14/01/2015, 00.00
SRI LANKA - VATICANO
Invia ad un amico

Papa in Sri Lanka: S. Giuseppe Vaz, modello di missione per "i seguaci di Gesù oggi"

Papa Francesco canonizza il primo santo dello Sri Lanka, "sacerdote esemplare"; al servizio "della pace" e della "riconciliazione"; capace di "uscire" e di vivere come "discepolo-missionario": il modello di missione della Evangelii Gaudium. La libertà religiosa, diritto umano fondamentale. "L'autentica adorazione di Dio" non discrimina, non odia, non è violenta. Per le opere di carità del papa, il card. Ranjith offre un dono della Chiesa dello Sri Lanka "povera, ma ricca".

Colombo (AsiaNews) - Giuseppe Vaz, il primo santo dello Sri Lanka canonizzato stamane da papa Francesco è stato "un sacerdote esemplare", al servizio "della pace" e della "riconciliazione"; egli ha saputo "offrire la verità e la bellezza del Vangelo in un contesto multi-religioso, con rispetto, dedizione, perseveranza e umiltà". Davanti a circa mezzo milione di fedeli radunati nel parco Galle Face Green, che si stende lungo la costa dell'Oceano Indiano, Francesco lo ha indicato a modello per tutta la Chiesa: "Questa è la strada anche per i seguaci di Gesù oggi", ha detto. E con termini legati al suo programma di riforma della Chiesa, tratteggiato nella sua esortazione apostolica Evangelii gaudium, ha aggiunto: "Siamo chiamati ad 'uscire' con lo stesso zelo, con lo stesso coraggio di san Giuseppe, ma anche con la sua sensibilità, con il suo rispetto per gli altri, con il suo desiderio di condividere con loro quella parola di grazia (cfr At 20,32) che ha il potere di edificarli. Siamo chiamati ad essere discepoli missionari".

La messa di canonizzazione di Giuseppe Vaz (1651-1711), beatificato da Giovanni Paolo II proprio al Galle Face Park nel 1995, è cominciata alle 8.30. La gente ha iniziato a radunarsi fin dalle 3 del mattino, giungendo da tutta l'isola. La celebrazione è variegata e armonica: per difendersi dal sole cocente, i fedeli aprono un'onda multicolore di ombrelli; il coro e il popolo cantano in inglese, in tamil e in singalese, ma anche in latino e in gregoriano; ai tamburi e ai sitar rispondono i violini e l'orchestra; lo stesso papa pronuncia il canone in latino, mentre il popolo risponde in inglese.

Nella sua omelia, papa Francesco tratteggia anzitutto la biografia del nuovo santo: "Sacerdote Oratoriano, dalla sua natia Goa, san Giuseppe Vaz arrivò in questo Paese, ispirato da zelo missionario e da un grande amore per queste popolazioni. A causa della persecuzione religiosa in atto, si vestiva come un mendicante, adempiva ai suoi doveri sacerdotali incontrando in segreto i fedeli, spesso di notte. I suoi sforzi hanno dato forza spirituale e morale alla popolazione cattolica assediata. Egli ebbe un particolare desiderio di servire i malati e i sofferenti. Il suo ministero con gli infermi, durante un'epidemia di vaiolo a Kandy, fu così apprezzato dal re, che gli fu concessa maggiore libertà di esercitare il ministero stesso. Da Kandy poté raggiungere altre zone dell'isola. Si consumò nel lavoro missionario e morì, esausto, all'età di cinquantanove anni, venerato per la sua santità".

In lui "vediamo un segno eloquente della bontà e dell'amore di Dio per il popolo dello Sri Lanka. Ma in lui vediamo anche uno stimolo a perseverare nella via del Vangelo, a crescere noi stessi in santità, e a testimoniare il messaggio evangelico di riconciliazione al quale egli ha dedicato la sua vita".

Il papa tratteggia quindi tre caratteristiche della testimonianza del santo, dimensioni da vivere e attuare nella missione odierna della Chiesa.

