22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/04/2017, 12.17

    INDONESIA

    Elezioni a Jakarta, sconfitta a sorpresa per Ahok. Vincono gli estremisti

    Mathias Hariyadi

    La vittoria di Anies Baswedan, candidato favorito delle associazioni islamiste più estreme. Ahok oggi ha conquistato solo il 42% circa dei voti, contro il 58% del suo rivale. Il voto popolare condizionato dalle manovre dei fondamentalisti.

    Jakarta (AsiaNews) – Il secondo turno delle elezioni per il governatorato della Grande Jakarta (DKI Jakarta) si chiude con la sorprendente sconfitta del governatore uscente Basuki “Ahok” Tjahaja Purnama, favorito alla vigilia delle consultazioni e vincitore nel primo turno del febbraio scorso.

    Alle 15:16 ora locale, con il 77% dei voti conteggiati, appare scontata la vittoria di Anies Baswedan, già ministro dell’Educazione e candidato favorito delle associazioni islamiste più estreme. Il voto popolare, condizionato dalle incessanti manovre dei fondamentalisti atte a screditare Ahok facendo leva su argomentazioni settarie, condanna il governatore uscente.

    Per mesi i leader islamici radicali hanno predicato nelle moschee invitando i fedeli a votare un candidato musulmano, piuttosto che un “infedele”. Essi hanno a più riprese organizzato manifestazioni violente per chiedere il ritiro della candidatura e anche la condanna a morte del politico cristiano, accusato in maniera ingiusta di blasfemia lo scorso ottobre.

    Ahok oggi ha conquistato solo il 42% circa dei voti, contro il 58% del suo rivale. Non è bastato confermare i voti del primo turno delle elezioni. Il primo turno delle consultazioni dello scorso febbraio si era infatti concluso con la vittoria di Ahok, mentre Baswedan aveva ottenuto il 39% dei voti e Agus Yudhoyono, il terzo candidato, solo il 17%.

    Per molti analisti, le  elezioni di oggi a Jakarta non sono state solo delle elezioni “locali” o una battaglia regionale tra Ahok e Baswedan, ma esse riflettono un più ampio panorama politico nazionale. Le “Pilkada 2017” sono state una lotta tra le componenti moderate della società indonesiana e i gruppi islamisti radicali, tra i democratici e gli autoritari.

    L’attenzione degli studiosi si sposta ora alle elezioni presidenziali del 2019, che vedranno affrontarsi il presidente uscente Joko “Jokowi” Widodo e l’ex generale dell’esercito Prabowo Subianto, sostenitore del nuovo governatore di Jakarta e riferimento politico degli estremisti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/04/2017 12:22:00 INDONESIA
    Jakarta, manifestazioni pubbliche di affetto e gratitudine per Ahok

    I cittadini vogliono esprimere la propria ammirazione. Ogni giorno in migliaia si recano al municipio. L'area antistante il palazzo inondata da cartelli e decorazioni floreali. Non si fermano le iniziative dei gruppi islamisti radicali contro il governatore cristiano. Il 9 maggio prossimo il verdetto del processo per blasfemia. Ahok: “Diffamato e odiato a causa della mia fede e delle mie idee”.

     



    05/04/2017 12:54:00 INDONESIA
    Processo Ahok, ‘inammissibile’ il video che aveva incriminato il governatore cristiano

    Non potrà essere proiettato in nessuna delle prossime udienze. Il filmato modificato è ora parte di un procedimento penale contro il suo diffusore. Ahok offre le sue scuse per il caso di blasfemia orchestrato contro di lui. Non si fermano gli attacchi delle organizzazioni musulmane estremiste. Le forze di sicurezza arrestano cinque leader islamisti per tradimento.



    09/05/2017 12:00:00 INDONESIA
    Processo Ahok: ‘Sentenza influenzata dall’attuale situazione politica’

    “La politica ha interferito col processo legale”. “La decisione dei giudici pericolosa per lo sviluppo della legge e della giustizia nel Paese”. “Come può l’Indonesia definirsi ‘una nazione secolare basata sullo Stato di diritto?’”. “Le implicazioni della condanna vanno ben oltre le mura del tribunale”. “Verdetto socialmente ‘amichevole’ per i giudici”.



    09/05/2017 08:53:00 INDONESIA
    Ahok condannato a due anni per blasfemia. Stupore e turbamento in Indonesia

    Il governatore di Jakarta è ora condotto alla prigione di Cipinang.  La condanna è più pesante delle richieste dei pubblici ministeri. Il caso ha diviso la nazione e ha dato vigore ai gruppi islamici radicali. Si accentuano i contrasti tra i movimenti radicali e i gruppi moderati. La situazione politica non è vantaggiosa per il presidente Joko Widodo.



    13/03/2017 12:51:00 INDONESIA
    Negati i funerali per i musulmani sostenitori del governatore cristiano

    In diverse moschee di Jakarta esposti striscioni e manifesti. La polizia apre un’inchiesta. Il ministro degli Affari religiosi esprime la sua preoccupazione: “Inviti del genere non sono islamici”. La campagna elettorale è segnata dagli atti di intolleranza degli islamisti nei confronti di Ahok e dei suoi sostenitori. Aumentano le tensioni in vista della prossima tornata elettorale in aprile. Le reazioni dei musulmani moderati.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®