15/03/2013, 00.00
TURCHIA - VATICANO
Invia ad un amico

Il patriarca ecumenico Bartolomeo alla messa di insediamento di papa Francesco: la prima volta dallo scisma

Assieme a Bartolomeo saranno presenti il metropolita di Pergamo Ioannis Zizioulas, Copresidente della Commissione mista per l'unità fra cattolici e ortodossi, il metropolita ortodosso dell'Argentina e quello per l'Italia. Il patriarcato di Mosca spera in una più forte collaborazione, ma esclude per ora un incontro con il patriarca Kirill di Mosca.

Istanbul (AsiaNews) - Il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I sarà presente alla messa di insediamento del nuovo papa Francesco. Ne dà notizia ad AsiaNews lo stesso ufficio stampa del Fanar, facendo notare che è  la prima volta dallo scisma del 1054 fra cattolici e ortodossi e un segno importante per l'unità dei cristiani.

Assieme al patriarca ecumenico saranno presenti il metropolita di Pergamo Ioannis Zizioulas, Copresidente della Commissione mista per l'unità fra cattolici e ortodossi; Tarassios, metropolita ortodosso dell'Argentina; Gennadios, metropolita per l'Italia.

Dal Vaticano II, i rapporti fra cattolici e ortodossi sono sempre più migliorati con scambi di visite reciproche, gesti di amicizia e dialoghi teologici. Con Benedetto XVI tali dialoghi sono ripresi con vigore, dopo un periodo di stanca. Lo stesso papa ha proposto agli ortodossi di dare suggerimenti su come esprimere il primato del successore di Pietro in termini accettabili agli ortodossi, ispirandosi allo stile della Chiesa indivisa del primo millennio.

L'ecumenismo dei cattolici trova più resistenze con la Chiesa ortodossa russa e con il Patriarcato di Mosca, la "Terza Roma". Ieri, Ilarion metropolita di Volokolamsk  e responsabile del Dipartimento per le relazioni esterne ha spiegato ai giornalisti che un incontro fra il nuovo papa e il patriarca Kirill di Mosca "è possibile", ma "il tempo e il luogo dipenderanno da quanto saremo capaci di superare in fretta i conflitti fra la fine degli anni '80 e '90".

Ilarion si riferiva al problema della Chiesa cattolica ucraina di rito bizantino, fuorilegge dai tempi di Stalin e ritornata libera alla caduta dell'Urss, che ha preteso il ritorno delle chiese sequestrate un tempo dai comunisti e date agli ortodossi.

In ogni caso, ha spiegato Ilarion, "papa Francesco ha mostrato più di una volta la sua spirituale simpatia verso la Chiesa ortodossa e il suo desiderio di avere stretti contatti" . Ilarion spera che sotto il nuovo pontificato "si svilupperanno relazioni di alleanza e il nostro legame sarà fortificato".

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bartolomeo: Con Francesco invitiamo tutti i cristiani a celebrare il primo sinodo di Nicea nel 2025
29/05/2014
Riprende il dialogo cattolico-ortodosso. Mosca ha un peso maggiore
15/09/2017 10:19
Bartolomeo I in Vaticano parlerà di ‘Una comune agenda cristiana per il Bene comune’
07/12/2017 11:10
Papa Francesco, Bartolomeo I e l’arcivescovo Hieronymos coi migranti a Lesbo il 14 o il 15 aprile. Forse
06/04/2016 08:44
Il Messaggio di Bartolomeo I per la Giornata di preghiera per la cura del creato, insieme ai cattolici
31/08/2015