21 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/08/2012
NEPAL – QATAR
Il Ramadan “salva” 67 lavoratori migranti nepalesi in Qatar
di Kalpit Parajuli
Senza stipendio da quattro mesi, gli operai hanno trovato rifugio in una moschea vicino Doha. Nel mese sacro del digiuno, i musulmani si impegnano in opere di carità verso poveri e bisognosi. Ora i lavoratori chiedono all’ambasciata nepalese di essere rimpatriati.

Kathmandu (AsiaNews) - Il mese sacro del Ramadan "ha salvato" la vita di 67 operai nepalesi in Qatar. Senza stipendio da quattro mesi, gli uomini hanno infatti trovato ospitalità e cibo in una moschea vicino al mercato di Homsalal Ali Usel, a circa 35 km da Doha. La carità (zakat) verso poveri e bisognosi è uno dei cinque pilastri dell'islam, e nel mese di digiuno dall'alba al tramonto è ancora più praticata, come ulteriore forma di purificazione. Tuttavia, ora che il Ramadan è finito i nepalesi temono di non riuscire a sopravvivere, e hanno chiesto alla loro ambasciata in Qatar di aiutarli a tornare a casa.

Gli operai erano impiegati nella Bajra Qatar Company, ditta che fornisce manodopera edile. Quattro mesi fa, l'azienda ha iniziato a non pagare più gli stipendi, e i lavoratori si sono ritrovati per strada. Raghav Ansari, originario del distretto di Parsha in Nepal, racconta: "Siamo senza soldi e senza lavoro. Non potendo mangiare, io e i miei amici eravamo troppo deboli e siamo stati licenziati".

Per il momento, l'ambasciata del Nepal in Qatar non dà grandi segnali. Rishiram Ghimire, un diplomatico, ammette che "67 operai sono venuti per chiedere aiuto. Stiamo cercando di risolvere il problema. Abbiamo parlato con il datore di lavoro, che ha promesso di pagare i salari arretrati entro un mese e mezzo". Tuttavia, gli operai chiedono di essere rimpatriati.

Il Nepal ha più di 4 milioni di suoi cittadini impiegati all'estero, il 10% dei quali sono donne. Proprio queste sono le principali vittime di abusi sessuali, maltrattamenti e sfruttamento sul posto di lavoro, al punto che il 10 agosto scorso il governo del Nepal ha bloccato l'emigrazione delle donne sotto i 30 anni. La maggior parte dei casi si registra in Arabia Saudita, Qatar e Kuwait, ma anche altri Paesi mediorientali. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/09/2014 QATAR - NEPAL - GRAN BRETAGNA
Doha, giallo per la Coppa del Mondo: scompaiono due attivisti nepalesi che indagavano sullo sfruttamento dei lavoratori
di Christopher Sharma
20/02/2014 QATAR - INDIA
Qatar: in due anni, morti 500 migranti indiani nei cantieri per i Mondiali 2022
27/09/2013 NEPAL – QATAR
Qatar 2022, dopo la strage dei migranti Kathmandu richiama la sua ambasciatrice
01/06/2013 NEPAL - ARABIA SAUDITA
Riyadh costringe i migranti nepalesi a lasciare il Paese
di Kalpit Parajuli
23/01/2012 NEPAL
Oltre 1300 giovani migranti nepalesi uccisi da miseria e sfruttamento
di Kalpit Parajuli

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate