26 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/04/2017, 11.54

    PAKISTAN

    Imam pakistani chiedono l’esecuzione di Asia Bibi, dopo il linciaggio dello studente di Mardan

    Kamran Chaudhry

    Per i leader islamici l’impiccagione della madre cristiana sarebbe un deterrente per le violenze di massa. Per loro è giustificabile il comportamento degli studenti che hanno ucciso e seviziato un loro collega per presunta blasfemia. Commissione Giustizia e pace: “Le università devono insegnare il pensiero critico, le virtù della tolleranza, della coesistenza e dell’accettazione”.

    Lahore (AsiaNews) – Imam pakistani chiedono che Asia Bibi, la madre cristiana rinchiusa da sette anni nel braccio della morte per presunta blasfemia, venga impiccata. Secondo alcuni noti predicatori islamici, il linciaggio dello studente di Mardan, ucciso, denudato e torturato per offese al profeta, sarebbe “colpa” di Asia e del fatto che presunti blasfemi come lei non sono ancora stati puniti. Il mufti Muhammad Haneef Qureshi ha affermato davanti alle telecamere: “Se i peccatori venissero dichiarati blasfemi dai tribunali, senza che vengano concesse loro proroghe nella pena, gli studenti non agirebbero in quella maniera. Le persone hanno perso fiducia nello Stato, a causa della noncuranza delle istituzioni e del loro silenzio criminale. Incidenti come quello della Wali Khan University continueranno fino a quando verrà offeso il loro sentimento religioso”.

    Ad AsiaNews p. Emmanuel Yousaf Mani, direttore della Commissione nazionale Giustizia e pace (Ncjp) della Conferenza episcopale pakistana, condanna le “errate dichiarazioni” degli imam: “Essi dovrebbero guardare in faccia la realtà. Essi devono scoraggiare le persone ad assumere la legge nelle proprie mani. Le moschee dovrebbero fermare questi annunci provocatori”.

    Come il mufti, anche altri imam hanno chiesto che venga eseguita la sentenza di morte contro Asia Bibi. Secondo gli islamici, se la donna venisse impiccata, la sua esecuzione fungerebbe da deterrente contro le violenze di massa. In questo modo i leader islamici giustificano l’atroce episodio avvenuto la scorsa settimana nel campus dell’università di Mardan, dove il 23enne Mashal Khan è stato linciato a morte con l’accusa di aver pubblicato su Facebook commenti a favore della fede ahmadi.

    Pervez Khattak, chief minister della provincia di Khyber Pakhtunkhwa, ha dichiarato che non sono state riscontrate prove a carico dello studente che confermerebbero la sua colpevolezza. Nel frattempo la polizia ha arrestato 22 persone sospettate di coinvolgimento nel linciaggio e ha aperto un caso contro due imam di Swabi, la città natale di Mashal Khan, che avevano tentato di impedire la celebrazione dei suoi funerali.

    P. Mani apprezza la posizione espressa da un altro leader musulmano, Shaikh Saleh Bin Muhammad Ibrahim, imam della Grande Moschea della Mecca, che ha criticato coloro che pronunciano false accuse di blasfemia. “L’islam è una religione di pace – ha detto – perdono, tolleranza. I suoi fedeli devono essere guidati e indottrinati nel miglior modo possibile”.

    Nei giorni scorsi la Commissione Giustizia e pace ha anche emesso un comunicato stampa in cui chiede con urgenza “al governo del Pakistan di assicurare alla giustizia i responsabili di tale odio e violenza estrema”. Sottoscrivendo il documento, p. Mani, mons. Joseph Arshad (vescovo di Faisalabad) e Cecil Shane Chaudhry (direttore esecutivo della Ncjp), sostengono che “è inaccettabile una simile violenza e comportamento barbaro. In presenza della legge, nessuno è giustificato a prendere la legge nelle proprie mani. Inoltre il materiale d’odio e discriminatorio deve essere rimosso dai libro di testo, se vogliamo creare una società pacifica e tollerante”. “L’università deve sviluppare il pensiero critico, l’accettazione delle opinioni altrui a prescindere dalla fede che si professa. Dobbiamo insegnare ai nostri studenti le virtù della tolleranza, della coesistenza e dell’accettazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2017 11:46:00 PAKISTAN
    Lahore, cristiano evangelico accusato di blasfemia, avrebbe strappato pagine del Corano

    Shahbaz Babu rischia la pena capitale. È incolpato di aver scritto il suo nome sulle pagine del libro sacro dell’islam, ma il cristiano è del tutto analfabeta. La denuncia sarebbe una ritorsione per questioni economiche. L’arrestato è popolare anche tra alcuni musulmani perché organizza incontri di preghiera.



    01/03/2016 12:37:00 PAKISTAN
    Attivisti: Siamo contro la pena di morte, ma l’impiccagione di Qadri ha reso giustizia

    La morte dell’assassino dell’ex governatore Salman Taseer ha sollevato un ampio dibattito tra gli islamisti e coloro che condannano le esecuzioni capitali, ma ritengono che in certi casi siano giustificate. L’impiccagione di Qadri è “da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”. Essa dimostra che le istituzioni sono “pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista”.



    14/04/2017 12:29:00 PAKISTAN
    Mardan, sdegno di cattolici e attivisti per lo studente linciato a morte per presunta blasfemia (Video)

    La vittima si chiamava Mashal Khan e aveva 23 anni. Studiava giornalismo presso la Abdul Wali Khan University. Nel campus si era diffusa la voce che gli attribuiva commenti in favore degli ahmadi su Facebook. “Abbiamo creato una società in cui gli studenti diventano assassini”. “La responsabilità è di tutti: politici, autorità, partiti radicali che rimangono in silenzio e sostengono l’estremismo”.



    16/10/2014 PAKISTAN
    Vescovo di Islamabad: La condanna di Asia Bibi è straziante, il mondo preghi per lei
    Dopo cinque rinvii, l’Alta corte conferma la pena capitale per la madre cristiana, simbolo della lotta alla blasfemia. I legali annunciano ricorso alla Corte suprema, ultimo grado di giudizio. Vescovo di Islamabad: decisione straziante, appello alla preghiera. Domenica 19 iniziative di solidarietà nel Paese.

    06/06/2017 11:22:00 PAKISTAN
    Pakistan, rapporto sullo studente linciato: non era blasfemo

    Mashal Khan non ha mai pronunciato offese contro il profeta. L’indagine voluta dalla Corte suprema. L’omicidio pianificato un mese prima per punire il ragazzo dalla denuncia di corruzione. Dal 1990 almeno 65 persone uccise dai “vigilanti del Corano”.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®