25/06/2008, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Il quotidiano massacro delle bambine indiane povere

di Nirmala Carvalho
Allarmante denuncia del forte aumento di feticidi femminili e di neonate “lasciate” morire, perché considerate un peso inutile. Non ha avuto successo l’impegno contrario dello Stato. Cardinal Gracias: l’attività della Chiesa e le speranze per un futuro migliore.

New Delhi (AsiaNews) – E’ allarme in alcune zone dell’India per gli aborti femminili e le neonate lasciate morire, denunciano l’ong umanitaria ActionAid e il Centro canadese per la ricerca e lo sviluppo internazionale, nel rapporto “Le figlie che scompaiono”. In una parte del Punjab tra le caste inferiori ci sono meno di 300 bambine per ogni 1.000 maschi. Il vicepresidente della Conferenza episcopale cattolica racconta l’attività della Chiesa e la speranza nel futuro.

In tutti i 5 Stati settentrionali studiati, il fenomeno è risultato peggiorato rispetto al censimento del 2001, cosa che dimostra l’insuccesso della politica pubblica per impedirlo. Tra le cause sono indicate anche la carente assistenza sanitaria in alcune zone. Ma sono riferite soprattutto uccisioni deliberate, come nelle rurali Morena e Dhaulpur dove si usa lasciare la figlia indesiderata morire per mancanza di cure, con il cordone ombelicale che si infetta. In molte zone rurali sono preferiti figli maschi, che aiutano nel lavoro dei campi.

Il rifiuto di bambine aumenta in proporzione al numero dei figli: la percentuale femminile è molto inferiore per il secondo e terzo figlio, rispetto al primo, sintomo di più frequenti aborti selettivi, spesso con l’aiuto illegale, ma remunerato di medici e infermiere. Si stimano esserci 500mila aborti di feti femminili l’anno, 10 milioni negli ultimi 20 anni.

Il cardinale Oswald Gracias, vicepresidente della Conferenza dei vescovi cattolici indiani, dice ad AsiaNews che “in India la Chiesa cattolica lotta senza sosta per favorire la vita sin dal concepimento, creando centri sanitari e dispensari anche nelle zone rurali più remote, senza distinzione di casta e credo religioso”. “Nei nostri centri sanitari diamo anche insegnamenti morali ed etici contro l’infanticidio e insegniamo a medici e personale sanitario di rispettare il valore e la dignità di ogni vita. Occorre rendere consapevoli che questa è una violazione dei diritti  umani, sia delle donne che dei bambini non nati”.

“Contro la grave piaga dell’aborto conduciamo anche orfanotrofi che si prendono cura di qualsiasi bambino e operano per farlo adottare”. “Ho fiducia che in modo graduale cambi la mentalità della popolazione, anche grazie al rapido progresso del Paese. Per questo non vedo nero il futuro. Anche se è triste che il maggior benessere porti a preoccuparsi per le ricchezze ma non a una ricchezza spirituale”.

“La discriminazione deriva dalla tradizionale bassa considerazione della società indiana verso le femmine, viste come un peso, richiedenti una forte dote che molte famiglie povere non possono dare. Le bambine sono in genere meno istruite e hanno minori cure sanitarie, rispetto ai fratelli. La Chiesa, tramite attività sociali ed educative, aumenta le opportunità di istruzione e di apprendere un lavoro per la ragazze povere, per metterle in grado di vivere con dignità”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Per fermare gli infanticidi il governo darà contributi per le figlie femmine
15/03/2007
Forte condanna della Chiesa cattolica contro l’infanticidio femminile
24/07/2007
Sepolta viva dal nonno e dalla madre, sopravvive una neonata
06/07/2007
Rischiano di restare single 30 milioni di uomini cinesi
14/07/2004
Rischio aborto per 40-60 milioni di bambine entro 10 anni
27/03/2004