30 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/07/2012, 00.00

    IRAQ

    Iraq, kamikaze e autobombe colpiscono 13 città. Il bilancio è di 91 morti e 172 feriti



    E' la più violenta serie di attacchi dall'inizio dell'anno. Le aree più colpite sono i distretti a nord di Baghdad. Esplosioni anche a Kirkuk.

    Baghdad (AsiaNews/ Agenzie) -  E' di 91 morti e 172 feriti il bilancio provvisorio della serie di attacchi suicidi che hanno colpito oggi 13 città dell'Iraq. Secondo gli esperti è la più violenta serie di attentati dall'inizio dell'anno. Il più grave è avvenuto a Taji, sobborgo a maggioranza sunnita a circa 20 km a nord della capitale, dove hanno perso la vita 24 persone. A Sadr, sobborgo a maggioranza sciita a nord di Baghdad, un'autobomba è esplosa davanti a un ufficio governativo, uccidendo 12 fra funzionari e forze di sicurezza. Altri attacchi si sono verificati a Kirkuk, Dhuluiya (70km a nord di Baghdad), Saadiya (Dyala, a nord est della capitale), Khan Beni - Saad (Dyala), Tuz Khurmatu (Salah ad-Din) e Dibis (Kirkuk). La serie di attentati giunge dopo le dichiarazioni di Abu Bakr al-Baghdadi, leader di al-Qaeda in Iraq, che nei giorni scorsi ha annunciato una nuova offensiva per riprendere il controllo dei distretti abbandonati dai soldati statunitensi. In comunicato apparso su internet, al-Baghdadi ha sottolineato che "la maggioranza dei sunniti in Iraq, sostiene al- Qaeda" e preme per suo ritorno". Ieri un altro attacco ha ucciso 17 persone nella parte meridionale di Baghdad. Finora nessun gruppo ha rivendicato gli attentati.

    I terroristi hanno colpito soprattutto stazioni di polizia, uffici governativi e posti di blocco. Secondo gli analisti, ciò suggerisce un accanimento nei confronti delle forze di sicurezza che hanno ora il controllo delle aree occupate in precedenza dai soldati Usa. A Dhuluiya una bomba è esplosa dentro una caserma, uccidendo 15 agenti. A Baghdad gli estremisti hanno colpito posti di blocco e stazioni di polizia anche con l'utilizzo di mortai e granate. Un agente è stato ucciso a sangue freddo davanti alla porta di casa. L'ultima delle sei autobombe esplose a Taji è scoppiata proprio durante le operazioni di soccorso condotte dalle forze dell'ordine. Dei 41 morti, 14 sono agenti di polizia.  

    Dopo il picco registrato negli anni 2006 e 2007, le violenze in Iraq sono diminuite in modo progressivo,  ma sono in rapido aumento a causa dell'instabilità politica degli ultimi mesi e il ritiro delle truppe statunitensi. Nel solo mese di giugno gli attacchi terroristi hanno ucciso 237 persone.   

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/06/2013 IRAQ
    Iraq: una serie di attentati sconvolge il Paese, colpita anche una chiesa a Baghdad
    Il bilancio parziale è di 41 morti e 125 feriti. Gli attacchi hanno devastato Baghdad, Mosul, Tikrit e altre città, colpendo soprattutto luoghi affollati. Finora non vi sono rivendicazioni. Ignoti attaccano la chiesa assira di Santa Maria nella zona est della capitale. Devastati anche diversi esercizi commerciali della minoranza cristiana. Fonti di AsiaNews:"La gente comincia ad avere paura".

    18/09/2013 IRAQ
    Patriarca Sako ai politici cristiani: Siate uniti per il bene della comunità e del Paese
    Sua Beatitudine Mar Luis Raphael Sako, patriarca di Baghad, invia alcune line guida ai politici impegnati nelle elezioni in Kurdistan, in programma per il 21 settembre. Per il prelate la difesa dei diritti dei cristiani e dell'unità del popolo iracheno sono i principali requisiti della stabilità. Egli invita anche i ricchi della comunità ad investire nel Paese per creare lavoro ed evitare l'esodo dei cristiani.

    14/01/2012 IRAQ
    Basra, attentato suicida contro i pellegrini sciiti, almeno 20 morti
    Il kamikaze si è fatto esplodere a un posto di blocco davanti alla principale moschea sciita della città. Fra i morti vi sono anche diversi poliziotti. L’attacco è avvenuto durante le celebrazioni dell’Arbain una delle più importanti feste della comunità sciita.

    23/09/2013 IRAQ
    Iraq, mons. Rabban al-Qas: Terroristi stranieri contro chi lavora per la speranza
    L'arcivescovo caldeo di Amadiyah-Zakho (Kurdistan) parla ad AsiaNews della situazione nel Paese, colpito di recente da una nuova ondata di attentati costati quasi 80 morti. Per il prelato leader politici, religiosi e la stessa popolazione desiderano il dialogo e la pace, ma gli attentati creano instabilità e sentimento di vendetta. In Kurdistan tentato omicidio di un deputato cristiano.

    04/02/2012 FILIPPINE
    Mindanao, vertici di Abu Sayyaf e Jemaah Islamiyah uccisi in un raid dell’esercito
    Il bombardamento aereo ha colpito un campo degli estremisti islamici situato vicino alla città di Parang (Jolo), uccidendo 15 terroristi. Fra i morti Zulfifli bin Hir, capo della Jemaah Islamiah, Gumbahali Jumdail, leader di Abu Sayyaf e Mumanda Ali, fra gli autori della strage di Bali. Nei prossimi giorni vi sarà l’esame del Dna per confermare l’identità degli uccisi.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®