20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/01/2017, 10.02

    SRI LANKA

    Il card. Ranjith inaugura l’Anno di san Giuseppe Vaz, l’Apostolo dello Sri Lanka (Foto)

    Melani Manel Perera

    L’arcivescovo di Colombo ha detto che egli è stato un “eccezionale esempio di riconciliazione”. Parlava sia la lingua tamil che quella singalese e viveva in comunione con entrambe le etnie. Una reliquia esposta per la devozione dei fedeli. Gettate le fondamenta del nuovo santuario nazionale a lui dedicato.

    Colombo (AsiaNews) – Il card. Malcom Ranjith, arcivescovo di Colombo, ha inaugurato il 2017 come l’Anno dedicato a san Giuseppe Vaz, l’Apostolo dello Sri Lanka e primo santo del Paese canonizzato da papa Francesco durante il viaggio pastorale del 2015. La cerimonia si è svolta il 14 gennaio nella cattedrale di santa Lucia a Kotahena nella capitale, in concomitanza con la chiusura dell’Anno della Misericordia. Ai presenti il porporato ha detto: “San Giuseppe Vaz è stato uno straordinario esempio di riconciliazione per i tamil e i singalesi, i due gruppi linguistici [ed etnici, ndr] dello Sri Lanka. Egli non solo parlava entrambe le lingue, ma ha vissuto in modo pacifico con i membri delle due etnie”.

    L’arcivescovo ha riferito che la Chiesa cattolica dell’isola ha intenzione di diffondere maggiori dettagli “sul suo coraggioso lavoro per lo Sri Lanka e per i cattolici nel mondo. Particolare attenzione verrà data alla lotta contro la povertà e alla crescita dell’armonia religiosa tra le differenti religioni e i gruppi razziali, virtù che san Giuseppe Vaz ha incarnato in pieno”.

    Nel giorno di inaugurazione dell’Anno, una reliquia del santo (un mantello di cotone blu) è stata esposta per la devozione in due luoghi di culto: dalle 6 di mattina alle 4 di pomeriggio, presso il santuario di sant’Antonio di Kochchikade; dalle 4.30 di pomeriggio alle 9 di sera nella cattedrale di santa Lucia, dove era stata portata in processione. Dal prossimo 31 marzo la reliquia verrà collocata nella basilica di Nostra Signora di Tewatte, il santuario mariano nazionale.

    Per l’occasione è stato annunciato anche l’inno ufficiale, il brano “Vandaneeyawu, Pujaneeyawu” composto da J.K.S. Perera. Il cardinale ha invitato i vescovi e i sacerdoti presenti a promuovere il canto in tutte le parrocchie delle diocesi durante l’anno.

    Nei giorni successivi varie cerimonie si sono svolte sul territorio e nelle scuole. A Maha Galgamuwa, nella parte centro-occidentale dove si trova la chiesa dedicata all’Apostolo, è stata posta la prima pietra per un santuario nazionale in suo onore.

    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-1
    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-1


    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-2
    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-2


    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-3
    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-3


    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-4
    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-4


    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-5
    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-5


    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-6
    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-6


    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-7
    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-7


    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-8
    Anno di san Giuseppe Vaz in Sri Lanka-8


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/03/2017 14:47:00 SRI LANKA
    Sri Lanka: san Giuseppe Vaz, pioniere del dialogo interreligioso e del valore dei laici

    Il 2017 è l’Anno dedicato all’Apostolo dello Sri Lanka. Di origini indiane, nel 1687 è approdato nell’isola durante la persecuzione dei calvinisti olandesi. A quel tempo non c’erano sacerdoti. Una congregazione religiosa per formare missionari; l’impegno tra i poveri e i malati; la spinta verso il dialogo con le altre denominazioni; la leadership dei laici.



    19/01/2015 SRI LANKA - VATICANO
    Card. Ranjith: Il Papa ha costruito ponti di pace per lo Sri Lanka
    Le parole di ringraziamento dell'arcivescovo di Colombo e presidente della Conferenza episcopale dello Sri Lanka al termine della canonizzazione di Giuseppe Vaz. Risollevarsi dopo la guerra civile è "un cammino difficile. Abbiamo bisogno delle sue preghiere e delle sue benedizioni".

    05/12/2017 14:58:00 SRI LANKA
    Wewala, festa per i 75 anni della chiesa di san Francesco Saverio

    La messa celebrata dal card. Malcolm Ranjith. L’arcivescovo di Colombo esorta i cattolici a “lavorare per la liberazione degli altri”. “Diventare salvatori dei nostri fratelli e sorelle e praticare la fede come veri seguaci di Gesù”.



    21/01/2016 13:20:00 SRI LANKA
    Card. Ranjith e Sirisena: La religione è essenziale per costruire l’unità nazionale

    Il presidente dello Sri Lanka ha partecipato alla cerimonia tamil del Thai Pongal. La festa era organizzata in un college, con l’obiettivo di promuovere la pace fra i gruppi etnici a partire dagli scolari. Arcivescovo di Colombo ad una festa della Chiesa: “Abbandoniamo la concezione dell’appartenenza in base al sangue. Uniamoci insieme per affrontare le sfide”.



    30/09/2017 11:27:00 SRI LANKA
    Una mostra dedicata a san Giuseppe Vaz, l’apostolo dello Sri Lanka

    Allievi del catechismo di tre parrocchie hanno allestito 15 stand, fatti di diversi materiali e con supporti digitali. La preparazione è durata due mesi. Parroco di Bolawalana: “I giovani sono il nostro futuro”. Due studenti: “Non sapevamo da dove iniziare e abbiamo pregato san Giuseppe. E lui ci ha dato anche il bel tempo”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®