17 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/06/2017, 13.15

    THAILANDIA

    Il governo thai annuncia iniziative – non realistiche – contro la tratta di esseri umani



    Bangkok il centro del traffico di lavoratori e prostitute. Una fonte di AsiaNews: “È una fabbrica di soldi che nessuno ha interesse a chiudere”. La problematica al centro dell’Agenda nazionale del 2017. Il gen. Prayuth Chan-o-cha, primo ministro: “Tolleranza zero”. Il capo dell’esecutivo annuncia la ‘Strategia delle 5 P’.

    Bangkok (AsiaNews) – Il 5 giugno in Thailandia ricorre la Giornata contro il traffico di essere umani. Il gen. Prayuth Chan-o-cha, primo ministro del governo thai, ha presieduto oggi la cerimonia che apre le celebrazioni presso il Santi Maitee Building, nella sede del governo. Gli studenti delle scuole sono stati invitati a partecipare al concorso di pittura dal tema “la Thailandia è al sicuro dal traffico di esseri umani”, il cui primo premio è stato consegnato al vincitore dal primo ministro in persona.

    Maitee Intusut, vice ministro per lo Sviluppo sociale e la sicurezza umana, ha dichiarato: “In seguito alla relazione sul piano contro il traffico di esseri umani rilasciato dal Ministero nel primo trimestre di quest’anno, il primo ministro gen. Prayuth Chan-o-cha, sottolineando la gravità del problema, lo ha annunciato al centro dell’Agenda nazionale del 2017. Il tema di quest’anno è: “Lo Stato civile sia unito nella lotta al pericolo del traffico degli esseri umani”.

    Il gen. Chan-o-cha ha dichiarato: “Come riportato nella relazione del 2016, la tratta di persone è una problematica molto complicata e complessa, poiché essa viola i diritti umani in maniera seria. Il governo thai continua a combattere questa piaga in modo continuo, adottando misure di protezione e prevenzione in settori correlati. Ogni settore è invitato a portare avanti il mandato del governo nella lotta contro il traffico di esseri umani con la politica di tolleranza zero, al fine di perseguire e punire i trasgressori con il massimo possibile. Il piano contro la tratta di persone è la ‘Strategia delle cinque P’, che include: la Politica, il Procedimento penale, la Protezione, la Prevenzione e il Partenariato. Per citare alcuni esempi della strategia, oltre al fatto che il problema è stato inserito nell’agenda nazionale, quest'anno i fondi stanziati sono aumentati del 23,88%. L’efficienza dell’azione legale nella lotta alla tratta è passata dal 5% del 2015 al 19,92% del 2016. Quanto alla protezione, alle 196 vittime è stata data la possibilità di un impiego, mentre ai testimoni dei processi è consentito di rimanere in Thailandia fino a due anni, invece di uno solo. Inoltre, alle vittime vengono forniti 138 interpreti qualificati e altri 89 interpreti volontari per alleviare sofferenze o preoccupazioni”.

    “Invito le autorità interessate – ha continuato il primo ministro – a sottolineare i risultati degli obiettivi, integrando il lavoro al fine di sviluppare una maggiore comprensione del problema sia al livello nazionale che internazionale; a creare una visione della società thailandese in cui si realizzi che la tratta di esseri umani è un pericolo vicino e illegale. Tutti noi dovremmo rispettare i diritti dei nostri concittadini”. Il gen. Chan-o-cha ha infine suggerito l'idea di apportare le necessarie modifiche allo statuto di qualsiasi organizzazione ostacoli il sistema di lavoro nel suo complesso.

    Commentando le parole del gen. Chan-o-cha, una fonte di AsiaNews afferma: “Nella politica thai si discute molto del traffico di esseri umani. Tuttavia, la situazione non è affatto migliorata. Bangkok rimane il centro della tratta di persone. Ancora oggi migliaia di lavoratori non regolari vengono ‘esportati’ per essere impiegati all’estero da compagnie che, una volta giunti sul posto, li privano dei loro passaporti e li costringono al lavoro, talvolta non retribuito. Non potendo contare su una paga regolare, essi rimangono ostaggi di queste compagnie e non possono far ritorno alle loro famiglie. Per quanto riguarda la prostituzione, essa rappresenta un vero e proprio business, condotto da persone potenti che ne traggono immensi benefici economici. Vi sono coinvolti anche esponenti corrotti delle forze dell’ordine. Esiste qualche programma per il recupero delle ragazze vittime della prostituzione, ma in realtà questa è come una fabbrica di soldi che nessuno ha interesse a chiudere”.

     

    (Ha collaborato W. Kowitwanij)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/01/2018 11:05:00 THAILANDIA-MYANMAR
    Bangkok, Caritas Thailandia difende i diritti dei lavoratori migranti

    Il Paese è uno dei maggiori centri migratori di tutto il sud-est asiatico. I migranti economici sono 4-5 milioni, cui si aggiungono circa un milione di illegali. Dal 1 gennaio in vigore la nuova legge sui lavoratori non registrati. Da giugno è in corso un esodo di lavoratori birmani, cambogiani e laotiani.



    05/12/2017 10:31:00 MYANMAR-THAILANDIA
    In cinque mesi, oltre 155mila lavoratori birmani irregolari tornati dalla Thailandia

    L’esodo causato dalla paura per una nuova legge sul lavoro del governo di Bangkok. Multe tra i 1000 e i 2mila euro per tutti gli stranieri senza regolare permesso e pene fino a cinque anni di carcere. L'afflusso ha sovraccaricato le agenzie sociali ed il valico di frontiera tra Myanmar e Thailandia. I migranti di ritorno vittime di  estorsione da parte delle forze di sicurezza thai. In Thailandia presenti circa 4-5 milioni di lavoratori migranti e 1 milione di illegali.



    05/07/2017 14:45:00 THAILANDIA - MYANMAR
    Bangkok, entra in vigore la nuova legge sul lavoro: esodo dei lavoratori stranieri

    Alla fine di giugno circa 60mila immigrati hanno lasciato la Thailandia per paura delle sanzioni. Previste multe fino a 2.000 euro per gli stranieri senza permesso e pene fino a cinque anni di carcere. Quello birmano è il gruppo etnico più colpito. I rimpatriati vittime di estorsione da parte dei funzionari thai. Effetti negativi sull’economia della Thailandia.



    14/07/2017 12:50:00 CAMBOGIA
    Thailandia, l’esodo di migliaia di migranti cambogiani senza documenti

    Dal 28 giugno scorso, in 8.328 hanno fatto ritorno in Cambogia. Rischiano multe tra i 1.000 e i 2.000 euro e pene fino a cinque anni di reclusione. La mancanza di denaro è il fattore principale che incentiva i migranti a restare senza documenti. I rimpatriati decidono di rimanere nel Paese d’origine o di ritornare in Thailandia senza documentazione.



    06/02/2015 THAILANDIA - NUOVI SCHIAVI
    Missionario Pime: Tratta di esseri umani, piaga della Thailandia finanziata dall'Occidente
    P. Adriano Pelosin racconta l’opera della Chiesa, una “realtà piccola” che ha saputo portare alla luce “problemi nascosti”. Cambia il fenomeno della prostituzione, che ora coinvolge ragazze straniere, laotiane e birmane. La storia di Rose, schiava del sesso per i debiti del padre. Dalle scuole cattoliche iniziative di sensibilizzazione che raggiungono anche non cristiani.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®