20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/01/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Karachi, donne in piazza a sostegno della legge sulla blasfemia

    Jibran Khan

    L’ala femminile della Jamaat-e-Islami (JI) ha sfilato per le vie della città, lanciando slogan contro quanti vogliono modificare la “legge nera”. I leader fondamentalisti chiedono l’espulsione dei rappresentanti vaticani per “l’ingerenza” di Benedetto XVI. Il 30 gennaio cristiani in preghiera per Asia Bibi e la pace nel Paese.
    Karachi (AsiaNews) – L’ala femminile del movimento islamico Jamaat-e-Islami (JI) ha manifestato per le vie di Karachi contro possibili emendamenti alla legge sulla blasfemia. La protesta si è svolta ieri in occasione della preghiera del venerdì: la folla si è radunata a Mazar-e-Quaid – il Mausoleo nazionale, meglio noto come la tomba che ospita i resti del fondatore Ali Jinnah – e ha marciato sino all’area di Numaish Chowrangi. Le giovani – provenienti da diverse scuole e istituti della città – brandivano slogan e cartelli contro quanti vogliono modificare la “legge nera”.
     
    Rivolgendosi alla folla, Ghafoor Ahmed – membro di JI – ha confermato che “non sarà ammesso alcun tentativo di toccare la legge”; lo spirito delle studentesse pakistane, ha aggiunto, mostra che il Paese “diventerà presto una vera nazione islamica”. Il vice-presidente Ashraf Jalali, alla guida della manifestazione, ha chiarito che l’eventuale condanna di Mumtaz Qadri – l’assassino del governatore del Punjab Salman Taseer – porterà a nuove manifestazioni e proteste, perché egli è “un eroe della ummah musulmana”.
     
    I membri del movimento fondamentalista invocano anche l’espulsione di tutti i rappresentanti vaticani in Pakistan, per quella che definiscono “ingerenza” di Benedetto XVI negli affari interni. Il 10 gennaio scorso il Papa, durante l’incontro con il corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede, aveva rivendicato il diritto alla libertà religiosa e chiesto l’abrogazione della legge sulla blasfemia.
     
    Il 30 gennaio i fondamentalisti islamici hanno indetto una manifestazione nazionale a sostegno della “legge nera” e hanno promesso una “lunga marcia” verso Islamabad se Asia Bibi, la 45enne cristiana condannata a morte per blasfemia e in attesa di appello, non verrà giustiziata. Sempre il 30 gennaio, invece, il vescovo di Islamabad/Rawalpini, mons. Rufin Anthony, ha proclamato una giornata di digiuno e preghiera per Asia e per la pace e l’armonia in tutto il Pakistan.  
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/12/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”
    In concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, celebrata il 10 dicembre, oltre 150 persone hanno aderito a una marcia di sensibilizzazione. In tutto il Pakistan si sono tenuti incontri, mostre, seminari per veicolare un messaggio di “uguaglianza” e “unità nella diversità”. Attivista: la discriminazione alla radice di tutti i conflitti.

    21/11/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani
    Sacerdote cattolico esprime riconoscenza alla comunità musulmana, che ha svolto "indagini approfondite" prima di emettere la condanna. E auspica che "la cultura della pace e dell'armonia religiosa" possa sempre prevalere. Protagonista della vicenda una donna cristiana, incriminata in base alla legge nera nel corso di una controversia legale.

    04/11/2011 PAKISTAN
    Leader cristiano pakistano: per le minoranze, un partito forte e radicato
    Cornelius Mohsin, imprenditore con la passione della politica, vive da anni negli Usa. Amico e collaboratore di Shahbaz Bhatti, potrebbe tornare nel Paese di origine e contribuire alla nascita di un movimento politico che promuova i diritti delle minoranze e una migliore scolarizzazione. Il progetto è accolto con favore dal vescovo di Islamabad, che assicura il sostegno dei cattolici.

    31/01/2011 PAKISTAN
    Lahore: 40mila in piazza per difendere la legge sulla blasfemia. Slogan contro il papa
    Critiche a Benedetto XVI per essersi “unito alla propaganda Occidentale” contro lo Stato islamico. I manifestanti pronti a sacrificare la vita in nome di Maometto. Il nuovo governatore del Punjab invitato a solidarizzare con l’assassino di Salman Taseer. Doppio attentato nel nord-ovest: 5 morti e 19 feriti.

    05/05/2011 PAKISTAN
    Paul Bhatti: contro l’estremismo in Pakistan, “interventi chirurgici” nel lungo periodo
    Il consigliere speciale racconta ad AsiaNews le prime settimane di lavoro, nel dicastero del fratello assassinato. “Incontri interreligiosi ed educazione” per promuovere l’idea di convivenza interconfessionale. Il governo nomina un musulmano ministro per le Minoranze religiose. Che dichiara: legami “solidi” con le minoranze, lavorerò per la “sicurezza” di tutti.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®