24 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2012
CINA
Il Quotidiano del Popolo: “Il governo ascolti la popolazione”
L’organo del regime invita la leadership, soprattutto locale, a prestare attenzione all’impegno civico “sempre maggiore” dei cittadini. A Qidong, dopo Wukan e Shifang, la popolazione ottiene la cancellazione di un oleodotto inquinante. Ma il regime non si smentisce, continua ad arrestare i blogger e definisce (di nuovo) “suicidio” la strana morte di Li Wangyang.

Pechino (AsiaNews) - Il Quotidiano del Popolo, maggiore organo di informazione del Partito comunista, ha invitato le autorità ad "ascoltare le preoccupazioni del popolo riguardo l'inquinamento". Il quotidiano, che detta la linea ufficiale, fa riferimento all'ennesima protesta sociale con cui gli abitanti di Qidong - nella provincia orientale del Jiangsu - hanno costretto le autorità locali a cancellare il progetto di costruzione di un oleodotto. Tuttavia, per "bilanciare" questo invito, il governo reagisce alle proteste con il solito metodo: arresto di blogger e di manifestanti.

Secondo il Quotidiano "la consapevolezza popolare sulle questioni ambientali e sui propri diritti cresce in maniera rapida. La Cina deve impegnarsi per trovare un meccanismo decisionale aperto e trasparente e costruire un atteggiamento tollerante rispetto all'opinione pubblica". Essere un governo responsabile, continua l'editoriale, "significa essere indipendente rispetto ai singoli interessi economici e divenire il braccio dell'interesse pubblico e la bilancia degli interessi economici".

Il riferimento è ai numerosissimi casi in cui i funzionari comunisti locali rubano la terra agli abitanti per rivenderla a investitori singoli: non pagando le giuste prebende alla popolazione, questi dirigenti ottengono grossi guadagni. Ma negli ultimi anni, complice anche la paura dell'inquinamento selvaggio, la popolazione ha iniziato a ribellarsi e a scendere in strada per ottenere giustizia. Pechino sembra volerli ascoltare, ma come sottolinea il grande analista Willy Lam si tratta soltanto di una "carota" che tuttavia non elimina il "bastone" della repressione [v 31/07/2012 La "carota" di Pechino non nasconde il "bastone" del Partito].

Dopo i casi di Wukan e Shifang, che hanno ottenuto il proprio scopo, anche la popolazione di Qidong è riuscita a ottenere la cancellazione dell'oleodotto proposto dalle autorità locali. Ma questa parvenza di giustizia non cancella le enormi violazioni ai diritti umani compiute dal Partito. Un blogger che incitava i cittadini di Qidong a portare avanti la loro protesta è stato arrestato e multato.

Inoltre, le autorità della provincia dell'Hunan continuano a reiterare la propria linea sulla morte del dissidente Li Wangyang, veterano del movimento democratico di piazza Tiananmen, che dopo 21 anni di galera è morto mentre era sotto il controllo della polizia. Il suo corpo è stato cremato e nessuna indagine ufficiale è stata condotta sulla morte, che per le autorità è un "suicidio".

Dopo diverse proteste, sia a Hong Kong che nella Cina continentale, le autorità avevano cambiato idea e avevano definito la morte un "decesso accidentale". Ora il Segretario provinciale dell'Hunan torna di nuovo indietro, e ai giornalisti del Territorio dichiara: "Il fatto che Li si sia suicidato è chiarissimo e sostenuto da prove limpidissime".

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/06/2006 Cina
Nuovo giro di vite del governo cinese su mass media e rivolte sociali
24/07/2012 CINA
La battaglia per la democrazia in Cina sta cambiando passo
13/04/2006 Cina
Google e Pechino collaborano ad un nuovo giro di vite sull'informazione libera
21/04/2006 Cina
Anche Skype si allinea alla censura del regime cinese
09/09/2011 CINA
Pechino: condannata a 9 mesi una dissidente per “aver interrotto il traffico”

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate