22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/05/2017, 16.52

    INDONESIA

    Il presidente indonesiano mette al bando gli integralisti islamici dell’Hti

    Mathias Hariyadi

    Il ministro Wiranto ha annunciato oggi la decisione. Attivo in Indonesia dal 1980, l’Hti è coinvolto in attività clandestine per la diffusione del califfato nel Paese. Promosse nella società indonesiana conflitti sociali tra le diverse confessioni religiose. L'amministrazione Widodo ha bandito in precedenza anche il movimento Fajar Nusantara (Gafatar).

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – Il governo del presidente Joko “Jokowi” Widodo ha deciso oggi di mettere al bando il movimento integralista Hizbut Tahrir Indonesia (Hti), poichè le sue attività contraddicono l'ideologia di Stato della Pancasila [pluralismo ndr] e costituiscono una minaccia per l'unità del Paese. Le autorità hanno emesso il provvedimento in seguito ad una serie di manifestazioni settarie nella capitale e in altre province d’Indonesia.

    Il gen. Wiranto, che coordina i ministeri di Affari politici, legali e sicurezza, ha annunciato oggi la decisione a margine di una riunione ministeriale per esaminare in maniera esaustiva tutte le organizzazioni di massa del Paese. La decisione è stata presa nel clima di un crescente radicalismo in Indonesia. Attivo in Indonesia dal 1980, l’Hti è coinvolto in attività clandestine con un unico programma: la diffusione del califfato nel Paese del sud-est asiatico.

    Tre sono le ragioni principali - spiegate dal ministro – per lo scioglimento dell’Hti :

    1. L’Hti è accusato di non cooperare con l'agenda politica del governo nel raggiungimento degli obiettivi nazionali.

    2. Le attività dell’Hti sono state monitorate e valutate a fondo. L’Hti promuove in segreto ideologie ed opinioni contrarie alla Pancasila, fondamento della politica nazionale, e alla Costituzione del 1945, alle quali è invece vincolato dalle normative del 2013 sulle organizzazioni di massa.

    3. Le attività dell’Hti hanno promosso nella società indonesiana conflitti sociali tra le diverse confessioni religiose. Queste tensioni sono considerate gravi minacce alla sicurezza nazionale,  all'ordine pubblico  e all'unità della Repubblica indonesiana (NKRI).

    La disposizione, se approvata da un tribunale, rappresenterebbe il secondo caso in cui il governo vieta le attività di un movimento religioso nel Paese. L'amministrazione Widodo ha bandito in precedenza il movimento Fajar Nusantara (Gafatar) e ha sfrattato i membri del gruppo dal loro insediamento di Mempawah, West Kalimantan.

    L'esistenza di Hizbut Tahrir risale al 1953 in Palestina e la sua natura è di partito politico islamico. In Indonesia, Hizbut Tahrir ha cambiato il nome in Hizbut Tahrir Indonesia (Hti) ed esiste fin dal 1980. Tuttavia, sotto il regime autoritario del presidente Suharto, generale mosso da un forte sentimento anti-comunista e anti-islamista, l’Hti era stato costretto a soccombere sia dal punto di vista legale che politico.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/07/2017 11:13:00 INDONESIA
    Jakarta, approvata la legge che vieta i gruppi islamisti radicali

    La visione politica dei movimenti islamisti contraddice i valori della Pancasila. I gruppi sono responsabili di mesi di tensioni politiche. Hizbut Tahir Indonesia (HTI) è tra gli obiettivi principali del decreto. Il ministro Wiranto dichiara che la delibera mira a proteggere l'unità e l'esistenza dell'Indonesia come nazione. Nel Paese aumentano di episodi di intolleranza e settarismo.



    06/04/2017 15:14:00 INDONESIA
    I cittadini di Jakarta condannano l’uso della religione per fini politici

    I gruppi estremisti islamici tentano di condizionare le elezioni. Gli elettori condannano la manipolazione della religione per fini politici. Zulkifli Hasan, capo dell'Assemblea consultiva popolare: “Sbagliato usare la religione per promuovere l’incitamento all'odio e il risentimento”. Budi Arie Setiadji: “Le questioni settarie hanno consumato la nostra energia”



    26/07/2014 INDONESIA
    Indonesia, "gioia e speranza" della Chiesa per l'elezione di Jokowi
    Il presidente della Conferenza episcopale ad AsiaNews: "Widodo è l'uomo giusto per dare una svolta al nostro Paese". L'arcivescovo di Semarang: "Rimanga com'è oggi, semplice e vicino alla gente comune. Si impegni per gli emarginati". La soddisfazione della comunità economica: "Aiuterà a rilanciare lo sviluppo nazionale".

    17/12/2015 INDONESIA
    Ha violato il codice etico e preso tangenti: si dimette il presidente del parlamento di Jakarta
    Setya Novanto, membro dell’opposizione, era in carica dall’ottobre del 2014. Ha preso mazzette dal gigante minerario statunitense Freeport, che estrae oro e rame, in cambio di contratti d’appalto. Criticato dall’opinione pubblica e accusato dal ministero dell’Energia e della Giustizia, Novarto era apparso anche nella campagna elettorale di Donald Trump.

    31/10/2005 INDONESIA
    Poso: la polizia cerca gli assassini delle 3 adolescenti

    Non sono ancora stati identificati i colpevoli delle terribili decapitazioni di 3 giovani ragazze cristiane. Intanto gli abitanti di Poso si preparano alla festività dell'Eid al-Fitr.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®