29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/10/2009, 00.00

    VIETNAM - VATICANO

    Incontro dei vescovi vietnamiti. Assente l’arcivescovo di Hanoi

    Nguyen Vu

    Il vescovo fatto oggetto di aspre critiche dal governo per la sua difesa della libertà religiosa, è ammalato. A tema il giubileo dell’anno prossimo, con una possibile visita del papa; l’educazione nei seminari; aiuti alle vittime del tifone Ketsana; la beatificazione di François Pallu e di Lambert de la Motte.

     Xuan Loc (AsiaNews) – Da ieri è in corso il raduno della conferenza episcopale del Vietnam, che durerà fino al 10 ottobre. A tema vi sono la preparazione del Giubileo del 2010 e l’educazione nei seminari. L’arcivescovo di Hanoi, che ha subito una feroce campagna di accuse da parte del governo, è assente per motivi di salute.

     Ieri dando inizio ai lavori, il presidente della Conferenza episcopale, mons. Peter Nguyen Van Nhon, di Da Lat, ha sottolineato l’importanza dell’unità fra i vescovi e con il papa, rinsaldata dalla visita ad limina tenutasi lo scorso giugno a Roma.

    Presenti quasi tutti i vescovi impegnati in 26 diocesi del Vietnam; assente mons. Emmanuel Le Phuong Thuan, di Can Tho, ormai molto anziano, e l’arcivescovo di Hanoi, mons. Joseph Ngo Quang Kiet . Quest’ultimo durante l’anno ha subito una campagna di offese su televisione e giornali, controlli con telecamere spia e con poliziotti per la sua difesa della libertà religiosa nella sua diocesi, con la richiesta del ritorno alla Chiesa di alcune proprietà sequestrate dal regime, fra cui la ex nunziatura di Hanoi e i terreni della parrocchia di Thai Ha.

    L’arcivescovo ha scritto un biglietto, che è stato letto all’inizio dei lavori, in cui mons. Ngo Quang Kiet chiede scusa per l’assenza dovuta alla sua “stanchezza”. Augurando “ogni bene” al presidente dell’assemblea e “frutti abbondanti” all’incontro, il prelato assicura la sua preghiera ogni giorni per il raduno.

    Durante i periodi di maggior tensione fra governo e arcivescovo, molti suoi colleghi dal Nord e dal Sud Vietnam sono andati a visitarlo o hanno parlato e scritto a suo favore, difendendolo.

    Fra i temi che l’assemblea vuole affrontare vi sono anzitutto i preparativi del Giubileo della Chiesa in Vietnam, per celebrare i 300 anni dell’arrivo del cristianesimo e i 50 anni dello stabilimento della gerarchia nel Paese. Esso si svolgerà dal 24 novembre 2009, solennità dei martiri del Paese, fino all’Epifania del 2011. I cattolici del Vietnam sperano nella presenza del papa in quel periodo.

    Un’attenzione particolare poggia sulla stesura della Ratio per i seminari, con le indicazioni per l’educazione dei candidati al sacerdozio. Oltre a sollecitare aiuti per la popolazione colpita dal tifone Ketsana, i vescovi vogliono cominciare il processo di beatificazione di mons. François Pallu  e di Lambert de la Motte, missionari delle Missioni estere di Parigi, evangelizzatori del Vietnam. I due sono fra i primi nell’area che han cercato di rendere indipendente il lavoro missionario dal controllo coloniale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/04/2010 VIETNAM - VATICANO
    Il presidente della Conferenza episcopale diviene arcivescovo coadiutore di Hanoi
    Mons. Pietro Nguyen Van Nhon, vescovo di Da Lat, 72 anni, è coadiutore di mons. Giuseppe Ngo Quang Kiet, 58 anni. Molti sospettano che la Santa Sede si sia piegata alle pressioni del governo che vuole rimosso l’arcivescovo di Hanoi, “istigatore di rivolte”. In cambio ci sarebbero i rapporti diplomatici e il viaggio di Benedetto XVI in Vietnam. Ma lo stesso mons. Kiet afferma: La Santa Sede mi ha sempre appoggiato. I motivi sono la mia salute.

    08/05/2010 VIETNAM - VATICANO
    Installato il nuovo vescovo coadiutore di Hanoi. Qualche protesta
    Migliaia hanno partecipato alla messa; qualche centinaio ha protestato all’esterno, nel timore che mons. Kiet venga rimosso, secondo le dure richieste del governo. Il vice-presidente della Conferenza episcopale sottolinea l’unità e il comune amore alla Chiesa.

    25/09/2008 VIETNAM
    A Ho Chi Minh City si chiede giustizia e si prega “per chi ci perseguita”
    Circa settemila persone ad una veglia nel corso della quale si è espressa comunione con i cattolici di Hanoi, vittime di un duro attacco delle autorità comunali e del Partito comunista. Timori per una annunciata “azione drastica” contro i responsabili della comunità cattolica.

    04/09/2008 VIETNAM
    Vescovo denuncia “numerosi ostacoli” nel dialogo con le autorità di Hanoi
    Mons. Joseph Ngo Quang Kiet evidenzia come il mancato rispetto delle promesse per la restituzione del complesso della ex nunziatura ha intaccato la fiducia della gente e reso più difficile anche la soluzione della vicenda della parrocchia di Thai Ha.

    10/08/2010 VIETNAM-VATICANO
    Mons. Ngo Quang Kiet, ex arcivescovo, è tornato ad Hanoi e vive in un monastero
    Dopo le dimissioni era andato negli Stati Uniti per motivi di salute. Il governo, che voleva rimuoverlo da tempo, ha fatto credere di aver dettato al Vaticano le mosse per la sua dimissione. L’incontro “familiare” fra mons. Ngo e mons. Nguyen Van Nhon, suo successore.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®