30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/08/2012, 00.00

    NEPAL – QATAR

    Il Ramadan “salva” 67 lavoratori migranti nepalesi in Qatar

    Kalpit Parajuli

    Senza stipendio da quattro mesi, gli operai hanno trovato rifugio in una moschea vicino Doha. Nel mese sacro del digiuno, i musulmani si impegnano in opere di carità verso poveri e bisognosi. Ora i lavoratori chiedono all’ambasciata nepalese di essere rimpatriati.

    Kathmandu (AsiaNews) - Il mese sacro del Ramadan "ha salvato" la vita di 67 operai nepalesi in Qatar. Senza stipendio da quattro mesi, gli uomini hanno infatti trovato ospitalità e cibo in una moschea vicino al mercato di Homsalal Ali Usel, a circa 35 km da Doha. La carità (zakat) verso poveri e bisognosi è uno dei cinque pilastri dell'islam, e nel mese di digiuno dall'alba al tramonto è ancora più praticata, come ulteriore forma di purificazione. Tuttavia, ora che il Ramadan è finito i nepalesi temono di non riuscire a sopravvivere, e hanno chiesto alla loro ambasciata in Qatar di aiutarli a tornare a casa.

    Gli operai erano impiegati nella Bajra Qatar Company, ditta che fornisce manodopera edile. Quattro mesi fa, l'azienda ha iniziato a non pagare più gli stipendi, e i lavoratori si sono ritrovati per strada. Raghav Ansari, originario del distretto di Parsha in Nepal, racconta: "Siamo senza soldi e senza lavoro. Non potendo mangiare, io e i miei amici eravamo troppo deboli e siamo stati licenziati".

    Per il momento, l'ambasciata del Nepal in Qatar non dà grandi segnali. Rishiram Ghimire, un diplomatico, ammette che "67 operai sono venuti per chiedere aiuto. Stiamo cercando di risolvere il problema. Abbiamo parlato con il datore di lavoro, che ha promesso di pagare i salari arretrati entro un mese e mezzo". Tuttavia, gli operai chiedono di essere rimpatriati.

    Il Nepal ha più di 4 milioni di suoi cittadini impiegati all'estero, il 10% dei quali sono donne. Proprio queste sono le principali vittime di abusi sessuali, maltrattamenti e sfruttamento sul posto di lavoro, al punto che il 10 agosto scorso il governo del Nepal ha bloccato l'emigrazione delle donne sotto i 30 anni. La maggior parte dei casi si registra in Arabia Saudita, Qatar e Kuwait, ma anche altri Paesi mediorientali. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/09/2014 QATAR - NEPAL - GRAN BRETAGNA
    Doha, giallo per la Coppa del Mondo: scompaiono due attivisti nepalesi che indagavano sullo sfruttamento dei lavoratori
    Krishna Upadhyaya e Gundev Ghimire lavorano per il Global Network for Rights and Development (Gnrd), organizzazione norvegese per i diritti umani. Erano nel Paese del Golfo per indagare sulla situazione dei migranti impegnati a costruire le infrastrutture per la Coppa del Mondo. Gli ultimi contatti risalgono a cinque giorni fa: "Siamo seguiti dalla polizia, sembra che ci creeranno parecchi problemi". Le autorità locali non rispondono alle richieste della comunità internazionale.

    13/11/2014 QATAR - FIFA
    Mondiali 2022, il Qatar sarà assolto dalle accuse di corruzione
    Lo annuncia una fonte alla Bbc. Il Paese mediorientale si è aggiudicato il prestigioso torneo nel 2010 battendo Australia, Usa, Corea e Giappone. Ma i dirigenti della Federazione internazionale sarebbero stati "convinti" con tangenti per un totale di circa 4 milioni di euro. Nessun passo avanti nella situazione dei migranti, i nuovi schiavi costretti a costruire gli stadi nel deserto.

    20/02/2014 QATAR - INDIA
    Qatar: in due anni, morti 500 migranti indiani nei cantieri per i Mondiali 2022
    Per Doha il dato è "nella norma", considerato l'alto numero di lavoratori originari dell'India nel Paese. Attivisti e organizzazioni internazionali accusano il governo del Golfo di continuare a violare i diritti umani dei lavoratori stranieri.

    01/06/2013 NEPAL - ARABIA SAUDITA
    Riyadh costringe i migranti nepalesi a lasciare il Paese
    L'ultimatum del governo saudita scadrà il 3 luglio. Preoccupate le autorità di Kathmandu per il rientro improvviso di 120mila lavoratori emigrati. Gli esperti: "Se il governo non riesce a generare posti lavoro, il Paese rischia fame e povertà".

    27/09/2013 NEPAL – QATAR
    Qatar 2022, dopo la strage dei migranti Kathmandu richiama la sua ambasciatrice
    Dai villaggi più poveri del Nepal ai cantieri di Doha 2022: l’assegnazione dei prossimi mondiali al Qatar incentiva una moderna forma di schiavismo. Oltre un milione di migranti ‘intrappolati’ nel Paese: migliaia sono nepalesi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®