21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 25/08/2017, 08.48

    SRI LANKA – CINA

    Il premier Sirisena licenzia il ministro della giustizia: troppo critico verso la Cina



    Wijeyadasa Rajapakshe ha condannato in pubblico l’accordo multimiliardario sul porto di Hambantota. La cessione a Pechino del 70% dello scalo vale 1,1 miliardi di dollari. Le proteste della popolazione locale, che teme di essere sfrattata.

    Colombo (AsiaNews) – Il primo ministro dello Sri Lanka Maithripala Sirisena ha licenziato Wijeyadasa Rajapakshe, il guardasigilli del suo governo. In più occasioni, egli aveva osato criticare in pubblico l’accordo multimiliardario con cui lo scorso mese lo Sri Lanka ha ceduto alla Cina la maggioranza del porto di Hambantota, nel sud dell’isola. Lo scalo diventerà uno snodo fondamentale del progetto “One belt, One road”, la cintura di porti, autostrade e ferrovie in tutta l’Asia del sud e centrale che consentirà alle merci cinesi di arrivare fino al cuore dell’Europa.

    Gayantha Karunathillaka, portavoce del governo di Colombo, ha motivato l’estromissione di Rajapakshe come un tradimento nei confronti del partito. “Egli ha violato la responsabilità collettiva del gabinetto, parlando apertamente a sfavore dell’accordo”, ha dichiarato. In effetti il titolare della Giustizia ha più volte condannato la cessione dell’area alla China Merchants Port Holdings (CMPort), di proprietà cinese, che deterrà il 70% del capitale dell’Hambantota International Port Group, che gestirà il porto e il terminal. Secondo Rajapakshe, l’intesa del valore di 1,1 miliardi di dollari è stata una vera e propria “svendita” al miglior offerente.

    Il politico non è l’unico ad essersi opposto al progetto commerciale. Prima di lui, per diversi mesi la popolazione ha animato proteste e manifestazioni di piazza contro il megaprogetto di Pechino. Il timore degli abitanti è di essere sfrattati dalle proprie terre e di divenire una colonia cinese. Infatti gli accordi prevedono che la zona portuale sarà in concessione cinese per 99 anni e la stessa CMPort ha detto che il governo dello Sri Lanka ha assicurato che non darà avvio ad alcun progetto nel raggio di 100 chilometri da Hambantota per i prossimi 15 anni, in modo da non entrare in diretta competizione con il porto.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/01/2017 08:38:00 SRI LANKA – CINA
    Sri Lanka del sud: scontri e feriti nelle proteste contro un porto cinese

    Colombo sta portando a termine un accordo con Pechino per la concessione della durata di 99 anni di un’area costiera. Il progetto costringerà allo sfratto la popolazione locale. Il piano di investimenti rientra nella strategia cinese della “One belt, One road”.



    29/07/2017 09:00:00 SRI LANKA – CINA
    Colombo dà a Pechino il porto di Hambantota, ma cerca di accontentare India e Stati Uniti

    La proprietà dello scalo sarà per l’85% della China Merchants Port Holdings. Una seconda azienda, per il 50,7% sotto il controllo di Colombo, supervisionerà le operazioni di sicurezza. La popolazione locale teme di perdere le terre. India, Stati Uniti e Giappone preoccupati per la costruzione di una base navale militare.



    28/06/2017 13:25:00 SRI LANKA
    Sri Lanka, terra di colonizzazione economica cinese

    Il progetto di città portuale di Colombo ha indebolito il Paese, tanto da fargli perdere sovranità. L’isola è strategica per il piano “One belt, one road” di Pechino. Programmi di sviluppo che non ascoltano la voce delle persone.



    28/10/2017 12:07:00 PAKISTAN – CINA
    Il porto di Gwadar sarà la ‘testa di ponte’ della nuova Via della Seta cinese

    Lo scalo fa parte del China-Pakistan Economic Corridor, uno dei progetti di punta dell’iniziativa “One Belt, One Road”. Oltre al porto, sono in fase di costruzione un aeroporto internazionale, scuole, impianti elettrici, una tangenziale. Lavoratori locali temono la concorrenza dei cinesi.



    17/08/2015 SRI LANKA
    Lo Sri Lanka al voto, per scacciare il “fantasma” di Rajapaksa
    Gli elettori registrati sono oltre 15 milioni, 6.161 i candidati per i 225 seggi parlamentari. Le elezioni decideranno anche il nuovo Primo ministro. Il voto si sta svolgendo in un clima pacifico.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®