22 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/12/2017, 14.29

    INDONESIA

    Jakarta, ‘no’ dei cristiani all’evento natalizio del governatore islamista

    Mathias Hariyadi

    Inopportuna la scelta del parco monumentale simbolo della lotta per l’indipendenza Indonesiana. Criticato il tentativo di “trarre benefici politici” sfruttando la festa religiosa.

    Jakarta (AsiaNews) – I cristiani rifiutano l’invito del governatore di Jakarta, Anies Baswedan, a partecipare alla “Celebrazione del Natale” organizzata dall’amministrazione presso il Monumen Nasional (Monas), torre al centro della piazza Merdeka e simbolo della lotta per l’indipendenza indonesiana. La scelta del luogo ad i sospetti secondi fini del governatore islamista hanno portato al rifiuto.

    Inaugurato nel 1975, nel corso degli anni il complesso monumentale è divenuto teatro di numerose manifestazioni e celebrazioni islamiche, fin quando l’ex governatore della capitale, Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, ha deciso di renderlo uno spazio pubblico “neutrale”. Il suo successore Anies Baswedan, insediatosi lo scorso ottobre, ha tuttavia rivisto il regolamento governativo, che vietava lo svolgimento di cerimonie religiose e culturali all’interno del parco. Lo scorso 29 novembre, il neo governatore ha concesso ad alcune organizzazioni islamiste il permesso per tenervi un raduno, cui ha preso parte insieme ad alcuni dei più importanti leader radicali (foto). Esso ha avuto luogo il 2 dicembre, ad un anno esatto dalle violente manifestazioni di protesta del 2016 contro il suo predecessore, cristiano di etnia cinese, che gli estremisti avevano accusato di blasfemia. L’accusa ha condizionato le elezioni in favore di Anies Baswedan e un controverso processo ha condannato Ahok a due anni di carcere.

    La maggior parte della società civile critica con forza “l’iniziativa natalizia” del governatore di Jakarta ed il suo tentativo di “trarne benefici”, sfruttando la festa religiosa per aumentare il consenso tra gli elettori cristiani, ancora indignati per come in aprile ha condotto la sua campagna elettorale contro Ahok. Il Sinodo delle Chiese cristiane d’Indonesia (Pgi) ha reso pubblica la propria contrarietà all’evento in un comunicato rilasciato lo scorso 16 dicembre dal responsabile di Pgi Jakarta, Manuel Raintung. “Dobbiamo assicurarci che il Monas rimanga un monumento nazionale dove si possa manifestare lo spirito di unità tra i diversi popoli indonesiani”, si legge nella nota, che condanna anche lo sfruttamento della religione per fini politici.

    Della stessa opinione sono la Commissione interreligiosa dell’arcidiocesi di Jakarta e mons. Ignatius Suharyo Hardjoatmodjo, arcivescovo della capitale nonché presidente della Conferenza episcopale indonesiana (Kwi). Intervistato da AsiaNews, il presidente della Commissione p. Suyadi dichiara: “Nel nostro incontro con l'amministrazione cittadina, ho detto loro che noi i cattolici dell'arcidiocesi di Jakarta siamo chiamati a celebrare il Natale nelle nostre rispettive chiese parrocchiali. Celebrare il Natale nelle chiese piuttosto che negli spazi pubblici aperti è la nostra tradizione da decenni”. In questi giorni, ciascuna delle 67 parrocchie di Jakarta è inoltre impegnata nei preparativi per il periodo natalizio. “Qualora l'evento si svolgesse, la ‘Celebrazione del Natale’ dovrebbe essere gestita dai funzionari dell'amministrazione della città ed il luogo dovrebbe essere chiuso”, afferma il sacerdote. “La manifestazione – conclude – non dovrebbe coinvolgere nessun personaggio politico, né come organizzatore né in qualità di ospite”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/12/2016 11:19:00 INDONESIA
    Jakarta, il presidente Widodo incontra 200mila manifestanti pacifici (VIDEO)

    La marcia doveva essere una protesta contro il governatore della capitale, accusato di blasfemia. Grazie all’intervento delle autorità e degli ulema, si è trasformata in un ritrovo pacifico di preghiera. Joko Widodo ha espresso il proprio “apprezzamento per la grande folla ordinata”. La polizia arresta alcuni “provocatori” che volevano manipolare la manifestazione per criticare il governo.



    04/11/2016 15:19:00 INDONESIA
    Jakarta, il presidente Widodo snobba la protesta contro il governatore cristiano

    Il capo di Stato non ha incontrato i leader musulmani che chiedono l’arresto di Ahok per “blasfemia”. Nonostante i timori della vigilia, la manifestazione si è svolta in modo pacifico, ma con alcuni scontri. I motivi religiosi e politici dietro la protesta.



    05/11/2016 11:14:00 INDONESIA
    Presidente Widodo: Le manifestazioni di ieri, infiltrate da agitatori politici

    Incontro di emergenza sicurezza al palazzo presidenziale dopo alcuni scontri di folla con la polizia. Timori fra i gruppi di etnia cinese. Il caso di “blasfemia” del governatore di Jakarta sarà giudicato nelle prossime settimane “in modo trasparente, veloce e chiaro”. Fra i manifestanti, il vice-presidente del parlamento, Fahri Hamzah, che vuole far dimettere il presidente Widodo.



    11/12/2017 11:34:00 INDONESIA
    Jakarta, terrorismo: massima allerta nel periodo natalizio

    Oltre 20mila poliziotti di pattuglia a Jakarta tra il 23 dicembre ed il 1 gennaio. Luoghi di culto cristiani ed edifici governativi nel mirino dei terroristi. Nel 2000, attacchi contro 11 chiese hanno fatto 13 vittime e ferito 100 persone. Le iniziative delle due maggiori organizzazioni islamiche moderate per la sicurezza dei cristiani.



    21/12/2017 12:47:00 INDONESIA
    Islamisti contro il Natale, polizia: ‘Tolleranza e rispetto per le altre religioni’

    L’Islamic Defenders Front (Fpi) annuncia “vaste operazioni” contro cappelli e abiti natalizi. I cristiani sono circa il 10% della popolazione. Circa 90mila agenti di polizia in servizio nel Paese durante le feste, 20mila solo a Central Java.





    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®