18/02/2013, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

India, il governo condanna 100 medici per aborti selettivi e feticidi femminili

di Nirmala Carvalho
Il ministero per la Salute e l’Associazione medica nazionale hanno portato alla luce parte di un racket diffuso in tutto il Paese. Membro della Pontificia accademia per la vita: “Scegliere il sesso dei feti significa mancare di rispetto verso le donne e favorisce la violenza contro di esse”.

Mumbai (AsiaNews) - Il governo centrale dell'India ha identificato 100 medici che saranno condannati per aver condotto aborti selettivi e feticidi femminili in tutto il Paese. L'indagine è partita dal ministero per la Salute, che attraverso l'Associazione medica nazionale ha individuato i trasgressori del Pre-conception & Pre-Natal Diagnostic Techniques Act 1994, legge che rende illegale l'uso di particolari esami per determinare il sesso del feto. In base al decreto, gli indagati rischiano dai 6 mesi ai 5 anni di carcere, oltre a una multa e la sospensione (o cancellazione) della licenza.

Ad AsiaNews il dr. Pascoal Carvalho, membro della Pontificia accademia per la vita, considera "positiva" la mossa del ministero per la Salute, perché "usare forti deterrenti può aiutare a prevenire simili forme di discriminazione e a punire i colpevoli".

Il medico ricorda lo studio Children in India 2012: A Statistical Appraisal, pubblicato dal Centro statistico nazionale, secondo il quale almeno 3 milioni di bambine sono scomparsi nel 2011 a causa di aborti selettivi e infanticidi femminili. "Questa perdita - nota - avrà conseguenze morali, sociali ed economiche molto negative. Anche la scelta del sesso [del nascituro] è espressione di mancanza di rispetto verso le donne, e una delle cause dell'aumento dei crimini contro di esse".

Purtroppo, sottolinea, "in India c'è questa preferenza culturale verso il figlio maschio, in molti casi legata a ragioni economiche". Per tradizione infatti, una ragazza deve essere istruita e data in moglie, ma può trovare marito solo fornendo una dote consistente (in denaro, gioielli e beni materiali di vario tipo). Anche da sposata una donna non sarà rispettata finché non dà alla luce un bambino. Inoltre, in alcune province dell'India vi è ancora l'usanza del sati, il rogo della vedova sulla pira funebre del marito defunto. Secondo la tradizione indù, un rituale volontario che attesta la devozione verso il consorte; in realtà, un modo per liberarsi del "peso" economico di una donna rimasta sola.

Anche una diffusa "cultura della morte", sottolinea il dr. Carvalho, "è causa di aborti selettivi e infanticidi femminili. La Chiesa cattolica invece si impegna a promuovere una cultura della vita attraverso il proprio ministero dell'educazione e della salute. In questo modo è possibile proteggere la vita e la dignità delle bambine, e creare un contesto che difenda, valorizzi e incoraggi le giovani donne, oltre a opporsi alle tante forme di discriminazione e violazione dei loro diritti".

Al contrario di quanto si possa pensare, aborti selettivi e feticidi femminili sono diffusi anche tra le famiglie di ceto medio-alto. "Secondo un recente studio intitolato Skewed Sex Rations in India: Physician, Heal Thyself - spiega il dr. Carvalho -, in India le famiglie di medici hanno più figli maschi che femmine". 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Karnataka, ritrovati 20 feti sotto un ponte: erano tutte bambine
28/01/2013
India, feticidi femminili: in carcere il medico della “clinica degli orrori”
14/11/2012
Corte suprema dell'India: incentivi speciali per chi mette al mondo una bambina
26/11/2014
Haryana, consiglio comunale di sole donne combatte aborti selettivi e feticidi femminili
19/06/2012
Medico cattolico: Una vergogna per l’India lo stupro di una bambina di 5 anni
22/04/2013