28 Marzo 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/07/2012
IRAQ
Iraq, kamikaze e autobombe colpiscono 13 città. Il bilancio è di 91 morti e 172 feriti
E' la più violenta serie di attacchi dall'inizio dell'anno. Le aree più colpite sono i distretti a nord di Baghdad. Esplosioni anche a Kirkuk.

Baghdad (AsiaNews/ Agenzie) -  E' di 91 morti e 172 feriti il bilancio provvisorio della serie di attacchi suicidi che hanno colpito oggi 13 città dell'Iraq. Secondo gli esperti è la più violenta serie di attentati dall'inizio dell'anno. Il più grave è avvenuto a Taji, sobborgo a maggioranza sunnita a circa 20 km a nord della capitale, dove hanno perso la vita 24 persone. A Sadr, sobborgo a maggioranza sciita a nord di Baghdad, un'autobomba è esplosa davanti a un ufficio governativo, uccidendo 12 fra funzionari e forze di sicurezza. Altri attacchi si sono verificati a Kirkuk, Dhuluiya (70km a nord di Baghdad), Saadiya (Dyala, a nord est della capitale), Khan Beni - Saad (Dyala), Tuz Khurmatu (Salah ad-Din) e Dibis (Kirkuk). La serie di attentati giunge dopo le dichiarazioni di Abu Bakr al-Baghdadi, leader di al-Qaeda in Iraq, che nei giorni scorsi ha annunciato una nuova offensiva per riprendere il controllo dei distretti abbandonati dai soldati statunitensi. In comunicato apparso su internet, al-Baghdadi ha sottolineato che "la maggioranza dei sunniti in Iraq, sostiene al- Qaeda" e preme per suo ritorno". Ieri un altro attacco ha ucciso 17 persone nella parte meridionale di Baghdad. Finora nessun gruppo ha rivendicato gli attentati.

I terroristi hanno colpito soprattutto stazioni di polizia, uffici governativi e posti di blocco. Secondo gli analisti, ciò suggerisce un accanimento nei confronti delle forze di sicurezza che hanno ora il controllo delle aree occupate in precedenza dai soldati Usa. A Dhuluiya una bomba è esplosa dentro una caserma, uccidendo 15 agenti. A Baghdad gli estremisti hanno colpito posti di blocco e stazioni di polizia anche con l'utilizzo di mortai e granate. Un agente è stato ucciso a sangue freddo davanti alla porta di casa. L'ultima delle sei autobombe esplose a Taji è scoppiata proprio durante le operazioni di soccorso condotte dalle forze dell'ordine. Dei 41 morti, 14 sono agenti di polizia.  

Dopo il picco registrato negli anni 2006 e 2007, le violenze in Iraq sono diminuite in modo progressivo,  ma sono in rapido aumento a causa dell'instabilità politica degli ultimi mesi e il ritiro delle truppe statunitensi. Nel solo mese di giugno gli attacchi terroristi hanno ucciso 237 persone.   

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/06/2013 IRAQ
Iraq: una serie di attentati sconvolge il Paese, colpita anche una chiesa a Baghdad
di Joseph Mahmoud
18/09/2013 IRAQ
Patriarca Sako ai politici cristiani: Siate uniti per il bene della comunità e del Paese
di Mar Louis Raphael I Sako
14/01/2012 IRAQ
Basra, attentato suicida contro i pellegrini sciiti, almeno 20 morti
23/09/2013 IRAQ
Iraq, mons. Rabban al-Qas: Terroristi stranieri contro chi lavora per la speranza
04/02/2012 FILIPPINE
Mindanao, vertici di Abu Sayyaf e Jemaah Islamiyah uccisi in un raid dell’esercito

In evidenza
IRAN
E’ ora di giungere all’accordo con Teheran, partner affidabile nella lotta contro lo Stato islamico
di Bernardo CervelleraUna bozza di accordo sul nucleare iraniano dovrebbe essere pronta per il 31 marzo. Ma i repubblicani Usa, Israele e l’Arabia saudita sono nettamente contrari. I motivi “secondari” della loro opposizione. Con Hassan Rouhani l’Iran vuole tornare nell’alveo della comunità internazionale. La funzione mediatrice di Teheran in Medio oriente. Il nunzio vaticano: “Non vi è una sola prova che l’Iran stia preparando una bomba nucleare”.
CINA-VATICANO
ULTIMO'ORA: La polizia cinese rapisce due sacerdoti a Mutanjiang
di Bernardo Cervellera
CINA-VATICANO
Niente brindisi fra Cina e Vaticano: Pechino vuole il dominio assoluto
di Bernardo CervelleraPer il Global Times (Quotidiano del popolo) alla Cina non piacciono le ordinazioni episcopali concordate, "modello Vietnam". Imbarazzo del Ministero cinese degli esteri di fronte ai mille passi della Santa Sede. La Cina vuole che il Vaticano accetti tutti i vescovi scomunicati e faccia silenzio su quelli sotterranei e imprigionati. Il caso di mons. Cosma Shi Enxiang. Senza libertà religiosa non vale la pena avere rapporti diplomatici. Lavorare per la missione e l'unità dei cattolici in Cina. Un lavoro per Xi Jinping: attuare la campagna anti-corruzione verso il ministero degli affari religiosi e l'Associazione patriottica, arricchitisi in questi decenni alle spalle dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate