29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/11/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Islamabad: cancellata l'accusa di blasfemia per Rimsha Masih, la bambina cristiana disabile



    Rimsha e la sua famiglia hanno dovuto vivere nascoste per aver ricevuto minacce di morte. Le accuse montate da un imam che voleva cacciare i cristiani dal quartiere e impossessarsi dei loro beni. Una campagna a favore di Rimsha sostenuta da Paul Batthi e dal vescovo di Islamabad, mons. Rufin Anthony, oltre che da diverse personalità musulmane.

    Islamabad (AsiaNews) - L'Alta corte di Islamabad ha cancellato l'accusa di blasfemia contro una ragazza cristiana disabile, accusata da un imam di aver bruciato pagine con frasi del Corano.

    Rimsha Masih,  era stata arrestata lo scorso agosto, in seguito alle accuse di un imam, Khalid Jadoon Chishti e alla testimonianza di tre persone. La ragazza era stata imprigionata in un carcere di massima sicurezza, dopo che una folla di musulmani fondamentalisti aveva cercato di ammazzarla e di uccidere anche la sua famiglia. A causa delle accuse, 600 famiglie cristiane di Umara Jaffar, settore G-12 di Islamabad, dove viveva Rimsha, sono fuggite.

    La sua vicenda aveva mosso l'opinione pubblica internazionale per la sua giovane età e per la manipolazione delle accuse di blasfemia.

    Gruppi di fondamentalisti avevano affermato che la ragazza era già adulta per poterla imprigionare, ma i dottori della corte hanno stabilito che era in realtà una adolescente di 14 anni.  Per questo ha potuto essere liberata su cauzione, ma con la sua famiglia ha dovuto vivere nascosta per tutto questo tempo.

    Il caso ha cominciato a trovare una soluzione quando i tre testimoni che accusavano la ragazza hanno rivelato di essere stati spinti dall'imam a farlo, con il segreto progetto di cacciare le famiglie cristiane dal villaggio e impossessarsi dei loro beni. Non è stato ancora definito quando avverrà il processo contro l'imam che ha fabbricato le prove.

    Il processo contro Rimsha ha visto in prima linea come suoi sostenitori il ministro Paul Batthi, consigliere speciale per l'Armonia nazionale, e il vescovo di Islamabad, mons. Rufin Anthony. Anche personalità musulmane hanno sostenuto la liberazione della ragazza.

    Le leggi sulla blasfemia, introdotte nel 1986 dal generale Zia-ul-haq per soddisfare le richieste della frangia estremista islamica hanno causato sinora l'incriminazione di almeno mille persone e la morte di 60, la maggior parte delle quali vittime di omicidi extra-giudiziali compiuti da folle inferocite o singoli individui.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/11/2012 PAKISTAN
    Paul Bhatti: il proscioglimento di Rimsha Masih, un “precedente” importante nei casi di blasfemia
    Il ministro cattolico parla di “doppia soddisfazione”: il verdetto sancisce che non si può usare la legge “per fini personali” e chi calunnia “subisce analogo processo”. Complimenti e soddisfazioni di leader cristiani e personalità musulmane. Il caso servirà per la revisione non della norma, ma della sua interpretazione. “Sono ottimista – afferma – la società sta cambiando”.

    20/11/2012 PAKISTAN
    Cristiani pakistani felici per Rimsha Masih; gli islamisti accusano "manipolazioni"
    Vescovo di Islamabad: un “magnifico sviluppo”, ma ora serve una legge che “metta la parola fine” agli abusi sulla blasfemia. Sacerdote a Lahore: pietra miliare per la giurisprudenza. Ma gli islamisti attaccano: pressioni del governo sui giudici per l’archiviazione del caso.

    01/09/2012 PAKISTAN
    Pakistan, ancora rinviata l’udienza per Rimsha Masih
    Il tribunale di Islamabad deciderà il 3 settembre prossimo per il rilascio su cauzione della minorenne cristiana disabile accusata di blasfemia. La National Commission for Justice and Peace riapre il dibattito sull’educazione in Pakistan e denuncia: per il 2012-2013, in Punjab e Sindh libri di testo pieni di odio e falsi storici contro indù, cristiani e popolo dell’India.

    17/10/2012 PAKISTAN
    Rimsha Masih, processo aggiornato al 14 novembre. Nuove violenze anticristiane
    L’Alta corte di Islamabad ha esteso la sospensione del procedimento, in attesa di decidere sull’annullamento della denuncia per blasfemia. I legali chiedono la piena assoluzione perché il fatto non sussiste. A Karachi una folla estremista attacca la chiesa cattolica di San Francesco. A Faisalabad colpiti i cristiani in preghiera per Malala Yousafzai.

    16/01/2013 PAKISTAN
    La Corte suprema conferma: Rimsha Masih è innocente. Soddisfatto Paul Bhatti
    Il massimo organismo giuridico ha respinto il ricorso presentato dagli avvocati dell’accusa. Per i legali della minorenne cristiana è un “segnale positivo” per l’immagine del Pakistan. Paul Bhatti ad AsiaNews: Non siamo fuggiti davanti alla legge, dando fiducia alla giustizia.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®