23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/08/2005, 00.00

    INDONESIA

    Indonesia, il Governo boccia la richiesta degli integralisti di bandire gli Ahmadi



    Le decisioni sulla sorte della minoranza religiosa musulmana sono lasciate al Consiglio indonesiano degli Ulema, che stabilirà se presentare un ricorso in tribunale.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – Jakarta non proibirà gli insegnamenti della Congregazione Indonesiana degli Ahmadi (Jai), né scioglierà il gruppo, ma lascerà che sia il Consiglio Indonesiano degli Ulema (Mui) a decidere se portare la questione in tribunale. È quanto ha dichiarato nei giorni scorsi il ministro indonesiano del Welfare, Alwi Shihab, il quale ha ricordato che il Jakarta rispetta  il decreto del 1980, nel quale agli Ahmadi viene permesso di portare avanti i loro insegnamenti all'interno del gruppo, vietando loro il proselitismo. "Il governo ha deciso di lasciare che siano i giudici ad avere l'ultima parola", ha dichiarato il ministro, specificando che la decisione è stata presa in una recente riunione dei ministri sulle questioni di politica interna.

    Il mese scorso migliaia di estremisti islamici hanno attaccato a West Java un complesso dove si riunivano membri del Jai. Il gruppo di aggressori si chiama "Gruppo indonesiano per la solidarietà musulmana". Essi sostengono di agire sulla base della fatwa emessa nel 1980 dal Mui, secondo la quale gli Ahmadi sono interdetti perché non riconoscono Maometto come l'ultimo profeta. Il Mui ha rispolverato recentemente quella fatwa, durante un incontro a Jakarta nel quale ha chiesto al governo di proibire gli insegnamenti degli Ahmadi e il loro stesso gruppo. Diversi leader musulmani, tra cui quelli della Muhammadiyah e della Nahdlatul Ulama – le due organizzazioni musulmane più grandi del paese – hanno condannato l'attacco; queste hanno detto che le differenze di fede non devono essere risolte con la violenza.

    Negli ultimi anni in Indonesia sono cresciuti gli atti di intolleranza contro minoranze religiose. Il gruppo degli Ahmadi è nato nel XIX secolo in Pakistan per opera di Mirza Gulam Ahmad. I suoi seguaci credono che lui sia il profeta che ha raccolto l'eredità di Maometto. In Indonesia, dove sono presenti dagli anni '80 sono circa 200 mila.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/10/2004 indonesia
    Uccisi 2 cristiani nelle Sulawesi


    22/10/2004 indonesia
    Ex presidente indonesiano si schiera a difesa di una chiesa cattolica
    Abdurrahman Wahid (Gus Dur), musulmano moderato: "Garantire libertà religiosa per i cattolici, altrimenti porterò il caso in tribunale". Negli ultimi 14 anni 500 attacchi contro chiese cristiane nel paese.

    23/07/2005 indonesia
    Indonesia, musulmani in difesa degli ahmadi perseguitati

    Studioso islamico chiede al Consiglio degli Ulema di revocare un editto "controproducente", che dichiara eretica questa comunità musulmana.



    12/04/2005 bangladesh
    Bangladesh, decapitato un pastore battista


    15/10/2004 indonesia
    Ex presidente indonesiano si schiera a difesa di una chiesa cattolica
    Abdurrahman Wahid (Gus Dur), musulmano moderato: "Garantire libertà religiosa per i cattolici, altrimenti porterò il caso in tribunale". Negli ultimi 14 anni 500 attacchi contro chiese cristiane nel paese.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®