30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/01/2016, 15.37

    NEPAL

    Kathmandu, scoperta una nuova tratta per le schiave del sesso

    Christopher Sharma

    I trafficanti spostano le donne con documenti falsi fra Nepal, India e Sri Lanka, per poi dirigerle verso il Medio Oriente. Le ragazze nepalesi dalla pelle chiara sono quelle vendute al prezzo più alto. Alle indagini ha contribuito l’arresto di Pooja, ragazza nepalese arrestata a New Delhi.

    Kathmandu (AsiaNews) – La polizia nepalese ha scoperto un nuovo itinerario utilizzato dai trafficanti di donne per far viaggiare le schiave del sesso tra Nepal, India e Sri Lanka, per poi venderle nei Paesi del Medio Oriente e in Africa. A guidare gli inquirenti è stato l’arresto di una ragazza nepalese, Pooja, 28 anni, proveniente dal distretto di Banke e fermata a New Delhi l’11 gennaio con documenti falsi.

    Al momento dell’arresto la ragazza si trovava all’aeroporto internazionale della città, in partenza per Colombo. Ora è stata portata al carcere di massima sicurezza Tihar Jail per ulteriori indagini. La corte Patiala di New Delhi l’ha destinata a custodia giudiziaria per almeno due mesi.

    Nella sua deposizione, Pooja (madre di quattro figli) ha dichiarato di aver deciso di lavorare all’estero per pagare i trattamenti alla madre malata. Il Dipartimento per l’impiego estero le aveva concesso il visto lavorativo il 5 novembre 2015. Nel falso adesivo presente sul suo passaporto, Pooja veniva definita come “domestica” in Oman.

    Balkrishna Pandey, membro di Maiti India, un’organizzazione che combatte il traffico di donne, ha dichiarato di aver “iniziato il processo legale per assicurare il rilascio di Pooja”.

    Negli ultimi tempi, la tratta Kathmandu-New Delhi-Colombo è diventata una delle più frequentate dai trafficanti di schiave del sesso, che attirano giovani ragazze con la promessa di un lavoro come governanti dei Paesi del Golfo. Gli schiavisti poi rubano i documenti alle donne, per immettere nel mercato di esseri umani. Le donne nepalesi dalla pelle chiara sono quelle vendute al prezzo più alto.

    Una settimana fa altre cinque ragazze sono state fermate a Kathmandu: erano dirette a Colombo via New Delhi. Secondo l’ambasciatore nepalese in India, i trafficanti hanno escogitato più modi per portare le donne nei Paesi del Golfo con documenti falsi e spacciandole per lavoratrici migranti: “Siamo stati informati che mandano le donne a Dhaka o Colombo attraverso gli aeroporti indiani, prima di destinarle ad altri Paesi”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/10/2015 NEPAL
    Donne vendute in Tanzania e Qatar come schiave del sesso
    Le testimonianze di Rima Basnet, ingannata e venduta in Tanzania, e di Kamala Tamang, venduta in Qatar, dove ha contratto l’Aids e poi è stata cacciata. Le donne minacciate di morte se non soddisfano i desideri sessuali dei clienti. Migliaia di donne ogni anno vengono vendute e sfruttate in Medio oriente, Africa e Siria.

    03/09/2014 NEPAL
    Nepal: le nuove schiave del sesso, vendute da padri e mariti per poche rupie
    Secondo l'ultimo rapporto della National Human Rights Commission (Nhrc), in un anno e mezzo il traffico di esseri umani è cresciuto del 60,34%. Nel 2012/2013 le donne coinvolte erano 20mila, rispetto alle 11.500 del 2011. La storia di Sita, venduta a 19 anni dal marito a un bordello indiano; quella di Rita, costretta a prostituirsi per 12 anni in Cina.

    08/01/2016 NEPAL
    ​Nel Nepal dopo il terremoto, sempre più donne schiave del sesso
    Il governo non ha distribuito alla popolazione gli aiuti raccolti dalla comunità internazionale. Attivista: “Non esistono nemmeno dati ufficiali su sfollati, morti e vittime del traffico di esseri umani”. Giovane donna: “Ho scelto di prostituirmi piuttosto che il suicidio”. Le storie raccolte da AsiaNews.

    17/09/2011 NEPAL
    Donne migranti nepalesi vittime di abusi e sfruttamento
    Arabia Saudita e Kuwait i Paesi più a rischio. Ong denuncia l’alto numero di donne emigrate in Medio oriente per via illegale. Oltre il 16% ritorna in patria senza aver ricevuto la paga.

    10/04/2015 NEPAL
    Nepal, sgominata l’organizzazione criminale che vendeva le donne allo Stato islamico
    La polizia nepalese ha stilato una lista di sei sospettati indiani e nepalesi, ai quali ha sequestrato passaporti falsi, fotografie delle vittime e 900mila dollari in contanti. Le donne provenivano dalle classi più povere. Ispettore generale ad AsiaNews: “Erano scelte perché più economiche e remissive”.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®