28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/04/2012, 00.00

    INDIA – ITALIA

    Kerala: le famiglie dei pescatori ritirano le accuse contro i marò italiani



    L’Alta corte dello Stato ha accettato l’accordo economico extragiudiziario tra governo italiano e i familiari delle vittime. Esso prevedeva il risarcimento da parte dell’Italia di 10 milioni di rupie (circa 145mila euro) a testa. In cambio, i familiari si sono ritirati dalle cause civili in cui figurano come parte lesa.

    Kochi (AsiaNews) - Le famiglie dei due pescatori uccisi in Kerala si ritirano dalle cause civili contro i marò, in cui figurano come parte lesa. L'Alta corte dello Stato ha accettato oggi l'accordo economico extragiudiziario raggiunto tra governo italiano e familiari delle vittime. Esso prevedeva il ritiro delle accuse in cambio del pagamento da parte dell'Italia di 10 milioni di rupie (circa 145mila euro) alla vedova e ai due figli di Jelestein, la prima vittima, e alle due sorelle minori di Ajesh Binki, la seconda vittima. I pescatori sono stati uccisi il 15 febbraio scorso, in un incidente al largo delle coste del Kerala. Unici accusati per la loro morte sono i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, che avrebbero sparato scambiando il peschereccio indiano per pirati. I militari erano a bordo della petroliera Enrica Lexie come guardie di sicurezza.

    L'accordo economico extragiudiziario non cambia però la situazione accusatoria dei due marò, poiché, come spiega l'avvocato dell'Alta corte del Kerala Vincent Panikulangara, "solo le cause civili intentate dal parente più prossimo del defunto possono essere risolte in via extragiudiziale".

    Il prossimo 8 maggio, vi sarà una nuova udienza alla Corte suprema per stabilire in modo (forse) definitivo a chi compete la giurisdizione del caso. Due giorni fa infatti, il massimo organo giudiziario dell'India ha ammesso il ricorso italiano in difesa dei due marò, che rivendica l'illegalità della custodia dei militari in Kerala. La decisione della Corte suprema è arrivata dopo una nota del governo centrale del 20 aprile scorso: in essa si affermava che l'Enrica Lexie non era in acque territoriali al momento dell'incidente, e che la polizia dello Stato non aveva autorità per fermare la petroliera, né per condurre indagini. (GM)

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/07/2012 ITALIA – INDIA
    Caso-Marò, il cappellano militare: Impariamo dalla carità dei pescatori indiani
    Intervista a p. Giuseppe Caraci, missionario comboniano che ha seguito sin dall’inizio la vicenda dell’Enrica Lexie, in cui due fucilieri del Battaglione San Marco sono accusati della morte di due pescatori indiani. La tolleranza, la religiosità e il dolore della comunità cattolica in India, per riuscire a “guardare oltre” e cercare verità e giustizia.

    11/07/2012 INDIA – ITALIA
    Parroco di Quilon: I marò italiani sono bravi ragazzi
    P. Stephen Kulakkayathil, della diocesi a cui appartenevano i due pescatori indiani morti nell’incidente con l’Enrica Lexie, ha pranzato con Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Rinviata al 17 luglio prossimo la prima udienza del processo di primo grado, per il quale i fucilieri sono accusati di omicidio.

    20/04/2012 INDIA – ITALIA
    India: Secondo il governo centrale l’Enrica Lexie era in acque internazionali
    Ad AsiaNews un avvocato dell’Alta corte del Kerala conferma che il governo centrale ha presentato una nota alla Corte suprema, secondo cui la polizia dello Stato non aveva autorità per fermare la petroliera, né i marò. Secca risposta del capo del governo del Kerala: “Ogni decisione è stata presa in accordo con il governo centrale. L’incidente è avvenuto in acque indiane, abbiamo il diritto di procedere”.

    25/05/2012 INDIA – ITALIA
    Kerala, i marò italiani hanno lasciato il carcere. In attesa del processo di primo grado
    I giornali indiani confermano il trasferimento di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone in una struttura diversa dalla prigione. Intanto, il giudice di Kollam ha passato il caso alla Session Court, tribunale distrettuale preposto alle cause penali.

    24/05/2012 INDIA – ITALIA
    Kerala, i marò italiani lasceranno “presto” il carcere
    Massimiliano Latorre e Salvatore Girone dovrebbero essere trasferiti nella Borstal School di Kochi, un ex riformatorio. La decisione del governo del Kerala rispetta il “suggerimento” della Corte suprema indiana, che ad aprile ha accettato la richiesta delle autorità italiane a spostare i militari in una struttura adeguata al loro status.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®