29 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/01/2012
FILIPPINE
Il fratello dell’assassino di p. Tentorio è ancora a piede libero
Robert Ato sartebbe sotto la protezione di un politico locale dell’Arakan Valley (Mindanao). Il fratello Jimmy, presunto omicida è in carcere, ma non ha ancora confessato. Per il superiore regionale del Pime nessun missionario locale conosce i due sospettati.

Zamboanga (AsiaNews) – Robert Ato, fratello del presunto assassino di p.Tentorio e autista della motocicletta su cui i due sono fuggiti , è ancora in libertà e avrebbe trovato rifugio presso Nancy Catamco, un politico locale donna di Arakan (Mindanao). Lo affermano fonti di AsiaNews a Mindanao. Verso l’uomo non è stato ancora emesso un mandato ufficiale di cattura. Intanto, il fratello, Jimmy Ato, arrestato lo scorso 29 dicembre, è in carcere a Manila, ma non ha ancora ammesso l’omicidio.

Tuttavia, Virgilio Mendez, vice direttore del Narional Bureau Investigation (Nbi), ha assicurato ieri che l’accusato sta cedendo agli interrogatori e confesserà nei prossimi giorni. Secondo l’ufficiale di polizia, l’uomo ha ricevuto una ricompensa di 1500 pesos (26 euro) per uccidere il sacerdote.

P. Giovanni Re, superiore regionale del Pontificio istituto missione estere (Pime) nelle Filippine, sottolinea che le indagini vanno avanti, ma non vi sono ancora risultati concreti. A tutt’oggi i mandanti e le ragioni dell’omicidio sono sconosciute. “I missionari attivi nell’Arakan Valley – afferma – non hanno mai avuto contatti con i due sospettati”. Secondo il sacerdote essi apparterrebbero a una tribù locale diversa dai Manobo, l’etnia con cui lavorava p. Tentorio. (S.C.)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/12/2011 FILIPPINE
Arrestato il presunto assassino di padre Fausto Tentorio
11/01/2012 FILIPPINE
Un politico e il capo della polizia dell’Arakan fra i possibili mandanti dell’omicidio Tentorio
17/10/2011 FILIPPINE
Ucciso missionario del Pime a Kidapawan
03/04/2012 FILIPPINE
Indigeni manobo preparano la Pasqua ricordando il sacrificio di p. Tentorio
17/10/2011 FILIPPINE
Missionario Pime: p. Tentorio, padre, fratello e amico per migliaia di tribali senza voce

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate