28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/05/2017, 08.58

    COREA - USA

    Il Thaad è operativo. Alla prova i rapporti tra Washington e Seoul



    La Corea del Sud si avvicina alle elezioni presidenziali il prossimo 9 maggio. Il favorito Moon Jae-in afferma che spetta a Seoul la parola definitiva sul sistema anti-missilistico. Il candidato promuove il dialogo con la Corea del Nord e critica il governo conservatore per la sua posizione aggressiva. Chung Eui-yong: “Dobbiamo scegliere ciò che è meglio per i nostri interessi nazionali”. Continuano le manovre militari congiunte tra Washington e Seoul. Trump: “Sarei onorato di incontrare Kim”.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Un portavoce delle forze Usa con sede in Corea del Sud ha dichiarato oggi che il controverso sistema antimissilistico Thaad è “operativo e ha la capacità di intercettare missili nordcoreani e difendere la Repubblica di Corea”. Il Terminal High Altitude Area Defense, voluto con forza dagli Stati Uniti che ne hanno accelerato le operazioni di spiegamento, negli ultimi giorni è al centro di forti polemiche che secondo gli analisti mettono alla prova i rapporti tra Washington e Seoul.

    La Corea del Sud si avvicina alle elezioni presidenziali il prossimo 9 maggio. Con molta probabilità le consultazioni porteranno alla vittoria  il leader del partito liberale Moon Jae-in, il quale ha affermato che la prossima amministrazione di Seoul dovrebbe avere la parola definitiva sul dispiegamento del Thaad. L'ufficio della campagna di Moon ha dichiarato che il suo dispiegamento dovrebbe essere immediatamente sospeso fino ad allora.

    Lo scorso 27 aprile, il presidente americano Trump aveva espresso la volontà che Seoul pagasse i costi della messa in operatività del sistema, che ammontano a circa un miliardo di dollari. Kim Ki-jung, un consulente per la politica estera di Moon, ha risposto che il suggerimento era “un'opzione impossibile”. Lo scorso 30 aprile Herbert McMaster, consigliere americano per la sicurezza nazionale ha poi tentato di placare le polemiche, precisando che gli Stati Uniti sosterranno i costi delle operazioni.

    In un libro pubblicato a gennaio, Moon afferma  che la Corea del Sud dovrebbe imparare a “dire no agli americani”. Il candidato del Partito democratico sudcoreano promuove il dialogo con la Corea del Nord e ha criticato il governo conservatore per la sua posizione aggressiva, che non ha consentito di fermare lo sviluppo delle armi di Pyongyang. Seoul ha dichiarato che la decisione di utilizzare il Thaad è stata in ultima analisi una decisione militare presa dagli Stati Uniti.

    Molti analisti sudcoreani si interrogano ora sulle motivazioni dietro le affermazioni del presidente americano e sulla fretta con cui gli Usa hanno voluto spiegare il sistema antimissilistico. “Trump sta utilizzando il Thaad come cavia per testare i rapporti con Seoul”, ha dichiarato Kim Dong-yup, professore presso il Kyungnam University’s Institute of Far Eastern Studies di Seoul. “Trump sembra stia saggiando l'impegno della Corea del Sud nell'alleanza Corea-USA. Mi chiedo se lo faccia perché già pensa che Moon vincerà le elezioni”, ha aggiunto Kim.

    Un secondo consigliere di Moon per la politica estera ha dichiarato che i commenti di Trump circa il costo del Thaad pongono domande fondamentali su dove possa essere diretta l'alleanza. “Questa è una dimensione nuova”, ha dichiarato Chung Eui-yong, ex ambasciatore sudcoreano a Ginevra, che guida una squadra di consulenti. “La nostra posizione è che dovremmo rivedere il Thaad anche se non lo paghiamo, ma le osservazioni di Trump sui costi hanno cambiato l'aspetto fondamentale di questo problema”, ha detto Chung. “Dobbiamo scegliere ciò che è meglio per i nostri interessi nazionali”.

    Nonostante le polemiche politiche degli ultimi giorni, continuano le manovre militari congiunte tra Washington e Seoul. Le tensioni nella penisola coreana sono aumentate, con le ripetute minacce dalla Corea del Nord e la presenza di un gruppo di navi da guerra americane e di un sottomarino nucleare. Due bombardieri statunitensi hanno partecipato ieri ad un’esercitazione con la forza aerea della Corea del Sud, in quella che gli Stati Uniti hanno definito un'operazione di routine.

    Il volo dei due bombardieri è avvenuto quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato di essere aperto a incontrare il leader del Nord  Kim Jong-un nelle circostanze appropriate, anche se Pyongyang ha affermato di voler  continuare con i suoi test nucleari. Nonostante ciò, Trump ha dichiarato che sarebbe “onorato” di incontrare il giovane dittatore del Nord.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/06/2017 08:37:00 COREA
    Pyongyang lancia nuovi missili. Moon frena lo sviluppo del Thaad

    I missili lanciati oggi non sono sottoposti al divieto Onu. Essi potrebbero colpire delle “grandi navi”. Bloccato ogni ulteriore spiegamento del sistema anti-missilistico Usa per motivi ecologici. Manifestazioni anti-Thaad a Seongju. Seoul è disposto a continuare i rapporti intercoreani con le ong e le organizzazioni caritative e religiose, ma Pyongyang le rifiuta.



    12/04/2017 08:58:00 COREA DEL SUD
    Moon, candidato cattolico alla presidenza: Protagonisti del dialogo con Kim Jong-un, non spettatori

    Dialoghi diretti con Kim Jong-un e revisione dello spiegamento del sistema antimissilistico Thaad. Intanto gli Usa inviano la portaerei Carl Vinson nel mar del Giappone per una prova di forza. Xi Jinping: Usiamo mezzi pacifici.



    10/05/2017 08:13:00 COREA
    Moon Jae-in è il 19mo presidente della Corea del Sud

    Il candidato democratico ha vinto con il 41,1% dei voti. Promette la fine dello stile “imperiale” della presidenza. Le sfide della disoccupazione e della crescita economica. Una politica di distensione con la Corea del Nord. Gli auguri dagli Stati Uniti, dal Giappone, dalla Cina.



    31/05/2017 10:17:00 COREA DEL SUD
    I vertici militari hanno mentito al presidente Moon Jae-in sul Thaad

    Quattro componenti del sistema anti-missilistico sono state consegnate senza che il presidente ne sapesse niente. Il ministro della difesa ha ammesso la presenza dei lanciamissili e dei sistemi radar solo in seguito ad un'indagine interna. I nuovi armamenti sono custoditi in una base militare Usa in attesa di essere allestiti. Non prima però che il parlamento sudcoreano dia la propria autorizzazione. Sulla vicenda pesa l’irritazione della Cina che si sente minacciata nella sua sicurezza nazionale e annuncia ritorsioni



    18/05/2016 08:54:00 STATI UNITI – COREA DEL NORD
    Donald Trump apre a un meeting con Kim Jong-un

    Il miliardario americano, probabile candidato repubblicano alle prossime presidenziali americane, ha detto: “Non avrei alcun problema a incontrarlo. Proprio nessuno”. Sul tavolo dell’ipotetico summit ci sarebbero il programma nucleare di Pyongyang e il rapporto con la Cina: “Metterei un’enorme pressione su Pechino. Abbiamo un potere immenso dal punto di vista economico”. La sfidante, Hillary Clinton, commenta: “Ha un bizzarro amore per gli uomini forti stranieri”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®