28 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/04/2010, 00.00

    CINA - VATICANO

    Jiangsu: nuova ordinazione episcopale approvata dal Vaticano

    Wang Rui-Zhen Yuan

    É la seconda in pochi giorni. Tutti i vescovi ordinanti, meno uno, sono riconosciuti dalla Santa Sede. Come segno di partecipazione al lutto nazionale per i morti del Qinghai, alla fine della cerimonia si è osservato il silenzio e nel banchetto non si è servito vino.
    Nantong (AsiaNews) – Con l’approvazione della Santa Sede, mons. Shen Bin è stato ordinato oggi vescovo ufficiale della diocesi di Haimen (Nantong) nella provincia del Jiangsu, lungo la costa est della Cina. La cerimonia è avvenuta nella cattedrale di Nantong, proprio nel giorno in cui la Cina celebra il lutto per i morti del sisma nel Qinghai. Subito dopo l’ordinazione, iniziata alle 8.30, come in tutta la Cina, alle 10 i presenti hanno osservato alcuni minuti di silenzio.
     
    Mons. Shen è il secondo vescovo riconosciuto dal governo e approvato dalla Santa Sede ad essere ordinato in quattro giorni. Lo scorso 18 aprile è avvenuta quella di mons. Paolo Meng Qinglu di Hohhot. Le ordinazioni episcopali sembravano bloccate da quasi due anni. La sede di Haimen era vacante dal 2006, quando è morto il vescovo Yu Chengcai.
     
    Il presidente della celebrazione è stato mons. Fang Xinyao, vescovo di Linyi. Presenti anche altri tre vescovi del Jiangsu: mons. Lu Xinping di Nanchino; mons. Xu Honggen di Suzhou e Wang Renlei di Xuzhou. Tutti loro, meno mons. Wang, sono vescovi legittimi, in comunione con la Santa Sede. Wang Renlei è stato ordinato senza approvazione papale nel novembre del 2006.
     
    Alla celebrazione hanno partecipato anche 20 sacerdoti e circa 1000 fedeli.
     
    Parlando con AsiaNews, mons. Shen ha spiegato che le sue priorità sono anzitutto quelle di rafforzare la formazione e i servizi sociali della Chiesa. Egli spera di poter aiutare sacerdoti e suore ad approfondire lo studio della Bibbia, la spiritualità, la cultura, come pure di incrementare la formazione dei laici per comprendere e partecipare all’evangelizzazione.
     
    Sul versate dell’impegno sociale, egli spera di aiutare gli studenti più poveri nell’istruzione e di fondare gruppi caritatevoli che si prendano a cuore i poveri, gli orfani, le vedove e le vittime dei disastri.
     
    Mons. Shen, il nuovo vescovo ha 41 anni ed è sacerdote dal 1996. Per lungo tempo ha lavorato anche come vicario generale.
     
    Come segno di partecipazione al lutto nazionale per i morti del terremoto del Qinghai, tutti i fedeli hanno pregato per loro. Al banchetto che ne è seguito non è stato servito alcun vino.
     
    Alcuni hanno avuto l’impressione che l’ordinazione sia stata organizzata molto in fretta. Il vescovo ha detto che il periodo subito dopo Pasqua è il migliore. In maggio la diocesi è occupata con i pellegrinaggi alla Madonna di Langshan, un santuario locale, e in giugno il tempo è troppo caldo e umido.
     
    La diocesi di Haimen è composta da 30 mila cattolici, serviti da 9 sacerdoti e 21 suore.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/09/2010 CINA - VATICANO
    Mons. Pietro Wu Junwei, nuovo vescovo di Yuncheng
    È l’ottavo vescovo ordinato quest’anno con l’approvazione della Santa Sede e il benestare di Pechino. Tutti i vescovi ordinanti sono in comunione con la Santa Sede. Le priorità del neo-ordinato: formazione dei preti e dei laici per l’evangelizzazione. In ottobre terrà un ritiro con tutti i sacerdoti della diocesi. La prima evangelizzazione di Yuncheng è avvenuta alla fine della dinastia Ming, da parte dei gesuiti italiani Aleni e Vagnone.

    24/06/2010 CINA - VATICANO
    Nuovo vescovo di Sanyuan, approvato dal Vaticano
    All’ordinazione hanno partecipato tutti vescovi in comunione col la Santa Sede. Si attendeva il nuovo vescovo da cinque anni. Fra le priorità del neo-ordinato: l’evangelizzazione, un rapporto più personale con i sacerdoti, la formazione di preti e laici fondata sulla Bibbia. Nella diocesi non vi sono problemi fra cristiani sotterranei e ufficiali

    12/04/2010 CINA - VATICANO
    Sacerdoti e vescovo di Bameng forzati a concelebrare con il vescovo scomunicato
    Nuovi particolari sulla cerimonia di istallazione di mons. Du, sotto le pressioni del ministero degli affari religiosi e dell’Associazione patriottica. La cerimonia dell’8 aprile era tutta sotto il controllo del governo. Timori dei sacerdoti per le possibili difficoltà con i fedeli e con la comunità sotterranea.

    21/09/2007 CINA - VATICANO
    Pechino, ordinato mons. Li Shan
    Il nuovo vescovo è stato accolto dall’applauso dei suoi fedeli. Succede a Michele Fu Tieshan, vescovo patriottico che non ha mai chiesto la riconciliazione con il Papa. Mons. Li ha l’approvazione del Vaticano.

    21/09/2007 CINA – VATICANO
    La gioia dei cattolici di Pechino per l’ordinazione di mons. Li Shan
    Alla cerimonia hanno presenziato oltre mille persone, fra cui i rappresentanti del governo e dell’Associazione Patriottica. Secondo un cattolico locale, mons. Li rappresenta un forte passo verso l’unità della Chiesa in Cina.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®