20 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/01/2012, 00.00

    FILIPPINE

    Il fratello dell’assassino di p. Tentorio è ancora a piede libero



    Robert Ato sartebbe sotto la protezione di un politico locale dell’Arakan Valley (Mindanao). Il fratello Jimmy, presunto omicida è in carcere, ma non ha ancora confessato. Per il superiore regionale del Pime nessun missionario locale conosce i due sospettati.
    Zamboanga (AsiaNews) – Robert Ato, fratello del presunto assassino di p.Tentorio e autista della motocicletta su cui i due sono fuggiti , è ancora in libertà e avrebbe trovato rifugio presso Nancy Catamco, un politico locale donna di Arakan (Mindanao). Lo affermano fonti di AsiaNews a Mindanao. Verso l’uomo non è stato ancora emesso un mandato ufficiale di cattura. Intanto, il fratello, Jimmy Ato, arrestato lo scorso 29 dicembre, è in carcere a Manila, ma non ha ancora ammesso l’omicidio.

    Tuttavia, Virgilio Mendez, vice direttore del Narional Bureau Investigation (Nbi), ha assicurato ieri che l’accusato sta cedendo agli interrogatori e confesserà nei prossimi giorni. Secondo l’ufficiale di polizia, l’uomo ha ricevuto una ricompensa di 1500 pesos (26 euro) per uccidere il sacerdote.

    P. Giovanni Re, superiore regionale del Pontificio istituto missione estere (Pime) nelle Filippine, sottolinea che le indagini vanno avanti, ma non vi sono ancora risultati concreti. A tutt’oggi i mandanti e le ragioni dell’omicidio sono sconosciute. “I missionari attivi nell’Arakan Valley – afferma – non hanno mai avuto contatti con i due sospettati”. Secondo il sacerdote essi apparterrebbero a una tribù locale diversa dai Manobo, l’etnia con cui lavorava p. Tentorio. (S.C.)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/12/2011 FILIPPINE
    Arrestato il presunto assassino di padre Fausto Tentorio
    Il ministro della Giustizia Leila de Lima ha dichiarato oggi che il responsabile dell’uccisione del sacerdote a Mindanao, un uomo di Arakan, Jimmy Ato, e suo fratello, Robert sono stati arrestati dopo un conflitto a fuoco.

    11/01/2012 FILIPPINE
    Un politico e il capo della polizia dell’Arakan fra i possibili mandanti dell’omicidio Tentorio
    Fonti di AsiaNews commentano la confessione del presunto assassino del sacerdote apparsa nei giorni scorsi sull’agenzia di stampa MindaNews. William Buenaflor, ex candidato sindaco dell’Arakan aveva grandi interessi nella zona e considerava il missionario un ostacolo alla sua elezione. A tre mesi dalla morte de sacerdote le indagini sono ferme e mancano prove concrete per arrestare gli accusati.

    17/10/2011 FILIPPINE
    Ucciso missionario del Pime a Kidapawan
    P. Fausto Tentorio è stato assassinato davanti alla parrocchia di Arakan. Da oltre 32 anni nelle Filippine, il missionario lavorava a stretto contatto con gli indigeni, minacciati dalla crescente industria mineraria. P. Tentorio è il terzo missionario del Pime ad essere ucciso a Mindanao.

    03/04/2012 FILIPPINE
    Indigeni manobo preparano la Pasqua ricordando il sacrificio di p. Tentorio
    P. Vettoretto (Pime) sottolinea il messaggio di speranza lasciato dal missionario ucciso nell'ottobre 2011. I tribali animeranno le celebrazioni della Settimana Santa con preghiere e canti in lingua tradizionale. Ancora ferme le indagini sulla morte del sacerdote.

    17/10/2011 FILIPPINE
    Missionario Pime: p. Tentorio, padre, fratello e amico per migliaia di tribali senza voce
    P. Giulio Mariani, sacerdote del Pime a Zamboanga, ricorda il missionario ucciso. I suoi confratelli lo chiamavano il “tribale”. Dietro la morte si sospetta la mano di uomini d’affari interessati ai terreni degli indigeni per lo sfruttamento minerario.



    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®