27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/04/2012, 00.00

    INDONESIA – MALAYSIA

    Jakarta: niente tracce di “traffico di organi”, sui corpi degli operai uccisi in Malaysia

    Mathias Hariyadi

    Dall’autopsia era emerso che i cadaveri erano privi di cuore, occhi e reni. Un funzionario di polizia, di rientro da Kuala Lumpur, smentisce possibili manomissioni delle salme. Gli immigrati, impiegati nell’edilizia, morti in uno scontro con le forze dell’ordine. Per Kuala Lumpur stavano compiendo una rapina e hanno opposto resistenza al fermo.

    Jakarta (AsiaNews) - Non vi sono tracce di "un traffico di organi umani" che, secondo le prime ipotesi, sarebbero stati prelevati da tre lavoratori clandestini indonesiani, uccisi in uno scontro con la polizia nel marzo scorso in Malaysia. Sono questi gli ultimi sviluppi di una intricata vicenda che ha rischiato di innescare una guerra diplomatica fra Jakarta e Kuala Lumpur. Oggi l'ufficiale di polizia Bambang Purwanto, alto funzionario del ministero indonesiano del Lavoro, ha infatti dichiarato che "non esistono prove concrete" che gli organi interni di Herman (uno dei tre operai uccisi) siano stati "prelevati illegalmente in Malaysia" come gran parte dell'opinione pubblica e la famiglia ritenevano dopo i primi risultati emersi dall'autopsia effettuata ieri a Lombok, provincia di West Nusa Tenggara. Dal cadavere dell'uomo, queste le indiscrezioni filtrate nelle scorse ore, mancherebbero infatti gli occhi, il cuore e i reni.

    I fatti risalgono al 23 marzo: la polizia malaysiana compie un rastrellamento nei pressi di Port Dickson, Stato malaysiano di Negeri Sembilan, nel contesto di una più ampia operazione contro l'immigrazione clandestina e lo sfruttamento del lavoro illegale. Tre operai indonesiani, impiegati nell'edilizia, di nome Herman, Abdul Kadir Jaelani e Mad Noon hanno opposto resistenza al fermo e - secondo la ricostruzione delle autorità di Kuala Lumpur - avrebbero reagito attaccando armati di machete. Gli agenti hanno aperto il fuoco, uccidendoli.

    L'episodio sembrava destinato a rimanere una delle tante (tristi) pagine di cronaca locale, fatta di miseria e sfruttamento, con i corpi rimpatriati e restituiti alle famiglie - la consegna è avvenuta il 5 aprile - le quali, in tutta fretta, dispongono la sepoltura senza ulteriori approfondimenti. I parenti di Herman, invece, hanno chiesto il disseppellimento del cadavere e l'esame autoptico. E in un primo momento sarebbe emerso che i cadaveri erano privi di tre importanti organi, forse prelevati prima ancora che le salme venissero rimpatriate.

    Il sospetto iniziale - che ha sollevato indignazione e ira nell'opinione pubblica - è che cuore, reni e cornee siano stati espiantati senza consenso, per alimentare il mercato nero internazionale del traffico di organi. Molte delle nazioni asiatiche - fra cui la Cina, famosa per la pratica di prelevare organi dai condannati a morte - sono infatti note per il fiorente mercato clandestino, che porta persone bisognose a spendere decine di migliaia di dollari nel tentativo di curare le più diverse patologie.

    Le autorità malaysiane fin dal primo momento hanno respinto al mittente ogni addebito e negato le accuse, ma in Indonesia era già divampata la polemica politica con la richiesta di chiarimenti ufficiali avanzata da diversi parlamentari al governo e al presidente Susilo Bambang Yudhoyono. Poco fa la smentita di Purwanto - di rientro da una missione proprio in Malaysia, allestita in tutta fretta per raccogliere ulteriori elementi da Kuala Lumpur - il quale ha aggiunto un ulteriore dettaglio: i tre immigrati sono stati uccisi dalla polizia mentre stavano compiendo una rapina, mascherati e armati di machete. Al momento non si hanno però altre dichiarazioni ufficiali e anche dal ministero degli Esteri non arrivano informazioni più dettagliate, su una vicenda che continua però a presentare lati oscuri.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/06/2014 BANGLADESH
    Povertà e analfabetismo, le prime cause del traffico di bambini in Bangladesh
    In un seminario Ong nazionali e internazionali hanno presentato la situazione del traffico di esseri umani. Nella maggior parte dei casi le vittime finiscono nel giro della prostituzione, o sono usati per la compravendita di organi.

    16/06/2009 CINA
    “Modernizzazione” a Pechino: pena di morte per iniezione letale e non col colpo in testa
    L’iniezione letale è considerata “più umana” e “più moderna” e toglie "la paura e il dolore" ai condannati. I dati ufficiali parlano di 1700 condanne a morte nel 2008, più del 70% di tutte le esecuzioni nel mondo. Attivisti accusano le autorità carcerarie di usare le salme dei condannati a morte nel traffico di organi.

    20/03/2015 NEPAL
    Nepal, la tratta di esseri umani fa "sparire" migliaia di donne
    Uno studio effettuato dal distretto di Kailali riporta dei dati allarmanti. Secondo Kamala Bhatta, della polizia nepalese, ogni anno "scompaiono 5mila donne a causa del traffico di organi e per lo sfruttamento della prostituzione". Spesso sono le stesse famiglie povere a vendere le donne. L'attivista cattolica Rupa Rai: "Il governo deve affrontare con serietà il problema".

    29/08/2011 INDIA
    India, approvata la legge contro il traffico di organi umani
    Per chi è coinvolto nel commercio e nei trapianti illegali prigione da 5 a 10 anni e pagamento di una multa da 2 milioni di rupie fino a 10 milioni di rupie. Aperta la donazione anche al di fuori del nucleo familiare. Dr. Pascoal Carvalho, della Pontificia accademia per la vita: “L’India aveva bisogno di leggi più dure, per aiutare i malati e salvare i poveri dallo sfruttamento”.

    07/07/2012 CINA
    La polizia cinese scopre un mega consorzio per la vendita di bambini, 802 arresti
    Lanciata nei giorni scorsi l'operazione ha coinvolto oltre 10mila agenti in 15 province. Nel traffico erano coinvolti ambulatori, cliniche e ospedali. I funzionari adescavano donne gravide e famiglie promettendo fino a 8mila euro per la vendita del figlio. I bambini di età superiore ai due anni venivano venduti all'asta nelle province con più richieste. In caso di malattia i piccoli erano scaricati durante il viaggio e lasciati morire in mezzo alla strada.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®