03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/04/2014, 00.00

    VIETNAM

    Io, poeta e soldato sud-vietnamita, nelle carceri comuniste ho incontrato Dio e la Vergine

    HT

    Il 68enne J.B Nguyễn Hữu Cầu ha trascorso quasi 39 anni nelle prigioni di Hanoi. Egli è uno dei detenuti politici di più lungo corso del Paese asiatico. Rilasciato dietro amnistia presidenziale per le precarie condizioni di salute. In cella ha incontrato la fede in Gesù. Il Rosario e la Via Crucis fonte di forza per vincere il dolore e perdonare i suoi carcerieri.

    Ho Chi Minh City (AsiaNews) - Durante gli anni di prigionia ha incontrato il cristianesimo e ha deciso di convertirsi, facendosi battezzare; in seguito ha saputo trasformare la catena che lo teneva imprigionato, formata da 90 anelli, in un Rosario che recitava fino a cinque volte al giorno. Solo la fede gli ha permesso di affrontare e superare quasi 40 anni di permanenza nelle carceri vietnamite, il fisico segnato dalla sordità, dalla quasi totale cecità, dalle sofferenze, ma con uno spirito ancora capace di ringraziare per il dono della fede ricevuto. E persino di perdonare i suoi carcerieri: "L'amore di Dio e della Vergine Maria mi ha cambiato. Non odio più i miei 'fratelli e sorelle' (del regime comunista)". 

    È la storia del 68enne J.B Nguyễn Hữu Cầu (è nato nel 1945), poeta, musicista, compositore e capitano dell'esercito della Repubblica del Sud del Vietnam prima della riunificazione del 1975; egli è uno dei detenuti politici che ha trascorso più tempo nelle carceri del Paese asiatico, a partire dalla presa del potere da parte dei comunisti del Nord. Arrestato alla fine della guerra, egli ha trascorso sei anni in un campo di rieducazione attraverso il lavoro; nel 1982 viene quindi imprigionato, a causa della sua attività di poeta e compositore a tratti critico del regime comunista. 

    Nel 1983 viene condannato a morte, in un processo intentato nei sui confronti per aver denunciato la corruzione diffusa fra gli alti gradi dell'esercito di Hanoi e per i crimini commessi dai soldati nei confronti del popolo. In seguito viene inoltre incriminato per sabotaggio e per aver danneggiato "l'immagine del regime". Egli si è sempre dichiarato "non colpevole"; le autorità hanno quindi commutato la pena capitale in carcere a vita. 

    Per anni ha vissuto in isolamento, al confino, in un campo di prigionia immerso nella foresta. Gli anni di carcere lo hanno segnato nel profondo, lasciandolo quasi incapace di ascoltare, cieco dall'occhio sinistro e con forti problemi di vista a quello destro. Il 22 marzo 2014, dopo quasi 39 anni, egli ha potuto riacquistare la piena libertà, in seguito all'amnistia concessa dal presidente vietnamita Truong Tan Sang; un atto di carità per le condizioni di salute più che una riabilitazione politica, come conferma il figlio, per le gravi malattie di cui il padre soffre da tempo.  

    Nei giorni scorsi egli ha voluto raccontare la propria esperienza in carcere al giornale Catholic News, affrontando con particolare passione il tema della fede e della conversione al cristianesimo durante la prigionia. "Il rito del battesimo, avvenuto in carcere, risale alla Pasqua del 1986, ormai 26 anni fa, dalle mani di p. Jospeh Nguyen, un gesuita". Il religioso gli ha insegnato i fondamenti del cristianesimo, le preghiere e il catechismo. Ogni giorno ha recitato sette Rosari e cinque volte la Via Crucis. 

    A quanti lo avvicinavano in prigione, egli era solito ripetere di essere "legato da una lunga catena di 90 anelli. Ho fatto sì che la catena diventasse il mio personalissimo Rosario, con 50 anelli. Questo è mio primo Rosario... forse il 'più duro' al mondo". Un compagno di cella, fratello Paul, gli ha regalato una piccola croce fatta con noci di cocco, e "ho anche composto un canto dedicato alla Santa Croce: La Santa Croce viene a me, dagli abissi più profondi del mondo [...] che mi ha sostenuto in questa prigione terrena". E aggiunge: "Ho sempre creduto nell'amore di Dio". 

    Libero dai vincoli e dalle catene delle prigioni comuniste, il poeta e dissidente vietnamita confessa che "l'amore di Dio e della Madonna mi hanno cambiato. Non provo più rancore per i miei 'fratelli e sorelle' (del regime). Abbiamo tutti le medesime radici. Discendiamo tutti da re Hùng Vương. Per questo dobbiamo amarci l'un l'altro. E una volta di più credo nella Trinità e nella Vergine Maria. Che mi ha aiutato a superare le insidie del destino e mi ha impedito di farla finita uccidendomi durante gli anni in carcere". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/08/2015 VIETNAM
    Chiesa vietnamita in prima linea per una riforma democratica e multiculturale dell’istruzione
    Per denunciare storture e abusi nel settore educativo, i redentoristi di Hanoi e Ho Chi Minh hanno celebrato messe e preghiere. Almeno 7mila persone hanno partecipato alle funzioni del fine settimana. Critiche al sistema educativo “a senso unico” voluto dal partito comunista. Il 90% dei giovani non ha fiducia nell’attuale sistema.

    29/11/2013 VIETNAM
    Hanoi, ancora più poteri per il Partito unico comunista
    Il Parlamento ha approvato con 486 voti favorevoli su 488 (due astenuti) la riforma della Carta costituzionale. Disattese le speranze di attivisti, intellettuali e vescovi che nei mesi scorsi hanno promosso petizioni in chiave pluralista e multipartito. Siti cattolici: "Questa scelta porterà il Vietnam all’abisso”. "Angoscia" per il futuro del Paese.

    04/08/2015 VIETNAM
    Vietnam, record di aborti: la Chiesa in campo per difendere la vita
    Il Paese è il quinto al mondo e il primo nel Sud-est asiatico per interruzioni di gravidanza. Oltre 300mila casi all’anno fra i 15 e i 19 anni. Nelle città proliferano i centri privati e clandestini, con gravi conseguenze per la salute delle giovani. Dalla Chiesa gruppi e movimenti a sostegno della vita. L’esempio della diocesi di Bắc Ninh.

    05/05/2015 VIETNAM
    Giustizia e Pace: migranti, priorità della Chiesa vietnamita
    Nella prima assemblea annuale i vescovi hanno affrontato il tema della migrazione, interna e all’estero. Mons. Nguyên Thai Hop esorta ad accogliere i migranti e favorire la loro integrazione. Dal lavoro schiavo alle vittime del racket del sesso, molti i problemi da risolvere. Un compito che investe la Chiesa e le più alte cariche dello Stato.

    06/03/2015 VIETNAM
    La fede dei cattolici di Đak Pnan, malati di lebbra, più forte delle persecuzioni di Hanoi
    In un piccolo villaggio degli altipiani centrali, i fedeli sono oggetto di continui attacchi e abusi da parte delle autorità. Minacce e attacchi anche alle suore che operano a favore dei malati. Tuttavia, la vicinanza della Chiesa è fonte di forza e di coraggio. La visita di mons. Girelli, che ha portato i saluti e la vicinanza di papa Francesco.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®