22 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/10/2017, 10.22

    CINA

    Il Partito comunista cinese espelle Wu Aiying, ex ministro della giustizia

    Wang Zhicheng

    La sua espulsione accade in modo imprevisto. Assieme a lei, sono stati espulsi altri 11 membri del Comitato centrale. Dal 2012, sono sotto inchiesta per corruzione 18 membri del Comitato centrale e 17 membri non permanenti.

    Pechino (AsiaNews) - Wu Aiying, ex ministro della giustizia, è stata espulsa dal Partito comunista cinese nel weekend, alla fine di un incontro del Comitato centrale del Partito e a pochi giorni dal Congresso quinquennale, che sarà celebrato a partire dal 18 ottobre.

    L’espulsione di Wu avviene in modo imprevisto: lo scorso febbraio ella aveva terminato il suo mandato, sostituita da Zhang Jun, vice-capo della Commissione centrale per le ispezioni disciplinari. In tutti questi mesi vi era stato silenzio su di lei, e non era stata coinvolta in nessuna inchiesta. La dichiarazione del Comitato centrale afferma che la sua espulsione è motivata da “serie violazioni alla disciplina del Partito”, un eufemismo per dire “corruzione”.

    Wu, 65 anni, è stata ministro della Giustizia per 12 anni. I media di Stato dicono che ella è responsabile del declino del sistema legale del Paese in questi ultimi anni e di aver promosso Lu Engang, un membro del Partito accusato di corruzione, che sarebbe stato promosso a capo ufficio nel ministero mentendo sulla sua età e sulle sue qualificazioni.

    Secondo l’analista politico Hu Xingdou, intervistato dal South China Morning Post,  Wu era una burocrate con poca conoscenza delle leggi e del sistema legale. Va attribuita a lei la feroce campagna contro avvocati e attivisti che ha portato all’arresto o al fermo di circa 300 personalità a partire da due anni fa. Wu sarebbe anche responsabile dell’opaco e brutale sistema carcerario cinese.

    Assieme a Wu, sono stati espulsi da Partito altri 11 membri del Comitato centrale. In totale, dal 2012, da quando Xi Jinping ha lanciato la campagna anti-corruzione, almeno 18 membri del Comitato centrale sono sotto inchiesta. A questi vanno aggiunti altri 17 membri non permanenti del Comitato centrale, anch’essi accusati di aver preso bustarelle o aver abusato del loro potere.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/09/2017 13:16:00 CINA
    Fissata la data del 19mo Congresso del Partito comunista cinese: il 18 ottobre

    Ci si attende la riconferma di Xi Jinping come segretario generale e l’inserimento del suo pensiero nella costituzione del Partito alla stregua di Mao e Deng. La campagna anticorruzione ha eliminato molti nemici personali di Xi. Pubblicità ai suoi risultati con una serie tivu e un libro.



    24/10/2016 14:27:00 CINA
    Al via il Sesto Plenum del Partito comunista cinese

    A tema: “governare il Partito in una maniera stringente”. La corruzione rimane la preoccupazione n. 1. Ma tutte le riforme economiche e politiche sono ferme. Nuovi membri si preparano a entrare nel Comitato centrale. Il pensionamento di Wang Qishan. E quello di Xi?



    25/10/2017 09:03:00 CINA
    Un nuovo Politburo senza un chiaro successore per Xi Jinping

    Presentate oggi le personalità del Comitato permanente del Politburo: oltre a Xi e Li Keqiang, vi sono Li Zhanshu, Wang Yang, Wang Huning, Zhao Leji, Han Zheng. Molti sono stretti alleati di Xi; altri rispondono alla “cricca di Shanghai” di Jiang Zemin e alla Lega giovanile comunista di Hu Jintao. Nessun membro della Sesta generazione.



    11/10/2017 14:56:00 CINA
    Il Comitato centrale del Partito prepara gli ultimi ritocchi per il Congresso e le lodi per Xi Jinping

    Si limano la relazione del lavoro svolto in cinque anni, l’emendamento alla Costituzione per inserire il pensiero di Xi Jinping; una relazione sulle ispezioni disciplinari. Pubblicati i successi economici della Cina in questi cinque anni.



    13/11/2017 08:14:00 CINA
    Xi Jinping ‘imperatore a vita’. Ma davvero?

    Al recente Congresso del Partito comunista cinese Xi ha riempito di compari e fedelissimi gli organismi massimi di governo. Ma non vi sono possibili successori. Come il re di Francia Luigi XIV, Xi può dire: “Il Partito? Sono io”. Il Comitato centrale riempito da imprenditori delle compagnie statali: un segno che le riforme economiche andranno a rilento. Il nazionalismo è un’arma a doppio taglio. Se Xi sbaglia, i suoi molti nemici nel Partito si coalizzeranno.





    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®