16 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/10/2009, 00.00

    INDIA

    Khrist Bhakta: decine di migliaia di indù affascinati da Cristo

    Nirmala Carvalho

    La storia del movimento animato dai sacerdoti dell’Indian Missionary Society a Varanasi, la capitale spirituale dell’India indù. P. Anil Dev: le persone restano affascinate dal rapporto con un Dio personale e vivente, che ama e non chiede di essere ingraziato.
    Mumbai (AsiaNews) - Sono quasi 30mila, indù ed anche musulmani, di caste sociali diverse, accomunati tutti dalla devozione a Gesù. È il movimento Khrist Bhakta sorto a Varanasi, la città santa dell’India induista, dall’opera di evangelizzazione nel nord del Paese dei sacerdoti della Indian Missionary Society (IMS). La storia di questi “Devoti di Gesù”, traduzione letterale del nome in indi del movimento, ha affascinato e interrogato i 1500 partecipanti al Congresso missionario della Chiesa indiana da poco concluso. A raccontarla ai delegati è stato p. Anil Dev, sacerdote IMS. Da 17 anni vive nel Matridham ashram di Varanasi, centro del Khrist Bhakta, ead AsiaNews raccontala sua esperienza di missionario indiano tra i Devoti di Gesù
     
     Come è nato il Khrist Bhakta?
    “Il movimento è il risultato dei satsangs, incontri di preghiera di circa due ore organizzati per la prima volta nel novembre del ’93 da devoti cristiani tra la popolazione tribale. Ora ai momenti settimanali della domenica partecipano almeno 4mila persone ed il movimento coinvolge quasi 30mila persone che sono molte di più del totale dei cattolici della diocesi. La maggior parte dei membri del Khrist Bhaktas vengono da noi in una situazione di oppressione spirituale e sociale, molti soffrono una condizione di vera e propria schiavitù dettata dal sistema patriarcale. Il nostro è innanzitutto un movimento di liberazione spirituale. L’incontro con il Vangelo comporta per loro un cambiamento di vita, una nuova identità, una cultura di preghiera e della fraternità che trasforma loro e la società in cui vivono”.
     
    Eppure questi “devoti di Gesù” restano nella loro fede. Perché?
    Il Vangelo è per tutti, non solo per chi chiede il battesimo. Questi poveri analfabeti, come anche i colti, arrivano da noi per arricchire la loro vita con gli insegnamenti di Gesù: anche questo significa evangelizzare. Il Khrist Bhakta resta un movimento per non cristiani e noi rimaniamo aperti ai suggerimenti che vorrà darci il Signore. Per ora ripetiamo le parole di San Paolo ai Corinti: ‘Cristo infatti non mi ha mandato a battezzare, ma a predicare il Vangelo’.
     
    Cosa attrae questi “devoti”?
    Trovano ispirazione nella persona di Gesù e nei suoi insegnamenti. Sono attratti dalle sue sofferenze e dall’amore per i poveri. L’esperienza della preghiera comune, delle invocazioni pubbliche non è parte della tradizione indù. E questo dà loro un senso di liberazione e contentezza. Molti “devoti” soffrono forme di oppressione sociale e ostracismo. Il Khrist Bhakta è per loro la possibilità di entrare in incontro diretto con un Dio vivente e personale. L’esperienza di una rapporto libero, non segnato dalla paura, con un Padre che ama in modo incondizionato è l’esatto contrario di quello con divinità che hanno bisogno di essere ingraziate.
     
    Ma come si può restare affascinati dal Vangelo senza convertirsi?
    Anzitutto dobbiamo dire che anche noi abbiamo dovuto riconoscere che questo movimento è un opera dello Spirito Santo, iniziata, sostenuta e guidata da Lui solo. In secondo luogo bisogna dire che apprezzando i valori del Vangelo i “devoti”, nel tempo, iniziano a fare propri gli insegnamenti di Gesù ed anche a testimoniarli.  Bisogna dire che finora solo alcuni di loro hanno chiesto il battesimo.
     
    Avete mai ricevuto minacce o attacchi degli estremisti indù per la vostra opera?
    Perché dovrebbero? Noi non costringiamo nessuno a venire da noi. Stiamo comunicando liberamente l’insegnamento di Gesù. C’è gente che viene da villaggi e città vicine ed alcuni che compiono anche grandi distanze per partecipare ai satsangs. Tornano a casa trasformati, le loro vite e le loro fatiche sono illuminate eppure continuano a rimanere nella loro cultura. Perché qualcuno dovrebbe perseguitarci?
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/11/2009 INDIA
    In 15mila all'incontro dei Khrist Bhaktas, gli indù affascinati da Cristo
    Tre giorni di preghiera a riflessione a Varanasi. Partecipano anche leader cristiani, indù, buddisti, sikh e musulmani.

    17/10/2009 INDIA
    Card. Toppo: io tribale, salvato da Cristo e osteggiato dagli estremisti indù
    Al Congresso missionario indiano, in corso a Muambai, l’arcivescovo di Ranchi racconta l’importanza della missione cristiana tra le popolazioni tribali e la loro liberazione dalla schiavitù. L’evangelizzazione non è tanto un "fare qualcosa" piuttosto un "essere”.

    08/10/2009 INDIA
    Card. Gracias: Il Congresso missionario "illumini l’India col Vangelo della carità”
    Dal 14 al 18 ottobre oltre 1500 persone si ritrovano a Mumbai per il Prabhu Yesu Mahotsav. Tra i temi dei cinque giorni di lavori la presenza nella società, le opere educative e caritative, ma anche il legame con la cultura del Paese e la partecipazione alla missione universale della Chiesa.

    15/10/2009 INDIA
    La testimonianza dei martiri dell'Orissa al Congresso missionario indiano
    Nel secondo giorno del Prabhu Yesu Mahotsav ampio spazio ai lavori di gruppo e all’esperienza delle comunità del Paese. Tra i delegati anche mons. John Barwa, vescovo di Rourkela e zio di sr. Meena, la religiosa violentata durante i pogrom anticristiani nel Kandhamal.“Sono un tribale”, dice il vescovo , e sono grato ai missionari che “hanno liberato la mia vita”.

    19/10/2009 INDIA
    Card. Gracias: la Chiesa vuole servire l'India; la libertà di conversione è un diritto
    Nel discorso conclusivo del Congresso missionario della Chiesa indiana, l’arcivescovo di Mumbai ha invitato i cattolici a rinnovare la loro fede. Al rifiuto radicale delle conversioni forzate affianca la difesa ferma della libertà di religione: “Nessun governo può entrare nella mia anima e bloccare la mia coscienza dicendole ‘non puoi cambiare religione’”.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®