2 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2012
CINA
Il Quotidiano del Popolo: “Il governo ascolti la popolazione”
L’organo del regime invita la leadership, soprattutto locale, a prestare attenzione all’impegno civico “sempre maggiore” dei cittadini. A Qidong, dopo Wukan e Shifang, la popolazione ottiene la cancellazione di un oleodotto inquinante. Ma il regime non si smentisce, continua ad arrestare i blogger e definisce (di nuovo) “suicidio” la strana morte di Li Wangyang.

Pechino (AsiaNews) - Il Quotidiano del Popolo, maggiore organo di informazione del Partito comunista, ha invitato le autorità ad "ascoltare le preoccupazioni del popolo riguardo l'inquinamento". Il quotidiano, che detta la linea ufficiale, fa riferimento all'ennesima protesta sociale con cui gli abitanti di Qidong - nella provincia orientale del Jiangsu - hanno costretto le autorità locali a cancellare il progetto di costruzione di un oleodotto. Tuttavia, per "bilanciare" questo invito, il governo reagisce alle proteste con il solito metodo: arresto di blogger e di manifestanti.

Secondo il Quotidiano "la consapevolezza popolare sulle questioni ambientali e sui propri diritti cresce in maniera rapida. La Cina deve impegnarsi per trovare un meccanismo decisionale aperto e trasparente e costruire un atteggiamento tollerante rispetto all'opinione pubblica". Essere un governo responsabile, continua l'editoriale, "significa essere indipendente rispetto ai singoli interessi economici e divenire il braccio dell'interesse pubblico e la bilancia degli interessi economici".

Il riferimento è ai numerosissimi casi in cui i funzionari comunisti locali rubano la terra agli abitanti per rivenderla a investitori singoli: non pagando le giuste prebende alla popolazione, questi dirigenti ottengono grossi guadagni. Ma negli ultimi anni, complice anche la paura dell'inquinamento selvaggio, la popolazione ha iniziato a ribellarsi e a scendere in strada per ottenere giustizia. Pechino sembra volerli ascoltare, ma come sottolinea il grande analista Willy Lam si tratta soltanto di una "carota" che tuttavia non elimina il "bastone" della repressione [v 31/07/2012 La "carota" di Pechino non nasconde il "bastone" del Partito].

Dopo i casi di Wukan e Shifang, che hanno ottenuto il proprio scopo, anche la popolazione di Qidong è riuscita a ottenere la cancellazione dell'oleodotto proposto dalle autorità locali. Ma questa parvenza di giustizia non cancella le enormi violazioni ai diritti umani compiute dal Partito. Un blogger che incitava i cittadini di Qidong a portare avanti la loro protesta è stato arrestato e multato.

Inoltre, le autorità della provincia dell'Hunan continuano a reiterare la propria linea sulla morte del dissidente Li Wangyang, veterano del movimento democratico di piazza Tiananmen, che dopo 21 anni di galera è morto mentre era sotto il controllo della polizia. Il suo corpo è stato cremato e nessuna indagine ufficiale è stata condotta sulla morte, che per le autorità è un "suicidio".

Dopo diverse proteste, sia a Hong Kong che nella Cina continentale, le autorità avevano cambiato idea e avevano definito la morte un "decesso accidentale". Ora il Segretario provinciale dell'Hunan torna di nuovo indietro, e ai giornalisti del Territorio dichiara: "Il fatto che Li si sia suicidato è chiarissimo e sostenuto da prove limpidissime".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/06/2006 Cina
Nuovo giro di vite del governo cinese su mass media e rivolte sociali
24/07/2012 CINA
La battaglia per la democrazia in Cina sta cambiando passo
13/04/2006 Cina
Google e Pechino collaborano ad un nuovo giro di vite sull'informazione libera
21/04/2006 Cina
Anche Skype si allinea alla censura del regime cinese
09/09/2011 CINA
Pechino: condannata a 9 mesi una dissidente per “aver interrotto il traffico”

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate