposate a forza ai miliziani dello Stato islamico, che le mettono subito incinte. Ancora 10mila yazidi assediati sul monte Sinjar. La visita del capo degli yazidi a papa Francesco, "padre dei poveri". Cristiani e yazidi aiutati allo stesso modo. La lentezza della coalizione nel facilitare la riconquista dei territori occupati dall'Isis. L'inverno nella miseria dei campi.

    15/10/2015 IRAQ
    Arriva l’inverno per i profughi di Mosul: abbiamo bisogno del vostro aiuto
    P. Samir Youssef Al-khoury ci scrive per ringraziare degli aiuti che riceve attraverso AsiaNews. Le urgenze in prossimità dell’inverno sono vestiti pesanti, due generatori di corrente, abbonamenti per gli autobus delle scuole, latte e pane per i bambini.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®