29 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/08/2012
RUSSIA
In Russia nasce la prima tv federale musulmana
di Nina Achmatova
Il canale Al-Rtv è sovvenzionato dallo Stato e da donazioni private, vuole aiutare a diffondere i valori dell’islam moderato, contro le influenze estremiste provenienti soprattutto da Sud.

Mosca (AsiaNews) - La Russia ha la sua prima tv pubblica musulmana. Si chiama Al-RTV ed è partita lo scorso 19 agosto, come fa sapere il portale d'informazione Bashinform. Voluta da alcune delle maggiori organizzazioni, che promuovono i valori religiosi e spirituali dell'islam nella Federazione, AL-RTV copre per ora otto regioni russe: Bashkortostan, Tatarstan e sei repubbliche del Caucaso settentrionale. I programmi sono iniziati nel giorno dell'Eid-ul-fitr, la feste che celebra la fine del mese sacro di Ramadan.

Il direttore è Rustam Arifdzhanov, vice presidente della Eurasian Academy of Television and Radio Broadcasting. La tv è controllata da un consiglio pubblico, costituito da rappresentanti delle maggiori organizzazioni islamiche del Paese, ed è sostenuta economicamente da donazioni private e sovvenzioni governative. L'idea è quella di estendere il servizio anche agli altri Paesi della Comunità degli Stati indipendenti (Cis).

Il problema di diffondere i valori dell'islam moderato per combattere la diffusione del wahhabismo, proveniente soprattutto dal Caucaso, è nel top dell'agenda non solo dei leder religiosi, ma anche del Cremlino. Di recente, la repubblica autonoma russa del Tatarstan, a maggioranza musulmana - ma nota per la pacifica convivenza tra islam e cristianesimo - è stata presa di mira da una serie di attentati, che secondo gli inquirenti sono legati proprio al tentativo di eliminare radicare nel tessuto sociale l'estremismo, finora alieno a queste zone.  

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/08/2011 RUSSIA - ISLAM
Mosca, un parco al posto della nuova moschea
26/08/2008 RUSSIA
Venerdì a Kazan la “dedicazione” di una nuova chiesa cattolica
28/04/2010 BANGLADESH
Dhaka chiude Channel 1, emittente tv vicina all’opposizione
di William Gomes
28/09/2006 RUSSIA - VATICANO
Patriarcato di Mosca: "politicizzate" le reazioni islamiche alle parole del papa
06/01/2004 russia - vaticano
Natale 2004: il trionfo di Aleksij e della Ortodossia politica
di Vladimir Rozanskij

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate