26 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/06/2013, 00.00

    TURCHIA

    Istanbul sconvolta dalle proteste e dalle violenze della polizia

    NAT da Polis

    Centinaia di feriti a piazza Taskim, oppositori di un progetto edilizio che distrugge il Gezi Park. I militari difendono i manifestanti contro le forze di polizia. Cresce l'opposizione contro gli ambiziosi i progetti di Erdogan, basati sui successi economici, revival neo-ottomano, strisciante islamizzazione.

    Istanbul (AsiaNews) - Proteste in tutto il Paese e centinaia di feriti sono il risultato di violenti scontri della polizia turca  con i manifestanti di "Occupy Gezi Park", che da giorni si oppongono alla trasformazione del Gezi Park in centro commerciale. Il parco è uno dei pochi polmoni verdi rimasti nella città.

    La centralissima e piu importante piazza di Istanbul, piazza Taksim, sta per per subire una spaventosa  trasformazione, dovuta alla  speculazione edilizia. E proprio questa piazza, ieri sera, è stata  letteralmente bombardata in modo pesante con sostanze chimiche - gas lacrimogeni - con cui la polizia turca ha cercato di disperdere i manifestanti, i quali da tempo si oppongono al progetto edilizio.

    I manifestanti contestano questo tipo di progetto e di modello economico,  molto in voga nella Turchia neo-ottomana e consumistica, con i quali il partito di AKP, cerca di affascinare e fare da modello al mondo islamico.

    Si parla di centinaia di feriti. Nei social networks si dice che una donna è morta. Secondo gli stessi social networks, l'ordine era tassativo: reprimere la protesta a tutti costi.

    Tra i feriti vi è Sirin Oder, deputato di  origine kurda e membro del partito filokurdo BDP, come  pure il giornalista Ahmet Sik.

    Le forze di polizia  turca - che sono molto legate al potere dell'AKP, il partito di Erdogan,  hanno cercato di snidare ovunque i manifestanti, che nel disperato tentativo di evitare la violenta  repressione, hanno trovato  riparo nel vicino Ospedale militare, nella centralissima Gumusuyu cadessi. I militari hanno impedito  l'ingresso della polizia al cortile dell' ospedale   e hanno addirittura distribuito maschere antigas ai manifestanti, perché si proteggessero dai gas lacrimogeni.

    Le proteste  della serata di ieri si sono estese anche alla capitale della Turchia, Ankara, a Bodrum, Konya e Izmir, con la parola d' ordine "Piazza Taksim è dappertutto".

    L'origine di queste proteste viene da lontano. A Istanbul si osserva che le manifestazioni sono un segno della resistenza di una parte della società contro la strisciante omogenizzazione neo-ottomana dal sapore islamico, che l'AKP di Erdogan sta attuando con arroganza, grazie anche ai suoi successi economici. Essa è insomma è la protesta di un movimento che assume il carattere di opposizione allo strapotere di Erdogan e di tutti i suoi tentativi di autoritaria imposizione.

    Tale protesta trova  anche il sostegno del partito di opposizione CHP, pur incapace di produrre sinora una poltica alternativa.

    Contro la brutale repressione di Istanbul, vi è anche una presa di posizione dell'Unione europea. Stefan Fule, portavoce del Commissario per l'allargamento, ha dichiarato che la Turchia come Paese canditato all'ingresso nella Ue, deve rispettare il diritto di espressione e di associazione dei propri cittadini.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/06/2013 TURCHIA
    Istanbul, quarto giorno di proteste contro Erdogan
    Nella notte scontri nel quartiere Besiktas. Ieri i dimostranti hanno marciato verso gli uffici di Erdogan a Istanbul e Ankara chiedendo le sue dimissioni. Almeno 1770 sono stati arrestati, molti già rilasciati. Le cifre ufficiali parlano di 58 feriti fra i civili e 115 poliziotti. Alcuni civili hanno perso la vista, colpiti da proiettili di gomma. La Nato e la Ue domandano moderazione e dialogo.

    05/08/2014 TURCHIA
    Erdogan, nuovo califfo, favorito alle elezioni presidenziali
    Il premier è il favorito sul laico Ihsanoglu e il curdo Selahattin Demirtas. Se il 10 agosto nessuno arriva alla maggiroranza, si voterà un secondo turno il 24 agosto. Timori per l'islamizzazione del Paese, portata avanti dal partito Akp e per il grande potere concentrato sul premier.

    13/06/2013 TURCHIA
    Erdogan propone un referendum sul Gezi Park, ma esige la fine dei raduni a piazza Taksim
    Ieri l'incontro fra il premier e alcuni manifestanti "non rappresentativi". Ieri sera nuovo raduno in piazza a Istanbul, ma la polizia non è intervenuta. L'Unione europea sostiene il dialogo come "prova" di democrazia.

    04/06/2013 TURCHIA
    Ancora scioperi e manifestazioni. Erdogan: Non è la Primavera turca
    Sale a tre il bilancio dei morti. Negli scontri di questi giorni vi sono stati 1000 feriti a Istanbul e 700 ad Ankara. Nella capitale vi sono stati ancora scontri fra polizia e dimostranti, con lancio di gas lacrimogeno. Il premier rivendica il titolo di "Primavera turca" all'operato del suo governo. I manifestanti domandano le sue dimissioni.

    18/04/2017 08:54:00 TURCHIA
    Il vincitore Erdogan applaudito da Trump, criticato dall’Europa

    Una vittoria risicata del 51,4%. Congratulazioni anche dall’Arabia saudita. L’opposizione repubblicana e filo-kurda accusano brogli. Si prospetta una presidenza di Erdogan fino al 2029 e l’introduzione della pena di morte.





    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®