19/12/2014, 00.00
GIAPPONE
Invia ad un amico

Il governo ammette: Troppe culle vuote, serve un piano per la natalità

L'esecutivo guidato da Shinzo Abe presenta il rapporto sulla decrescita della popolazione e lancia l'allarme: "Se non aumentano le nascite rischiamo di non essere più sostenibili dal punto di vista previdenziale e sanitario". Proposti due pacchetti di misure, a breve e lungo termine, ma ancora vaghi gli interventi precisi a favore della procreazione.

Tokyo (AsiaNews) - Dopo circa un anno dall'annuncio, il governo giapponese ha presentato gli obiettivi di crescita della popolazione e i programmi di sostegno alla natalità, ma senza aggiungere i passi specifici che intende adottare per fermare il crollo della natalità nel Paese. Nell'introduzione al documento, si legge infatti: "Non ci sono misure decisive per aumentare i tassi di fertilità. E non ci sono misure a sorpresa".

In effetti, si tratta più che altro di un ammissione: "Se non aumentano le nascite, la sostenibilità del Giappone è a rischio. A rischio il sistema sanitario e quello pensionistico, oltre alla produttività industriale". Al momento il tasso di natalità è di 1,43 (fra i più bassi al mondo): Tokyo intende portarlo all'1,8 entro il 2030, con la speranza che nel decennio successivo arrivi a 2,07.

Tuttavia, l'esecutivo sottolinea di "non voler interferire" con le singole scelte dei propri abitanti: "Sposarsi o avere un figlio sono decisioni basate sulla libera scelta dell'individuo. Di conseguenza, non ci saranno pressioni di sorta su questi argomenti". Il testo indica invece "due visioni" per affrontare il problema: la prima è a lungo termine, e prevede misure come sgravi fiscali per le famiglie numerose; la seconda, da adottare al massimo entro il 2020, basata su "azioni concrete".

Tuttavia, il governo non scioglie il dubbio su quali saranno le decisioni concrete: "Dobbiamo lavorare per evitare la concentrazione della popolazione su Tokyo; rispondere al desiderio dei giovani, che vogliono un lavoro e una famiglia; affrontare queste sfide basandoci sulle caratteristiche di ogni area. Ma ci vorrà molto tempo prima di fermare la decrescita della popolazione".

La Chiesa cattolica giapponese cerca da tempo di sensibilizzare di più i circa 127 milioni di abitanti nipponici. La Conferenza episcopale ha dichiarato il 2010 "Anno della vita" e ha lanciato una serie di iniziative mediche e sociali a favore delle gravidanze. I risultati però non sono ancora soddisfacenti: moltissime coppie preferiscono attendere oltre il tempo massimo per avere un figlio, privilegiando la carriera. Inoltre, un altissimo tasso di suicidi fra i minorenni e una politica ancora troppo consumistica non lasciano ben sperare per il futuro.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Tokyo, le "culle vuote" minacciano la ripresa tentata da Shinzo Abe
02/01/2014
Seoul, se le culle restano vuote il popolo coreano "sarà il primo a scomparire"
26/08/2014
Corea, dopo la visita del Papa aumentano le nascite
25/11/2014
Corea, vescovo di Cheju: L'inverno demografico è un disastro nazionale, il governo deve intervenire
01/04/2014
Pechino elimina le “tasse inutili” per le industrie emergenti
07/05/2015