2 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 06/10/2009
VIETNAM - VATICANO
Incontro dei vescovi vietnamiti. Assente l’arcivescovo di Hanoi
di Nguyen Vu
Il vescovo fatto oggetto di aspre critiche dal governo per la sua difesa della libertà religiosa, è ammalato. A tema il giubileo dell’anno prossimo, con una possibile visita del papa; l’educazione nei seminari; aiuti alle vittime del tifone Ketsana; la beatificazione di François Pallu e di Lambert de la Motte.

 Xuan Loc (AsiaNews) – Da ieri è in corso il raduno della conferenza episcopale del Vietnam, che durerà fino al 10 ottobre. A tema vi sono la preparazione del Giubileo del 2010 e l’educazione nei seminari. L’arcivescovo di Hanoi, che ha subito una feroce campagna di accuse da parte del governo, è assente per motivi di salute.

 Ieri dando inizio ai lavori, il presidente della Conferenza episcopale, mons. Peter Nguyen Van Nhon, di Da Lat, ha sottolineato l’importanza dell’unità fra i vescovi e con il papa, rinsaldata dalla visita ad limina tenutasi lo scorso giugno a Roma.

Presenti quasi tutti i vescovi impegnati in 26 diocesi del Vietnam; assente mons. Emmanuel Le Phuong Thuan, di Can Tho, ormai molto anziano, e l’arcivescovo di Hanoi, mons. Joseph Ngo Quang Kiet . Quest’ultimo durante l’anno ha subito una campagna di offese su televisione e giornali, controlli con telecamere spia e con poliziotti per la sua difesa della libertà religiosa nella sua diocesi, con la richiesta del ritorno alla Chiesa di alcune proprietà sequestrate dal regime, fra cui la ex nunziatura di Hanoi e i terreni della parrocchia di Thai Ha.

L’arcivescovo ha scritto un biglietto, che è stato letto all’inizio dei lavori, in cui mons. Ngo Quang Kiet chiede scusa per l’assenza dovuta alla sua “stanchezza”. Augurando “ogni bene” al presidente dell’assemblea e “frutti abbondanti” all’incontro, il prelato assicura la sua preghiera ogni giorni per il raduno.

Durante i periodi di maggior tensione fra governo e arcivescovo, molti suoi colleghi dal Nord e dal Sud Vietnam sono andati a visitarlo o hanno parlato e scritto a suo favore, difendendolo.

Fra i temi che l’assemblea vuole affrontare vi sono anzitutto i preparativi del Giubileo della Chiesa in Vietnam, per celebrare i 300 anni dell’arrivo del cristianesimo e i 50 anni dello stabilimento della gerarchia nel Paese. Esso si svolgerà dal 24 novembre 2009, solennità dei martiri del Paese, fino all’Epifania del 2011. I cattolici del Vietnam sperano nella presenza del papa in quel periodo.

Un’attenzione particolare poggia sulla stesura della Ratio per i seminari, con le indicazioni per l’educazione dei candidati al sacerdozio. Oltre a sollecitare aiuti per la popolazione colpita dal tifone Ketsana, i vescovi vogliono cominciare il processo di beatificazione di mons. François Pallu  e di Lambert de la Motte, missionari delle Missioni estere di Parigi, evangelizzatori del Vietnam. I due sono fra i primi nell’area che han cercato di rendere indipendente il lavoro missionario dal controllo coloniale.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/04/2010 VIETNAM - VATICANO
Il presidente della Conferenza episcopale diviene arcivescovo coadiutore di Hanoi
di Nguyen Hong
08/05/2010 VIETNAM - VATICANO
Installato il nuovo vescovo coadiutore di Hanoi. Qualche protesta
di J.B. An Dang
25/09/2008 VIETNAM
A Ho Chi Minh City si chiede giustizia e si prega “per chi ci perseguita”
di Ngo Quang Kiet
04/09/2008 VIETNAM
Vescovo denuncia “numerosi ostacoli” nel dialogo con le autorità di Hanoi
10/08/2010 VIETNAM-VATICANO
Mons. Ngo Quang Kiet, ex arcivescovo, è tornato ad Hanoi e vive in un monastero
di J. B. Vu

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate