22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/09/2006, 00.00

    CINA

    Influenza aviaria: Pechino deve nominare un responsabile per informare subito l'Oms



    E' previsto che un nuovo ufficio dia notizia entro 24 ore per ogni emergenza sanitaria, così da consentire un immediato intervento. Ma la Cina ancora non provvede e Hong Kong chiede di poterlo fare in modo autonomo.

    Pechino (AsiaNews/Scmp) – La Cina non si è ancora organizzata per comunicare subito all'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) le emergenze sanitarie, come un'epidemia di influenza aviaria, come hanno predisposto altri 12 Stati del Pacifico occidentale. E' quanto è emerso ad Auckland dove dal 19 settembre si svolge la conferenza sulla Strategia per le emergenze sanitarie della regione.

    Già dal 2005 tutti i Paesi sono stati invitati a designare un "punto focale" nazionale che dia notizia all'Oms delle emergenze, per consentire un immediato intervento globale. Il prossimo giugno ciò diventaterà obbligatorio per gli Stati membri. Ad Auckland 150 ministri e funzionari  della sanità di 37 Paesi dell'area Pacifico occidentale sono stati sollecitati a indicare questi referenti.

    Ieri Takeshi Kasai, consigliere regionale Oms per la Sorveglianza e l'intervento per le malattie infettive, ha detto che Pechino non lo ha ancora fatto. La Cina è uno dei Paesi più colpiti dall'influenza aviaria ed è stata più volte accusata di fornire notizie all'Oms con ritardo e parziali, non consentendo l'immediato intervento dei suoi esperti.

    Jiang Zuojun, capo della delegazione cinese e vice ministro della Sanità, ha detto che a Pechino occorrono maggiori informazioni sulle procedure e i criteri per dare notizie e risposte all'Oms.

    Tee Ah Sian, direttrice per il Pacifico occidentale per la lotta alle malattie infettive, ha ricordato che, se non viene nominato questo referente, l'Oms non ha notizia immediata e non può intervenire subito. Il nuovo ufficio darà la notizia entro 24 ore, permettendo un'immediata indagine.

    Analisti hanno commentato che la Cina preferisce gestire "in proprio" simili emergenze, prima di comunicarle e ricevere gli esperti dell'Oms.

    Hong Kong ha chiesto, tramite il direttore della Sanità Lam Ping-yan, di potere avere "un rapporto diretto" con l'Oms, anche se non è uno Stato membro, così da poterle dare immediata comunicazione, confidando nella "comprensione del governo cinese". (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/08/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: in Indonesia muoiono madre e figlia

    Timore di un contagio diretto, anche se manca la conferma che pure la figlia avesse il virus. In un villaggio almeno 12 persone ammalate in poche settimane.



    27/03/2007 INDONESIA
    Influenza aviaria: l’Indonesia diamo i campioni all’Oms se i vaccini costeranno poco
    Jakarta denuncia che i campioni sono dati gratis alle grandi ditte farmaceutiche, che producono vaccini troppo costosi per i Paesi poveri, e chiede garanzie di avere vaccini economici. L’Oms offre ai Paesi poveri di poter produrre il vaccino in proprio. Intanto nel Paese ci sono nuovi morti e malati.

    28/03/2007 INDONESIA
    Ancora tre morti in Indonesia per influenza aviaria
    Le nuove vittime vengono da zone distanti tra loro. Il governo non riesce a controllare il diffondersi della malattia, che ha già fatto 69 morti. Intanto Jakarta raggiunge un accordo con l’Organizzazione mondiale della sanità per fornire di nuovo campioni del virus.

    22/05/2006 INDONESIA
    Influenza aviaria: in Indonesia si teme il primo contagio tra uomini

    Il ministero della Sanità "non può escluderlo". Il Paese incapace di controllare il morbo. L'Oms teme che il virus sia molto più diffuso in Cina rispetto ai dati ufficiali.



    14/03/2006 ASIA
    Influenza aviaria: aumentano i Paesi contagiati

    Preoccupazione per la nuova stagione migratoria. 3 decessi in Azerbaigian. Primi contagi tra gli uccelli in Afghanistan.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®