23 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 30/10/2013, 00.00

    ISRAELE - PALESTINA

    Israele approva altre 1500 unità abitative a Gerusalemme est



    Le nuove abitazioni sorgeranno nell'insediamento di Ramat Shlomo. La decisione giunge a pochi giorni dal rilascio di 26 detenuti palestinesi. Per i funzionari del governo i nuovi insediamenti sono frutto di un accordo stipulato con Usa e Autorità palestinese, ma Ramallah nega.

    Tel Aviv (AsiaNews/Agenzie) - Il governo israeliano ha approvato altre 1500 unità abitative nell'insediamento di Ramat Shlomo nella parte est di Gerusalemme. Il permesso per la costruzione di nuovi lotti, firmato dal premier Benjamin Netenyahu e da Gideon Saar, ministro degli Interni, giunge pochi giorni dopo la liberazione di 26 detenuti palestinesi, frutto degli accordi con gli Stati Uniti per la ripresa dei colloqui di pace fra Israele e Palestina.

    Già in agosto Israele aveva agito con il medesimo metodo, annunciando la costruzione di 2mila abitazioni pochi giorni dopo il rilascio di altri 26 detenuti palestinesi imprigionati prima degli accordi di Oslo.

    La scorsa settimana un funzionario israeliano ha sottolineato che nuovi lotti abitativi sarebbero sorti a Gerusalemme Est, frutto di un'intesa raggiunta con il benestare dell'Autorità palestinese e del governo statunitense. Tuttavia Ramallah, che considera gli insediamenti uno dei principali ostacoli agli accordi di pace con Israele, nega che vi sia stato alcun accordo.

    Secondo i media israeliani, Netanyahu e Saar avrebbero deciso di portare avanti altri due progetti a Gerusalemme est: un centro archeologico e turistico situato, vicino alle mura della Città Vecchia, e la realizzazione di un parco nazionale sulle pendici del Monte Scopus in Cisgiordania.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/08/2013 ISRAELE - PALESTINA
    Israele libera 26 detenuti palestinesi, ma approva 952 nuovi insediamenti
    La mossa mette a repentaglio i colloqui di pace fra Israele e Autorità Palestinese, ripresi di recente grazie alla mediazione degli Usa. Le nuove unità abitative sorgeranno a Gilo, Gerusalemme Est. Per John Kerry, la mossa di Netanyahu "mina la credibilità di Israele".

    31/12/2013 ISRAELE - PALESTINA
    Israele libera altri 26 detenuti palestinesi, ma legalizza 20 insediamenti in Cisgiordania
    Il rilascio dei prigionieri è avvenuto questa notte. Poco prima della liberazione, Israele ha approvato una legge per legalizzare 20 insediamenti nella valle del Giordano dove vivono circa 15 mila coloni.

    06/02/2014 ISRAELE - PALESTINA
    Israele approva oltre 500 nuove case in Cisgiordania
    Gli appartamenti sorgeranno negli insediamenti di Har Homa, Neve Yaakov e Pisgat Zeev, a Gerusalemme est. Da agosto 2013 il governo ha concesso oltre 4mila permessi per lotti abitativi.

    16/03/2010 ISRAELE – PALESTINA
    La “giornata della rabbia” palestinese diventa guerriglia urbana
    Al lancio di pietre la polizia israeliana ha risposto con proiettili di gomma e gas lacrimogeni. Una quarantina i feriti e 25 arrestati. L’iniziativa lanciata dai fondamentalisti di Hamas, in risposta all’inaugurazione di una sinagoga nei pressi della moschea di al-Aqsa. Fonte di AsiaNews: è una guerra di religione.

    21/01/2013 ISRAELE-PALESTINA
    Uri Avneri: Elezioni israeliane noiose, indecise, senza speranza per la pace
    Il grande statista e pacifista fa un'analisi realista e spietata dell'appuntamento elettorale di domani. Egli spinge gli indecisi a votare per evitare un destino di apartheid allo Stato di Israele, a cui lo stanno spingendo Netanyahu e Lieberman, senza alcuna resistenza da parte degli altri partiti. La pace coi palestinesi esclusa da tutti i programmi elettorali.



    In evidenza

    VATICANO-USA
    Papa a Trump: La grandezza dell’America misurata dall’attenzione ai poveri



    Papa Francesco esalta la “ricca spiritualità dei valori etici che hanno plasmato la storia del popolo americano” e chiede l’impegno “per il progresso della dignità umana e la libertà in tutto il mondo”.  Preoccuparsi “per i poveri, gli esclusi, e i bisognosi che, come Lazzaro, stanno davanti alla nostra porta”.  Il giuramento di Trump preceduto da diverse preghiere di rappresentanti cattolici, protestanti, ebrei.  Lo slogan “America first” guiderà le scelte politiche. Le pesanti critiche all’establishment. La cautela della Cina e l’entusiasmo della presidente di Taiwan.


    CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Wei Jingsheng

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®