22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/06/2006, 00.00

    INDONESIA

    Java: il terremoto costringe a ripartire da zero

    Mathias Hariyadi

    AsiaNews visita le aree più colpite dal terremoto del 27 maggio a Java: Wedi, Gantiwarno e Bayat nella reggenza di Klaten. Le storie dei sopravvissuti: chi cerca tra le macerie gli ultimi oggetti di valore, chi è paralizzato dal terrore. La tragedia provoca fenomeni sconosciuti alla zona: accattonaggio e traffico automobilistico.

    Wedi (AsiaNews) – Di giorno, rimuovere le macerie della propria casa e costruirsi un riparo provvisorio ai bordi delle strade; di notte, cercare di dormire al freddo in una tenda, mentre le scosse di assestamento impediscono sonni tranquilli. E dal governo ancora nessun aiuto. Così si vive a Wedi, Gantiwarno e Bayat, distretti nella  reggenza di Klaten, dopo una settimana dal tragico terremoto che sull'isola indonesiana di Java ha ucciso 5782 persone. AsiaNews ha visitato questi luoghi, per lo più dimenticati da media e autorità, e parlato con i sopravvissuti.

    Nella zona il sisma di 6,3 gradi Richter ha completamente cancellato 30 villaggi e spazzato via 40mila case.

    Ganesha è uno studente universitario di Jember, ma i suoi genitori sono originari di Wedi, dove è accorso dopo il disastro: "Il danno è incommensurabile, dopo aver visto la situazione sono rimasto senza parole". "La gente – continua – è spossata dall'insicurezza e la totale mancanza di qualsiasi cosa rende impossibile cominciare a ricostruirsi una vita".

    Mukir, 58 anni, cattolico residente a Gayamharjo di Njali, spiega che "i sopravvissuti sono del tutto dipendenti dalle squadre di aiuti dal punto di vista materiale ed economico". Mentre dà una mano ai suoi vicini nel rimuovere le macerie aggiunge: "Potete vederlo voi stessi, la gente si aiuta vicendevolmente, non possiamo far altro".

    L'abitazione della famiglia Soeradjis a Jabung, Gantiwarno, è danneggiata in modo serio. "Dobbiamo ricominciare da zero" dice Agatha, la figlia. "Ci stavamo per svegliare – ricorda il padre – quando abbiamo sentito il forte terremoto e le mura sono cadute addosso a mia moglie, al momento ricoverata a Solo".

    Il terremoto ha portato via anche tutto quello che possedeva la signora Suwito, del villaggio di Jiwo Wetan. "Non ho niente di più di quello che indosso", dice la donna costretta a vivere ai margini della strada principale da Wedi a Bayat, senza neppure una tenda.

    Nella totale mancanza di aiuti dal governo la gente continua a cercare sotto le macerie qualcosa da mangiare. Due donne, sui 70 anni di età, si aggirano tra i resti degli edifici crollati in cerca di oggetti di valore. Entrambe sono sporche e sudate, la temperatura è di 39°. Una, la signora Prawiro, non ha altri parenti qui e il suo unico figlio a Surabaya (Java est) non è ancora venuta a trovarla. La signora Yati, invece, è completamente sola.

    Intanto aumentano le tendopoli ai margini delle strade, dove i sopravvissuti scelgono di vivere per paura delle scosse che ancora si verificano. Wahyuni, madre di tre figli e originaria di Jabung a Gantiwarno, ammette: "Non abbiamo scelta se non rimanere qui, con il caldo rovente di giorno e il freddo la notte". Scosse di assestamento si registrano ogni giorno; Suliyah, del villaggio di Jagalan, si chiede: "Come si può dormire, se ogni notte sentiamo una scossa? Siamo terrorizzati".

    Ma non sono solo le tende ad avere cambiato il paesaggio di queste zone. Per le strade aumentano i mendicanti, soprattutto bambini, fenomeno sconosciuto nella zona. Vengono da più parti dell'Indonesia e molti sono parenti delle vittime. Altrettanto sconosciuto era il traffico automobilistico, che da sette giorni a questa parte, invece, impedisce di spostarsi anche in motorino, come raccontano i locali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/06/2006 INDONESIA
    Terremoto a Java: scosse di assestamento, panico fra la popolazione

    Scosse di magnitudo 4 durante tutta la notte. I sopravvissuti temono un nuovo disastro e l'eruzione del vulcano Merapi.



    30/03/2005 INDONESIA
    I cristiani si mobilitano per aiutare i terremotati di Nias

    Frati cappuccini e clarisse in prima fila negli aiuti alle vittime del sisma. Conventi trasformati in centri di rifugio; molti religiosi partono volontari per soccorrere la popolazione.



    30/03/2005 INDONESIA
    Terremoto: centinaia di morti anche sulle isole Banyak

    Difficili le operazioni di soccorso a Nias e Simeuleu: mancano scavatrici per liberare le strade dalle macerie. La comunità internazionale invia aiuti e promette sostegno economico.



    04/04/2006 INDONESIA
    Nias, un disastro dimenticato

    A una anno dal terremoto che sconvolse l'isola indonesiana, gli abitanti denunciano: mancano ancora  scuole, case, strade e ponti. Gli sfollati vivono in capanne costruite con i propri risparmi. Le responsabilità di Ong e dell'Agenzia governativa per la ricostruzione.



    10/07/2006 INDONESIA
    Terremotati di Java: il governo ci ha dimenticati
    I sopravvissuti al sisma di maggio manifestano contro i ritardi sulla distribuzione degli aiuti promessi dal governo e mai arrivati. Giungono invece i soccorsi offerti da un gruppo di cattolici a Wedi.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®