27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/01/2016, 00.00

    CINA

    Il Pcc stringe la morsa contro le “superstizioni”, ma nel mirino ci sono le religioni



    Il Partito comunista vara le nuove regole interne: espulsione e prigione per i funzionari che credono nelle “superstizioni feudali”. Xi Jinping ammonisce i membri: “Basta fare domande inopportune sulle politiche del governo centrale”. Analisti temono una nuova ondata di repressioni contro le cinque fedi ufficiali.

    Pechino (AsiaNews) – Il Partito comunista cinese ha varato nuove e più stringenti regole per punire i membri che credono “nelle superstizioni feudali”. Per la prima volta, la Commissione interna per la disciplina ha creato una “casella” specifica per inquadrare la tipologia di infrazione. Le nuove direttive sono entrate in vigore il primo gennaio 2016 e riguardano tutti gli 88 milioni di membri del Pcc.

    Le “superstizioni feudali” riguardano in realtà alcuni capisaldi del taoismo e del buddismo. Fra queste sono citate in maniera esplicita la pratica del feng shui – l’arte della geomanzia che mira ad armonizzare l’universo – e quella della predizione del futuro. Quest’ultima comprende anche le tradizioni del buddismo tibetano relative alla rinascita dei lama. Secondo la Xinhua, agenzia ufficiale cinese, “un gran numero di funzionari comunisti di alto livello sono stati accusati negli ultimi anni di prendere parte a queste pratiche”.

    Nell’ultima edizione delle regole interne, datata 2003, le “superstizioni feudali” erano incasellate nelle “attività che disturbano la produttività” del Partito. La nuova versione prevede invece una nuova categoria creata apposta: la pena per chi “organizza” queste attività è l’espulsione e in un secondo momento la messa in stato di accusa; chi “partecipa” viene prima ammonito e poi espulso. Nei giorni scorsi la Commissione ha incriminato e arrestato un alto dirigente della provincia del Ningxia, Bai Xueshan, accusato di aver riposto "troppa fiducia" proprio nel feng shui.

    Sempre la Commissione centrale per l’ispezione e la disciplina ha pubblicato un nuovo libro con le “indicazioni” ricevute da Xi Jinping nel corso dell’anno e ancora non pubblicate. Fra queste spicca un passaggio in cui il presidente – anche Segretario generale del Partito e capo dell’esercito – ammonisce i funzionari comunisti a “non discutere in pubblico delle politiche centrali” e a “non porre domande che non andrebbero poste”. Il tutto a pochi giorni dalla prossima riunione generale della Commissione, che si terrà dal 12 al 14 gennaio 2016.

    Secondo diversi esperti, questa serie di restrizioni dimostra la volontà del governo centrale di mettere sempre più nel mirino le cinque religioni tradizionali del Paese. Il Partito riconosce cattolicesimo, cristianesimo protestante, islam, taiosmo e buddismo ma soltanto se inquadrate nelle strutture governative. Negli ultimi anni, però, la libertà dei fedeli è andata sempre più restringendosi: l’appello e le nuove punizioni contro le “superstizioni feudali” sarebbe un ulteriore passo in questa direzione. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/01/2013 CINA
    Anti-corruzione in Cina, i funzionari del Partito fanno sparire i soldi dalle banche
    Il presidente Xi Jinping chiude i lavori della Commissione centrale per la disciplina e l’ispezione rinnovando l’impegno a combattere le bustarelle e la degradazione. In risposta i quadri comunisti ritirano la valuta straniera dalle banche e vendono i propri immobili. Pronto un piano quinquennale che, secondo gli esperti, non servirà a molto.

    15/11/2014 CINA
    Cina, il Partito all'attacco: I comunisti cinesi non devono seguire alcuna religione
    Un editoriale apparso sulla versione internazionale del Quotidiano del Popolo rilancia la linea maoista del Pcc: "L'ateismo di Stato è un principio inamovibile, importante dal punto di vista ideologico e organizzativo, che è alla base del nostro sistema". L'esempio di Cuba, Vietnam e Russia " non ci riguarda, abbiamo altre politiche al riguardo".

    14/07/2015 CINA
    La corruzione nel Partito comunista “colpa delle imprese di Stato”
    La Commissione centrale per l’ispezione e la disciplina ha lanciato una campagna per “spingere le imprese di proprietà dello Stato a seguire in maniera ferrea le politiche del governo”. Dopo aver analizzato la gestione delle industrie, la Commissione punta il dito su “alcuni dirigenti, che usano le risorse nazionali per formare cricche di interesse, che intrappolano con la corruzione i quadri nazionali”.

    17/12/2014 CINA
    Cina, la campagna anti-corruzione continua a mietere vittime
    Nel mirino questa volta Jiang Wei, vice presidente della China Resources', che ha prestato senza garanzie 260 milioni di euro a un industriale "amico". Condannato all'ergastolo un ex alto funzionario del Jiangxi, che ha truffato le banche grazie al suo ruolo e ha ottenuto i soldi necessari a comprare 248 proprietà immobiliari. Gli ex fedelissimi di Hu Jintao e l'esercito fanno pubblico atto di sottomissione a Xi Jinping.

    17/02/2015 CINA
    Cina, la campagna anti-corruzione decapita nuovi alti funzionari
    Su Rong, ex vice presidente della Conferenza consultiva politica del popolo cinese e primo leader statale a cadere in disgrazia nell'era di Xi Jinping, è stato espulso dal Partito ed è in attesa di giudizio. Si Xinliang, ex leader provinciale del Zhejiang, arrestato insieme al figlio. In manette anche il capo del Dipartimento dei trasporti di Pechino, che truccava la "lotteria delle targhe" della capitale.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®