21/05/2015, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Jakarta colpisce la pesca illegale: affondati 41 pescherecci stranieri

Colate a picco con dinamite imbarcazioni di Cina, Vietnam, Thailandia e Filippine. La linea dura scelta dal presidente Widodo rischia di riaccendere le tensioni nel Mar Cinese meridionale. Sembra lontano l’accordo sui confini marittimi contestati.

Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – La marina indonesiana ha affondato 41 navi straniere, accusate di pesca illegale nelle proprie acque territoriali. I pescherecci fanno parte delle flotte di Vietnam, Thailandia e Filippine: alcuni di essi sono stati distrutti con cariche di dinamite e lasciati affondare. Tra le imbarcazioni affondate anche una cinese di grosso tonnellaggio, che operava nella zona sud del Mar Cinese meridionale. È la prima volta che una nave di Pechino viene colpita dalle autorità indonesiane.

Susi Pudjiastuti, ministro della Pesca, difende la linea dura del governo: “Senza la continua lotta alla pesca illegale, non saremmo in grado di aumentare il benessere dei nostri pescatori”. “Questo non è un atto di forza – ha aggiunto –. Stiamo solo applicando le nostre leggi”.

La guerra alla pesca illegale è uno dei punti fermi della politica del presidente Joko Widodo che, fin dalla sua elezione lo scorso ottobre, ha promesso di fare di tutto per interrompere una pratica che costa all’Indonesia (la più grande economia del sud-est asiatico) miliardi di dollari di mancate entrate ogni anno.

Secondo le autorità indonesiane, la pesca illegale straniera è colpevole anche dell’enorme danno all’ambiente causato dall’uso diffuso di esplosivi e cianuro, che distruggono gli habitat dei pesci.

La politica dura di Jakarta rischia di aumentare l’irritazione dei Paesi vicini, in una regione che da anni è teatro di scontri. Il Mar Cinese meridionale – oltre a essere fonte ricchissima di gas naturali e petrolio – è una delle zone più pescose del pianeta, fornendo il 10% del prodotto mondiale. Il pesce rappresenta una parte fondamentale dell’economia dei Paesi asiatici, visto che il 22% delle proteine assunte in media dalla popolazione provengono da lì (per il resto del mondo è il 16%). I cinesi mangiano in un anno quasi il doppio del pesce rispetto alla media mondiale (26,3 kg a persona, contro 16,9 kg).

Gran parte della popolazione costiera di Cina, Vietnam, Filippine e Indonesia pratica pesca di sussistenza. A causa della sovrappesca e dell’inquinamento dei litorali, i pescatori sono costretti ad lavorare più lontano, in zone dove i confini marittimi sono contestati. Incidenti su piccola scala accadono di continuo tra pescherecci cinesi, vietnamiti e filippini.

Nel 2013, grazie alla mediazione di Thailandia e Indonesia (e dopo un tentativo fallito nel 2002), negoziati tra Asean (Associazione delle nazioni del sud-est asiatico) e Cina hanno portato alla ripresa di un codice vincolante di condotta nella zona. In ogni caso, il raggiungimento di un accordo duraturo sembra incerto nel prossimo futuro.  

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangkok: Governo “inefficiente” nei controlli, continua lo sciopero dei pescatori
07/07/2015
Primo ministro thai all’Indonesia: Aiutateci a sconfiggere la pesca illegale
24/04/2015
Mar Cinese meridionale: per contenere Pechino, Manila chiede armi agli Usa
03/05/2012
Pechino vieta la pesca nel Mar Cinese meridionale. Hanoi: arroganza illegittima
25/05/2015
Colombo vieta le reti a strascico: ‘Una vittoria dei piccoli pescatori’
28/01/2019 11:04