23 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/11/2005, 00.00

    giordania

    Il terrorista Zarqawi ripudiato e condannato dalla famiglia



    I membri della sua tribù rinnovano la loro fedeltà a re Abdullah II. Fonti di AsiaNews ad Amman: "Dopo gli attacchi, rafforzato sentimento di unità nazionale e fiducia, nella nazione e nel re".

    Amman (AsiaNews) – Con una lettera aperta pubblicata ieri sui quotidiani nazionali, i membri della famiglia di Abu Musab al-Zarqawi hanno ripudiato il leader di al-Qaeda in Iraq condannando le sue attività terroristiche.

    Nella lettera – mezza pagina di lunghezza sui 3 maggiori giornali giordani – 57 membri della tribù al-Khalayleh, fra cui un fratello ed un cugino di Zarqawi, hanno rinnovato la loro fedeltà al re Abdullah II ed hanno sottolineato di aver rotto ogni rapporto con il terrorista "fino al giorno del giudizio".

    Il messaggio è apparso dopo la rivendicazione da parte del gruppo di Zarqawi degli attacchi che il 9 novembre hanno colpito 3 grandi hotel della capitale giordana, uccidendo 58 persone e ferendone più di 90, e dopo le minacce contro il re contenute in un messaggio audio reso noto venerdì scorso.

    Rivolgendosi ad Abdullah II, Zarqawi ha detto: "La tua stella si sta affievolendo. Non sfuggirai al tuo destino, sei un discendente di traditori. Riusciremo a prendere la tua testa e tagliartela".

    Fonti di AsiaNews in Giordania affermno che gli attacchi del 9 novembre non hanno diviso la popolazione "la prima reazione è stata invece quella di compattarsi sotto la leadership". "In maniera spontanea si è rafforzato un sentimento di unità nazionale e di lealtà, di vero patriottismo e di fiducia, nella nazione e nel re".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/06/2006 iraq
    Con al-Masri cambierà la strategia di Al Qaeda in Iraq

    L'egiziano, antico compagno di al-Zawahiri, numero due del gruppo terrorista, dovrebbe far perdere al movimento gli aspetti più truculenti, soprattutto per quanto riguarda gli attacchi alle moschee sciite e allinearsi alla strategia globale del network.



    15/09/2005 iraq
    Zarqawi dichiara "guerra totale" agli sciiti


    08/06/2006 iraq
    "Speranza di pace", per il patriarca Delly, dalla fine di Al Zarqawi e dal nuovo governo

    A sei mesi dalle elezioni il capo del governo è riuscito a nominare i ministri-chiave di difesa ed interni. Al Qaeda conferma la notizia dell'uccisione del suo capo in Iraq. Bush e Blair esprimono soddisfazione, ma non ci si nasconde che il terrorismo non è vinto.



    25/02/2005 iraq
    Vescovo iracheno: L'Iraq sconfigge i terroristi

     



    04/02/2015 GIORDANIA - ISLAM
    La Giordania giustizia due jihadisti. Lo Stato islamico diffonde il video del pilota bruciato vivo
    Sajida al-Rishawi era stata condannata per la sua partecipazione a un attentato che ha fatto 60 morti nel 2005. Ziad al-Karboli, di al Qaeda, era stato condannato nel 2007 per aver ucciso un giordano. La crudeltà del video dell'uccisione del giovane pilota Maaz al-Kassasbeh. Critiche al re Abdallah per la sua partecipazione alla coalizione guidata dagli Usa.



    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®