29 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/04/2012
INDIA – ITALIA
Kerala: le famiglie dei pescatori ritirano le accuse contro i marò italiani
L’Alta corte dello Stato ha accettato l’accordo economico extragiudiziario tra governo italiano e i familiari delle vittime. Esso prevedeva il risarcimento da parte dell’Italia di 10 milioni di rupie (circa 145mila euro) a testa. In cambio, i familiari si sono ritirati dalle cause civili in cui figurano come parte lesa.

Kochi (AsiaNews) - Le famiglie dei due pescatori uccisi in Kerala si ritirano dalle cause civili contro i marò, in cui figurano come parte lesa. L'Alta corte dello Stato ha accettato oggi l'accordo economico extragiudiziario raggiunto tra governo italiano e familiari delle vittime. Esso prevedeva il ritiro delle accuse in cambio del pagamento da parte dell'Italia di 10 milioni di rupie (circa 145mila euro) alla vedova e ai due figli di Jelestein, la prima vittima, e alle due sorelle minori di Ajesh Binki, la seconda vittima. I pescatori sono stati uccisi il 15 febbraio scorso, in un incidente al largo delle coste del Kerala. Unici accusati per la loro morte sono i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, che avrebbero sparato scambiando il peschereccio indiano per pirati. I militari erano a bordo della petroliera Enrica Lexie come guardie di sicurezza.

L'accordo economico extragiudiziario non cambia però la situazione accusatoria dei due marò, poiché, come spiega l'avvocato dell'Alta corte del Kerala Vincent Panikulangara, "solo le cause civili intentate dal parente più prossimo del defunto possono essere risolte in via extragiudiziale".

Il prossimo 8 maggio, vi sarà una nuova udienza alla Corte suprema per stabilire in modo (forse) definitivo a chi compete la giurisdizione del caso. Due giorni fa infatti, il massimo organo giudiziario dell'India ha ammesso il ricorso italiano in difesa dei due marò, che rivendica l'illegalità della custodia dei militari in Kerala. La decisione della Corte suprema è arrivata dopo una nota del governo centrale del 20 aprile scorso: in essa si affermava che l'Enrica Lexie non era in acque territoriali al momento dell'incidente, e che la polizia dello Stato non aveva autorità per fermare la petroliera, né per condurre indagini. (GM)

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/07/2012 ITALIA – INDIA
Caso-Marò, il cappellano militare: Impariamo dalla carità dei pescatori indiani
di Giulia Mazza
11/07/2012 INDIA – ITALIA
Parroco di Quilon: I marò italiani sono bravi ragazzi
20/04/2012 INDIA – ITALIA
India: Secondo il governo centrale l’Enrica Lexie era in acque internazionali
25/05/2012 INDIA – ITALIA
Kerala, i marò italiani hanno lasciato il carcere. In attesa del processo di primo grado
24/05/2012 INDIA – ITALIA
Kerala, i marò italiani lasceranno “presto” il carcere

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate