3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/05/2009
VATICANO - CINA
Il papa approva un Compendio della sua Lettera ai cattolici della Cina
di Bernardo Cervellera
La pubblicazione a due anni dalla Lettera e nel giorno della Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. La Lettera sta favorendo l’unità fra Chiesa ufficiale e sotterranea, ma l’Associazione patriottica vigila sulla loro divisione con controlli e arresti.

Città del Vaticano (AsiaNews) – A due anni dalla pubblicazione della sua Lettera ai cattolici cinesi, Benedetto XVI ha approvato un”Compendio” del documento che da domani sarà disponibile sul sito vaticano in cinese e in inglese. Domani è anche la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, lanciata da pontefice proprio a conclusione della Lettera.

Secondo la dichiarazione della Sala stampa della Santa Sede, il Compendio riprende “gli elementi fondamentali” del documento, ma “secondo il genere letterario catechistico di domande e risposte”. Il Compendio era stato voluto con forza dal card. Joseph Zen, già vescovo di Hong Kong, grande paladino della libertà religiosa in Cina.

Esso “ripropone fedelmente, nella struttura e nel linguaggio, i contenuti della suddetta Lettera, riportando ampi estratti del suo testo. Esso, con l’aggiunta di alcune note a piè di pagina e di due brevi Appendici, si presenta come un autorevole strumento che può favorire una conoscenza più approfondita del pensiero di Sua Santità su alcuni punti particolarmente delicati”.

Alcuni fra i punti “delicati” riguardano il modo con cui trattare l’Associazione patriottica – l’organismo che controlla la Chiesa ufficiale, e che vuole edificare una chiesa indipendente dalla Santa Sede - la cui finalità viene dichiarata dal papa “inconciliabile con la dottrina cattolica”.

Diversi cattolici in Cina e all’estero pensano che dopo la Lettera, rimane necessario rapportarsi con l’Ap, come un “male minore” e dichiarano esaurito il periodo della Chiesa sotterranea, che rifiuta ogni collaborazione con l’Ap.

Dopo la pubblicazione della Lettera alcuni vescovi sotterranei hanno cercato di farsi riconoscere dal governo, rifiutandosi di iscriversi all’Ap. Ma il governo non ha accettato ed essi rimangono ancora dei vescovi illegali e passibili di prigione.

La Lettera del papa non ha potuto essere distribuita con facilità in Cina: l’Ap ne ha proibito la diffusione e i siti web che la riportavano hanno dovuto cancellarla. Alcuni sacerdoti che l’avevano distribuita sono stati arrestati. La Lettera in versione integrale, riportata sul nuovo sito web cinese della Santa Sede, è inaccessibile in Cina.

Il comunicato di oggi conferma comunque che il documento di Benedetto XVI ha avuto “grande e favorevole accoglienza” fra i cattolici cinesi che hanno potuto conoscerla”.

Uno dei frutti di tale Lettera è una maggiore unità e collaborazione fra cattolici ufficiali e non ufficiali. Diversi vescovi sotterranei hanno cominciato a collaborare per una pastorale comune con i vescovi ufficiali, ma a causa di questo sono incorsi nella persecuzione. In questi mesi i vescovi riconosciuti dal governo sono stati chiamati molte volte a subire per settimane e perfino per mesi sessioni politiche sul valore della politica religiosa del Partito comunista cinese. I vescovi sotterranei rimangono per la maggior parte agli arresti domiciliari. Tre vescovi sotterranei sono invece scomparsi nelle mani della polizia. Essi sono: mons. Giacomo Su Zhimin (diocesi di Baoding, Hebei), 75 anni, arrestato e scomparso dal 1996; mons. Cosma Shi Enxiang (diocesi di Yixian, Hebei), 86 anni, arrestato e scomparso il 13 aprile 2001; mons. Giulio Jia Zhiguo, scomparso per l’ennesima volta il 30 marzo scorso, proprio mentre si apprestava a lavorare insieme al vescovo ufficiale di Shijiazhuang, mons. Jang Taoran.

Per i contenuti della Lettera del papa, cfr il dossier di AsiaNews:    Lettera del Papa alla Chiesa in Cina

Sulla situazione attuale della Chiesa, v. In Cina è persecuzione. Incontro in Vaticano .

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/07/2009 CINA - VATICANO
Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
di Card. Joseph Zen
07/08/2010 CINA- VATICANO
Mons. An Shuxin, ex sotterraneo, istallato vescovo ordinario di Baoding
di Wang Zhicheng
14/01/2009 CINA - VATICANO
Esce il volume “La Cina di Mao processa la Chiesa”
di Mons. Claudio Celli
18/02/2010 VATICANO - CINA
Card. Zen: Le mie speranze per la Chiesa in Cina in questo Anno della Tigre
di Card. Joseph Zen Zekiun, sdb
29/10/2009 CINA - VATICANO
Vescovo clandestino dell’Hebei diventa membro dell’Associazione patriottica
di Bernardo Cervellera

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate