26/09/2013, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

India, democrazia a rischio per le violenze tra indù e musulmani

di Nirmala Carvalho
Un documento diffuso dal governo centrale presenta gli scontri di matrice religiosa tra la maggioranza induista e la minoranza islamica occorsi nei primi 9 mesi dell’anno. Nel complesso vi sono stati 479 disordini, 107 morti e 1.697 feriti. Leader cristiano: “I politici non devono sfruttare l’identità religiosa dei cittadini”.

Mumbai (AsiaNews) - Nel 2013 l'India è stata teatro di 479 disordini di matrice religiosa tra le comunità induista e islamica. In totale 107 persone hanno perso la vita (66 musulmani e 41 indù) e 1.697 sono rimaste ferite (794 indù e 703 musulmani). I dati emergono da un documento ufficiale diffuso dal governo centrale, che ha esaminato gli episodi di violenza dall'inizio dell'anno fino al 15 settembre scorso. Per Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), i politici "devono smetterla di fare leva sull'identità religiosa dei cittadini, perché questo rischia di polarizzare la società dal punto di vista confessionale".

L'Uttar Pradesh è lo Stato con il più alto numero di vittime: 62, di cui 42 sono musulmani e 20 indù. Secondo lo studio vi sono stati in totale 93 episodi di violenza tra le due comunità e 102 casi di "tensione". Tra i feriti un totale di 219 sono di fede islamica, 134 di fede induista.

A seguire c'è il Maharashtra, con 100 casi di violenza registrati; il Gujarat, 54; il Bihar, con 40 disordini registrati nei primi 9 mesi del 2013 e 25 episodi di "tensione". In ciascuno Stato vi sono stati una decina di morti e centinaia di feriti, tra entrambe le comunità.

"La democrazia in India - spiega ad AsiaNews Sajan George - è minacciata dalla politica comune, che rischia di minare la l'unità e l'integrità del Paese. Il Gcic e molti analisti temono che le prossime elezioni generali [2014] saranno le più 'sanguinose' dal punto di vista religioso. È significativo che la maggior parte degli Stati indicati nel documento sono guidati (o lo sono stati) dal Bharatiya Janata Party (Bjp)".

Il Bjp è il partito ultranazionalista indù vicino ai movimenti fondamentalisti del Sangh Parivar, che sono responsabili di violenze contro le minoranze del Paese, in particolare quella cristiana e islamica. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ram Puniyani: I fondamentalisti indù sono drogati da false ideologie
06/03/2019 13:43
Jammu e Kashmir: stupro di gruppo di Asifa Bano, otto anni. La protesta della società
13/04/2018 14:47
Cristiani e indù festeggiano insieme suor Lucy, sopravvissuta ai pogrom dell’Orissa
25/05/2019 11:24
Orissa, le vittime delle violenze anti-cristiane celebrano la Natività di Maria, protettrice in tempo di persecuzione
10/09/2018 13:52
India e democrazia, minacciate da corruzione, antipolitica e uso cinico della religione
10/10/2012