Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/02/2006, 00.00

    turchia - italia

    Il card. Ruini ricorda don Andrea, "voleva essere testimone di Cristo"



    Con la sua morte, afferma il cardinale vicario e presidente della Conferenza episcopale italiana,"si aggiunge si aggiunge un nuovo anello alla lunga catena dei sacerdoti romani che hanno versato il proprio sangue per il Signore".

    Roma (AsiaNews) - Era stato parroca a Roma, don Andrea Santoro, prima di recarsi in Anatolia "per essere in quella terra testimone silenzioso e orante di Gesù Cristo": ora "con questo tragico evento si aggiunge si aggiunge un nuovo anello alla lunga catena dei sacerdoti romani che hanno versato il proprio sangue per il Signore". Lo ricorda così il cardinale vicario di Roma, cardinale Camillo Ruini, in una sua dichiarazione, firmata anche come presidente della Cei, a significare il dolore dell'intera Chiesa italiana.

    "Don Andrea – scrive il cardinale - aveva intensamente desiderato e insistentemente chiesto di poter lasciare Roma per l'Anatolia". "Tutta la Diocesi di Roma, e in particolare i sacerdoti, che amavano e stimavano profondamente d. Andrea, già  parroco delle parrocchie romane di Gesù di Nazareth e poi dei SS. Fabiano e Venanzio, profondamente colpiti da questa tristissima notizia, elevano al Signore intense preghiere per don Andrea, per la sua anziana madre, per le sorelle e i familiari tutti".

    La diocesi, "pur nel grande dolore, è orgogliosa di lui e ringrazia il Signore per questa fulgida testimonianza nell'umile certezza che da essa nascerà  nuova vita cristiana".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/03/2006 italia - turchia - islam
    Card. Ruini, il martirio di don Santoro dimostra l'esigenza della libertà di religione

    Il sacerdote ucciso voleva "rendere presente Cristo" in Turchia. Il problema della reciprocità. Le condizioni per un eventuale insegnamento della religione islamica nelle scuole pubbliche.



    10/02/2006 ITALIA - TURCHIA
    Il card. Ruini annuncia la causa di beatificazione di don Andrea Santoro

    Celebrando la messa per i funerali del sacerdote ucciso, il cardinale vicario parla della necessità di "affermare il diritto alla libertà religiosa".



    05/02/2006 turchia
    Ucciso un sacerdote italiano a Trebisonda

    Il Paese è sotto shock. Le televisioni parlano di vergogna per l'assassinio del sacerdote della diocesi di Roma.



    05/02/2006 turchia - vaticano
    Nunzio ad Ankara: Don Andrea Santoro, un martire del terzo millennio

    Fra i moventi dell'assassinio, quello fondamentalista: l'uccisore ha gridato "Allah akhbar, Allah è grande!". Ma è anche possibile una vendetta della mafia della prostituzione.



    14/06/2010 ITALIA-VATICANO-TURCHIA
    Card. Tettamanzi: Mons. Padovese, vogliamo raccogliere il lamento della Chiesa turca
    Ai funerali nel duomo di Milano, un rappresentante del Vaticano legge il telegramma del papa. L’arcivescovo di Milano ricorda il sacrificio del vescovo ucciso e parla del suo corpo e sangue donato, come Cristo. Cautela sul parlare del “martirio” del prelato. Ma mons. Franceschini, vescovo di Smirne, sottolinea che la morte di mons. Padovese è un martirio come quello di don Andrea Santoro. Un appello per aiutare la Chiesa di Turchia che “non ha neanche la libertà di gridare la propria pena”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®