19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/06/2013, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta, la polizia respinge la richiesta di velo obbligatorio per gli agenti donna

    Mathias Hariyadi

    La fazione islamista ha invocato l’obbligo dello jilbab. Associazioni pro diritti umani e una parte del Parlamento hanno sostenuto la richiesta. Il portavoce della polizia ricorda il codice interno, che prevede una divisa uguale per tutti e nega l’uso del copricapo. Unica eccezione la provincia islamica di Aceh.

    Jakarta (AsiaNews) - I vertici delle forze dell'ordine in Indonesia resistono alle pressioni dell'ala estremista islamica e respingono al mittente la richiesta di obbligare le donne poliziotto a indossare lo jilbab, il tradizionale velo che copre il capo lasciando scoperto il volto. Da tempo la frangia fondamentalista chiede che tutte le rappresentanti del gentil sesso portino il tradizionale copricapo; tuttavia, la polizia difende il "codice interno di condotta" che prevede una divisa uguale per tutti gli appartenenti, senza distinzioni fra province e aree geografiche con l'unica eccezione della provincia islamica di Aceh.

    Nella zona vige la Sharia in base all'accordo del 2005 fra il movimento indipendentista locale Gam e il governo centrale, che ha messo fine alla trentennale guerra civile nella provincia autonoma. Ad Aceh vigono alcuni dettami legati alla legge islamica, soprattutto in materia di costumi come il divieto imposto alle donne di sedere a cavalcioni sulle moto o di indossare jeans o minigonne. Il rispetto delle regole è inoltre assicurato dalla presenza per le strade della "polizia della morale", un corpo speciale che punisce le violazioni.

    La polemica sul velo per le donne poliziotto si trascinava da qualche settimana. Sulla vicenda sono intervenuti anche gruppi pro diritti umani come il Komnas HAM - Commissione nazionale pro diritti umani - e alcuni parlamentari di vari schieramenti. A mettere la parola fine ci ha pensato il portavoce del corpo di polizia Ronnie F. Sompie che ha ricordato "il regolamento interno" che prevede "una uniforme ben precisa, anche per le donne". In materia di jilbab la posizione è "chiara e netta: non è autorizzato ed è contrario alle norme".

    Nel 2009 il capo della polizia di East Java è stato rimosso dopo due mesi dalla sua promozione perché aveva imposto alle donne poliziotto l'obbligo di indossare il velo.

    Va peraltro aggiunto che molti indonesiani non hanno affatto apprezzato "l'intrusione" della Komnas HAM e di una parte del Parlamento. La prima dovrebbe occuparsi di violazioni più serie ai diritti, come avviene spesso in materia di libertà religiosa (vedi attacchi contro cristiani e ahmadi), mentre sul fronte politico, la scelta di intervenire sembra dettata quasi esclusivamente dal desiderio di acquisire maggiore consenso nell'ala estremista del Paese.

    L'Indonesia, con i suoi 231 milioni di abitanti secondo stime del 2009, è il Paese musulmano più popoloso al mondo. Tuttavia, vi sono presenze significative fra i gruppi etnici e le minoranze religiose. I fedeli dell'islam sono circa l'87% della popolazione (in grande maggioranza sunniti), i protestanti il 6,1%, i cattolici attorno al 4%, mentre induisti e buddisti l'1% circa. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/03/2009 INDONESIA
    East Java, le donne poliziotto devono indossare il velo islamico
    Il nuovo capo della polizia ha emanato una direttiva “non vincolante” per tutte le donne in divisa. Ai poliziotti si chiede anche di pregare cinque volte al giorno. La sede centrale di Jakarta approva la normativa e dice che gli agenti sono “liberi” di seguirla.

    22/01/2004 indonesia
    Velo islamico: musulmani e cristiani a favore del veto francese


    17/09/2008 INDONESIA
    Indonesia, la sharia dietro la legge anti-pornografia
    Minoranze etniche e gruppi religiosi denunciano il tentativo di introdurre la legge islamica. La normativa, poco chiara e passibile di diverse interpretazione, lascia ampio margine ai fondamentalisti per reprimere “costumi e tradizioni popolari” che costituiscono la vera “ricchezza della nazione”.

    16/09/2008 INDONESIA
    In Indonesia scoppia la guerra sulla legge anti-pornografia
    Il fronte politico del Paese è diviso fra chi vorrebbe l’attuazione della legge per “moralizzare” i costumi e quanti denunciano la distruzione di “una società pluralista” e l’introduzione della sharia. A rischio anche l’industria del turismo, penalizzata da una stretta osservanza dei precetti islamici.

    22/09/2008 INDONESIA
    Jakarta rinvia la discussione sulla legge anti-pornografia
    Una larga maggioranza dell’opinione pubblica indonesiana si dice “soddisfatta” della decisione dei parlamentari di rimandare la discussione sulla controversa legge. Deputati denunciano falsificazioni nelle firme ed estromissioni dalle sedute parlamentari mirate a favorirne l’approvazione.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®