04/10/2005, 00.00
CINA
Invia ad un amico

In Cina viene curato solo chi paga

Da 20 anni ospedali gestiti con criteri "commerciali". Solo una minoranza dei pazienti ha l'assicurazione medica, gli altri vendono tutto o si curano da soli. In ospedale per coprire le alte spese vengono prescritti cure e farmaci non necessari.

Pechino (AsiaNews/Scmp) – In Cina il 22% della popolazione mondiale dispone solo del 2% delle risorse mediche globali. I pazienti debbono pagare le spese mediche e chi non può farlo si cura da solo e muore senza poter andare in ospedale.

Negli ultimi 20 anni le riforme hanno trasformato la sanità in un'azienda guidata dal principio del profitto: ospedali e istituti medici, privi di sovvenzioni pubbliche adeguate, debbono procurarsi i soldi per il personale e le spese. I pazienti pagano le cure e sono perfino incoraggiati a svolgere analisi non necessarie, ma costose.

"Con la richiesta agli ospedali – dice Yu Zonghe, vicepresidente dell'Associazione ospedaliera cinese – di ottenere profitti sufficienti per finanziare i costi, il governo si sottrae alle responsabilità".

Zhu Qingsheng, vice ministro della Sanità, un anno fa ha evidenziato che al ministero è destinato appena l'1,6% delle spese statali. Ne beneficiano  le grandi città: "solo il 30% della spesa della sanità – prosegue Zhu -  è a beneficio dei contadini, che sono il 70% della popolazione... Gli abitanti delle aree urbane (il 30% del Paese) possono contare sul 70% del budget per il settore sanitario". Una minoranza dei cinesi ha l'assicurazione medica: nel 2004, secondo Zhu, il 45% della popolazione urbana era senza copertura assicurativa, il 79% nelle campagne. Gli altri, se hanno bisogno di cure mediche decenti, devono vendere le proprietà, chiedere un prestito e andare in una grande città. Anche chi può pagare le cure deve attendere tempi non brevi, le agende dei medici decenti nelle grandi città sono sempre piene. Secondo il World Health Report del 2004, il sistema sanitario cinese è tra i peggiori del mondo, al 189mo posto su 191 nazioni.

Gli ospedali, per finanziare le operazioni, vendono anche le medicine a prezzi maggiori del mercato, cosa che ha portato a conti salati per medicine e a un uso eccessivo di costosi medicinali.

Come risultato, continua Zhu, tra il 40 e il 60% dei contadini non ha mai potuto permettersi cure mediche e tra il 60 e l'80% dei cittadini cinesi muore senza poter andare in ospedale. Molti malati assumono medicine senza consigliarsi con il medico. Il risultato sono 190 mila morti ogni anno e altri 2,5 milioni di persone che ricorrono alle cure ospedaliere per uso improprio dei farmaci.

Gli alti costi hanno "svuotato" gli ospedali, la percentuale di utilizzo dei letti in ospedale è passata dall'87% del 1985 al 72% del 2004. Le strutture mediche preferiscono avere letti vuoti piuttosto che curare persone che non possono pagare gli alti costi.

Tra medici e pazienti  insoddisfatti crescono le discussioni e la tensione. A settembre in una clinica a Fuzhou un infuriato paziente ha ucciso il suo dottore, malgrado il medico avesse assunto guardie del corpo per difendersi dai pazienti arrabbiati.

In luglio un rapporto del Centro di ricerca e sviluppo del Consiglio di Stato ha concluso che le riforme degli ultimi 20 anni nel settore sanitario sono state "un fallimento" e che occorre un completo ripensamento. Ma non c'è accordo circa i possibili rimedi. Secondo una proposta occorre dividere le cure mediche "di base" da quelle "specializzate": il governo dovrebbe assicurare a tutti le cure fondamentali mentre resterebbero affidate al libero mercato le altre. Ma vengono evidenziati problemi quali la distinzione tra le 2 categorie e il modo per evitare abusi.

Molti medici sono scettici e osservano che ogni riforma deve prevedere maggiori fondi pubblici per la sanità. Altri sottolineano la scarsa preparazione dei dottori. "Qualità, efficienza ed equità – osserva Zhang Wei, assistente del professore presso il Dipartimento di salute, economia e management dell'università di Pechino – sono ugualmente importanti. Se la qualità dei servizi medici non è garantita, permarrà la diffusa insoddisfazione e non saranno risolti i problemi". (PB)
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino annuncia l’attesa riforma sanitaria
15/10/2008
Islamabad: assicurazione sanitaria gratuita per 80 milioni di poveri
06/02/2019 10:12
Cina, anziana abbandonata per giorni in un campo muore senza cure
27/03/2015
In Cina "bagarini" per la visita medica
12/10/2005
La Chiesa indiana dona una nuova vita ai bambini affetti da Hiv
04/05/2019 09:00