20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/09/2017, 14.45

    ISRAELE – PALESTINA

    Jubbet al-Dhib, inaugurata nuova scuola ‘illegale’, dopo quella distrutta dai soldati



    Irruzione dell’esercito israeliano con gas lacrimogeni e granate. Ministero palestinese dell’istruzione: una sfida alle politiche coloniali. Sono cinque le scuole a rischio nell’area.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – È stata inaugurata ieri mattina la nuova scuola del villaggio di Jubbet al-Dhib, nel distretto di Betlemme. L’edificio è stato eretto nella notte fra l’8 e il 9 settembre sulle rovine di quello abbattuto lo scorso mese dall’esercito israeliano, a un giorno dall’inizio delle lezioni. A partecipare alla costruzione delle cinque classi sono stati attivisti e funzionari ministeriali dell’Autorità nazionale palestinese.

    Per Israele, la scuola è “illegale” perché costruita senza i permessi necessari. Il 9 settembre, le forze armate israeliane vi hanno fatto irruzione, circondando la costruzione e attaccando gli attivisti con gas lacrimogeni e granate stordenti. Un portavoce dell’amministrazione civile israeliana ha riferito che durante il raid “materiali di lavoro sono stati confiscati”, fra cui un veicolo. Ad oggi, la struttura è ancora in piedi.

    I funzionari palestinesi riferiscono che la scuola è stata chiamata “Challenge 5 School” (Sfida della scuola 5) perché è la quinta nell’area ad essere minacciata dalla costruzione di insediamenti. Tutte si trovano all’interno dell’area C, ovvero sotto il completo controllo militare d’Israele, vicino ad avamposti militari e colonie. Per il ministro palestinese dell’istruzione, Sabri Saidam, la ricostruzione dell’edificio è una sfida alle “politiche di occupazione che cercano di privare i bambini di un’istruzione sicura”.

    La scuola di Jubbet al-Dhib è la terza struttura scolastica della Cisgiordania ad essere demolita o privata di infrastrutture a partire da agosto, dopo la demolizione dell’unico asilo beduino a Jabal al-Baba e la confisca dei pannelli solari di una scuola nel villaggio di Abu Nuwar.

     A luglio, l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha) aveva sottolineato come fosse “quasi impossibile” per i palestinesi ottenere i permessi per costruire nelle aree C dei Territori. Per questa ragione più di un terzo delle comunità palestinesi nell’area C non hanno scuole elementari. L’Ong Norwegian Refugee Council (Nrc) sostiene che sono 55 gli edifici scolastici in Cisgiordania a rischio di demolizioni, molti dei quali costruiti con fondi dell’Unione europea.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/09/2017 11:30:00 ISRAELE - PALESTINA
    Jubbet al-Dhib: studiano in tenda i bambini della scuola demolita da Israele

    L’edificio era stato costruito senza i “permessi necessari”. La scuola più vicina è a molti chilometri. Preoccupazione per il clima invernale. È la terza struttura scolastica ad essere oggetto di misure da parte delle autorità militari israeliane. 



    16/09/2014 PALESTINA
    Anche a Gaza si torna a scuola. Ma i bambini "hanno perso la loro umanità"
    P. Manawel Musallam, preside di una scuola cattolica nella Striscia, racconta l'impossibile ritorno alla normalità dei ragazzi palestinesi. I bombardamenti israeliani hanno distrutto 24 scuole e danneggiato altre 190 in modo parziale. Su 1,8 milioni di abitanti, quasi il 45% della popolazione ha meno di 14 anni.

    25/12/2008 VATICANO
    Papa: nella notte di Natale pensiamo ai bambini che soffrono e a Betlemme senza pace
    L’invito a rivolgere l’attenzione ai piccoli ai quali è rifiutato l’amore dei genitori, a quelli “di strada”, a quelli costretti a fare il soldato o sfruttati dalla pornografia. “Cessino l’odio e la violenza” nella terra ove è nato Gesù.

    26/10/2004 ISRAELE – PALESTINA - TERRASANTA
    Nasce una scuola materna per arabi cristiani e musulmani

    Custode di Terra Santa: "E' un segno di speranza e di coraggio".



    25/07/2016 12:07:00 ISRAELE-PALESTINA
    Nuove scoperte e splendenti mosaici nei restauri alla chiesa della Natività di Betlemme (Foto)

    Riemersi dopo secoli i mosaici dei transetti: un’Ascensione di Gesù, con Maria, gli apostoli e gli angeli; l’incredulità di san Tommaso; l’entrata di Gesù a Gerusalemme; una trasfigurazione di cui restano solo pochi frammenti. Riportata alla luce la “firma” di un mosaicista del XII secolo.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®