20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/09/2009, 00.00

    VATICANO-MEDIO ORIENTE

    Il futuro della Chiesa in Medio Oriente nell’incontro dei patriarchi col Papa

    Fady Noun

    La crescita del fondamentalismo in Medio Oriente e l’inquietudine dei cristiani, l’importanza del dialogo islamo-cristiano, lo statuto del patriarca cattolico orientale nella Chiesa universale e la giurisdizione ecclesiastica in Kuwait e nei Paesi del Golfo i temi portati domani all’udienza dai capi dei sette riti cattolici della regione.
    Beirut (AsiaNews) – La crescita del fondamentalismo in Medio Oriente e l’inquietudine dei cristiani, l’importanza del dialogo islamo-cristiano, lo statuto del patriarca cattolico orientale nella Chiesa universale e la giurisdizione ecclesiastica in Kuwait e nei Paesi del Golfo. Sono i quattro punti dei quali i sette patriarchi cattolici orientali, su loro richiesta, parleranno domani con Benedetto XVI.
     
    Il patriarca maronita Nasrallah Boutros Sfeir (nella foto), l’armeno cattolico Bédros XIX e  il siro-cattolico Ignace Youssef III Younane sono giunti a Roma ieri, oggi saranno raggiunti dal melkita Gregorio III, dal caldeo Emmanuel Delly, da quello latino di Gerusalemme Fouad Twal e dal copto Antonios Nagib.
     
    Le considerazioni dei patriarchi sono illustrate in una nota che sarà portata al Papa, al quale, nel loro incontro, i patriarchi parleranno in primo luogo delle questioni della presenza delle loro Chiese nell’ambito della Chiesa universale e di altri temi ecclesiologici. Tra questi anche la questione della giurisdizione ecclesiastica del Kuwait e degli altri emirati del Golfo, verso i quali, nel corso degli ultimi anni, sono emigrate dagli altri Paesi arabi decine di migliaia di operai e funzionari cristiani, chiamati dal boom economico. Le Chiese orientali cattoliche vogliono chiedere una riflessione sul fatto che, sul piano storico, la regione dovrebbe far parte del rito antiocheno.
     
    I patriarchi, poi, manifestano la loro inquietudine per i cristiani del Medio Oriente, sfidati dalla crescita del fondamentalismo soprattutto in Egitto e Iraq e sottolineano l’importanza di un’azione internazionale energica e concertata per riparare alle ingiustizie subite dalla Palestina e raccomandano una regolamentazione giusta che comprenda il diritto dei palestinesi a un loro Stato. Viene anche nuovamente sottolineata l’importanza del dialogo islamo-cristiano.
      
    Nel corso della loro permanenza a Roma, i patriarchi dovrebbero partecipare anche, il 21 e 22 settembre, a una sessione preparatoria in vista di una assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per il Medio Oriente, che potrebbe tenersi nel 2010, in Vaticano.
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/12/2012 VATICANO
    Papa: il mondo dia spazio al Signore della pace, nato in una grotta, rifiutato allora come oggi
    I conflitti del mondo nel pensiero di Benedetto XVI nella notte di Natale e nel messaggio Urbi et orbi, in particolare il Medio Oriente. Appello ai "nuovi dirigenti" della Cina a valorizzare l'apporto delle religioni. La cultura contemporanea tende a escludere la "questione di Dio" e ad accusare i monoteismi a essere la causa delle violenze.

    08/01/2009 VATICANO
    Papa: per costruire la pace, occorre ridare speranza ai poveri
    Medo Oriente e Asia in primo piano nell’esame della situazione del mondo fatta da Benedetto XVI con i diplomatici. Rimettere in vigore la tregua a Gaza. Servono nuovi leader per la pace. Le violenze anticristiane in India e Iraq. La mancanza di libertà religiosa. La crisi economica ha bisogno di una nuova fiducia.

    16/04/2012 VATICANO - M.ORIENTE
    Il papa in Libano per la missione dei cristiani e la Primavera araba
    La presidenza libanese e la Chiesa cattolica in Libano hanno annunciato che Benedetto XVI visiterà il Paese dei Cedri dal 14 al 16 settembre prossimo. L'occasione è la consegna dell'Esortazione apostolica che segue al Sinodo sul Medio oriente, celebrato nell'ottobre 2010. A P. Samir Khalil AsiaNews ha chiesto un commento sul senso di questo viaggio. P. Samir è stato uno degli esperti che hanno lavorato a stretto contatto col papa prima, durante e dopo il Sinodo.

    12/08/2017 12:13:00 LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.



    16/09/2012 LIBANO - VATICANO
    Papa: per la pace in Medio oriente "soluzioni praticabili" che rispettino dignità e diritti di tutti
    Appello di Benedetto XVI alla comunità internazionale e agli arabi perché "cessi il fragore delle armi" in Siria e nei "Paesi vicini". Centinaia di migliaia di persone alla messa a Beirut al termine della quale Benedetto XVI consegna ai vescovi del Medio oriente l'esortazione apostolica Ecclesia in Medio Oriente. I cristiani siano "servitori di pace".



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®