"Innanzitutto - ha detto -  egli fu un sacerdote esemplare. Qui oggi con noi ci sono molti sacerdoti, religiosi e religiose, i quali, come Giuseppe Vaz, sono consacrati al servizio del Vangelo di Dio e al prossimo. Incoraggio ognuno di voi a guardare a san Giuseppe come a una guida sicura. Egli ci insegna ad uscire verso le periferie, per far sì che Gesù Cristo sia conosciuto e amato ovunque. Egli è anche esempio di paziente sofferenza per la causa del Vangelo, di obbedienza ai superiori, di amorevole cura per la Chiesa di Dio (cfr At 20,28). Come noi, egli è vissuto in un periodo di rapida e profonda trasformazione; i cattolici erano una minoranza e spesso divisa all'interno; si verificavano ostilità, perfino persecuzioni, all'esterno. Ciò nonostante, poiché egli fu costantemente unito nella preghiera al Signore crocifisso, fu in grado di diventare per tutta la popolazione un'icona vivente dell'amore misericordioso e riconciliante di Dio".

"In secondo luogo, san Giuseppe ci ha mostrato l'importanza di superare le divisioni religiose nel servizio della pace. Il suo indiviso amore per Dio lo ha aperto all'amore per il prossimo; egli ha dedicato il suo ministero ai bisognosi, chiunque e dovunque essi fossero. Il suo esempio continua oggi ad ispirare la Chiesa in Sri Lanka. Essa volentieri e generosamente serve tutti i membri della società. Non fa distinzione di razza, credo, appartenenza tribale, condizione sociale o religione nel servizio che provvede attraverso le sue scuole, ospedali, cliniche e molte altre opere di carità. Essa non chiede altro che la libertà di portare avanti la sua missione. La libertà religiosa è un diritto umano fondamentale. Ogni individuo dev'essere libero, da solo o associato ad altri, di cercare la verità, di esprimere apertamente le sue convinzioni religiose, libero da intimidazioni e da costrizioni esterne. Come ci insegna la vita di Giuseppe Vaz, l'autentica adorazione di Dio porta non alla discriminazione, all'odio e alla violenza, ma al rispetto per la sacralità della vita, al rispetto per la dignità e la libertà degli altri e all'amorevole impegno per il benessere di tutti".

"Infine, san Giuseppe ci offre un esempio di zelo missionario. Nonostante fosse giunto a Ceylon per soccorrere e sostenere la comunità cattolica, nella sua carità evangelica egli arrivò a tutti. Lasciandosi dietro la sua casa, la sua famiglia, il conforto dei suoi luoghi familiari, egli rispose alla chiamata di partire, di parlare di Cristo dovunque si recasse. San Giuseppe sapeva come offrire la verità e la bellezza del Vangelo in un contesto multi-religioso, con rispetto, dedizione, perseveranza e umiltà. Questa è la strada anche per i seguaci di Gesù oggi. Siamo chiamati ad 'uscire' con lo stesso zelo, con lo stesso coraggio di san Giuseppe, ma anche con la sua sensibilità, con il suo rispetto per gli altri, con il suo desiderio di condividere con loro quella parola di grazia (cfr At 20,32) che ha il potere di edificarli. Siamo chiamati ad essere discepoli missionari".

"Cari fratelli e sorelle - ha concluso - prego che, seguendo l'esempio di san Giuseppe Vaz, i cristiani di questo Paese possano essere confermati nella fede e dare un contributo ancora maggiore alla pace, alla giustizia e alla riconciliazione nella società srilankese. Questo è quanto Cristo si aspetta da voi. Questo è quanto san Giuseppe vi insegna. Questo è quanto la Chiesa vi chiede".

Verso la fine della celebrazione, il card. Malcom Ranjith di Colombo ha ringraziato il papa per la sua venuta in Sri Lanka e per il sostegno che egli dà alla missione dei cattolici nell'isola "perla dell'Oceano Indiano". Poi, in italiano, ha aggiunto che la Chiesa dello Sri Lanka è 2un Chiesa di poveri", ma "siamo anche ricchi" e per questo ha consegnato un'offerta raccolta in questi mesi fra i fedeli per aiutare "la carità del papa".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giovani cattolici: Papa Francesco e san Giuseppe Vaz sono i nostri eroi
14/01/2015
Card. Ranjith: Joseph Vaz santo, esempio missionario per la Chiesa dello Sri Lanka
19/09/2014
Cristiani dello Sri Lanka: Torna presto, papa Francesco!
15/01/2015
Papa negli Usa: San Junipero Serra ha vissuto la “Chiesa in uscita”, la gioia dell’andare e annunciare
23/09/2015
Papa in Sri Lanka: Una visita per riconciliare le discordie
13/01/2015