18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/06/2007, 00.00

    IRAQ

    Il progetto della Piana di Ninive distrugge il dialogo, unica strada per la pace

    Louis Sako*

    L’arcivescovo caldeo di Kirkuk torna a ribadire i perché del no al “cantone” cristiano nella Piana di Niniveh: nella zona non vi sono strutture necessarie ad ospitare le migliaia di famiglie che arriverebbero, il progetto nega la cultura del pluralismo e del dialogo, che è invece l’unica soluzione per l’Iraq. Appello ai leader delle Chiese locali perché prendano una posizione chiara sul futuro dei cristiani.
    Kirkuk (AsiaNews) – La continua persecuzione che colpisce in modo indistinto e con la stessa ferocia sunniti, sciiti e cristiani, costringendoli all’emigrazione, conferma che” il problema in Iraq è il fondamentalismo” e non uno scontro di civiltà. Per questo la soluzione rimane il “dialogo”, senza barriere ideologiche o geografiche. Per questo i cristiani, come iracheni, devono poter continuare a vivere fianco a fianco con i loro fratelli musulmani e non in una zona circoscritta e distinta. È il nucleo della riflessione di mons. Louis Sako, arcivescovo caldeo di Kirkuk, che ad AsiaNews ribadisce le ragioni della contrarietà al progetto assiro della “Piana di Niniveh” per i cristiani d’Iraq.
     
    Ho letto alcune critiche riguardo il mio articolo sul "Safe Haven" cristiano nella Piana di Niniveh, per questo vorrei chiarire alcuni punti. Fra teoria e prassi c'è una grande distanza. Dobbiamo essere obiettivi, realistici e prudenti. Il progetto di Niniveh è strumentalizzato e rischia di essere indirizzato oggi ai cristiani dell'Iraq, domani a quelli d'Egitto o del Libano. Coloro che premono per la realizzazione di questa utopia sono in maggioranza fuori dall'Iraq e non conoscono la situazione interna: con l’arrivo dei nuovi rifugiati a nord, non vi è già più posto. Un villaggio che aveva 2mila abitanti ora ne conta 3mila. L’affitto di una stanza costa 200 dollari al mese. Non c'è lavoro, scuole, università, mancano i servizi....Dove e come sistemerebbero le 30mila persone che dovrebbero arrivare da Bagdad, Bassora, Kirkuk e Mosul? I cristiani abituati a vivere in case agiate non riescono a vivere nei campi e sotto le tende! È impensabile paragonare la Piana di Niniveh al Kurdistan!
     
    Un ghetto per i cristiani comporterebbe scontri senza fine, come quelli a cui assistiamo in Palestina e Israele. Ho incontrato vescovi, preti, leader di partiti in Iraq e quasi la maggioranza di loro è contraria a questo progetto. Noi cristiani siamo una componente fondamentale nella storia e nella cultura irachena. Siamo una presenza significativa nella vita del Paese. Ci sentiamo iracheni a tutti gli effetti. La nostra identità s'è formata e si forma all’interno di una storia e di una tradizione cristiana! Abbiamo resistito alle minacce e alle persecuzioni nel corso della nostra storia e abbiamo trovato il modo per continuare a vivere e testimoniare il Vangelo nella nostra terra. La nostra Chiesa è una chiesa martire, è il suo carisma!
     
    Il problema non è fra cristiani e musulmani; il problema è il fondamentalismo, che esclude l'altro e lo annienta per motivi religiosi, etnici, etc...La soluzione è incoraggiare la cultura del pluralismo, aiutare la gente a riconoscere l'altro come una persona umana, con un valore assoluto, accettarlo come fratello, e collaborare con tutti per una società migliore, basata sul rispetto dei diritti fondamentali. Creare “cantoni” chiusi per i cristiani o per le altre comunità è una catastrofe per il nostro mondo.
    Se si vuole la pace, i musulmani saggi e moderati, come pure i leader cristiani, devono aiutare la gente semplice a integrarsi nella società contemporanea. Dveono aggiornare il discorso religioso predendo in considerazione le realtà presenti. D’altro canto anche il discorso politico deve rispettare la volontà dei popoli e i loro diriti. Non c'è altra soluzione.
     
    * Arcivescovo caldeo di Kirkuk
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/06/2007 IRAQ
    In Iraq i cristiani vogliono ricostruire il Paese a fianco dei “fratelli musulmani”
    P. Saad Hanna Sirop, uno dei primi sacerdoti caldei rapiti a Baghdad ed ex responsabile del Babel College, torna a ribadire che la persecuzione in atto in Iraq non è un’esclusiva dei cristiani e colpisce anche sciiti e sunniti. L’intervento del sacerdote segue l’unanime bocciatura della Chiesa caldea al progetto della Piana di Niniveh. La necessità di evitare discorsi settari ed esclusivisti, e piuttosto studiare un’“azione universale per il bene del Paese, che è patrimonio di tutta l’umanità”.

    07/06/2007 IRAQ
    La Piana di Ninive, una trappola per i cristiani iracheni!
    Alla vigila dell’incontro tra il Papa e Bush, l’arcivescovo di Kirkuk analizza i rischi del progetto di assegnare ai cristiani una regione autonoma nella Piana di Niniveh, soluzione contro la quale si sono già espressi autorevoli ambienti del Vaticano.

    29/08/2010 IRAQ
    Cattolico di Mosul ucciso dopo il rapimento. La famiglia aveva pagato un riscatto
    La famiglia si è vista consegnare il cadavere dopo aver pagato 15 mila dollari. Per gli estremisti islamici uccidere un cristiano durante il mese sacro di Ramadan è un’azione meritoria. Timori per la diffusa insicurezza, dopo il ritorno a casa degli americani e la mancanza di un governo a più di 5 mesi dalle elezioni.

    15/05/2008 IRAQ
    Pressioni per annettere i villaggi cristiani del nord al Kurdistan
    Secondo notizie non confermate dalle autorità politiche, nella Piana di Niniveh funzionari curdi chiedono ai profughi cristiani di firmare per l’annessione al Kurdistan in cambio degli aiuti mensili. L’iniziativa si collocherebbe nel progetto mai abbandonato dal governo di Erbil di creare un “safe haven” cristiano sotto la sua amministrazione. Le preoccupazioni della comunità locale.

    24/05/2007 IRAQ
    Governo iracheno: “pieno sostegno” ai cristiani perseguitati a Baghdad
    In un comunicato ufficiale il Consiglio dei ministri promette protezione alle famiglie perseguitate dagli estremisti islamici e condanna la violenza perpetrata contro la comunità. Cristiani in patria accolgono con favore la dichiarazione di Baghdad, ma chiedono ora “provvedimenti concreti”. Anche leader religiosi musulmani si schierano a difesa dei “fratelli cristiani”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®