28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/04/2012, 00.00

    IRAQ

    Kirkuk, grazie alla Chiesa irakena che promuove “Ponti per la pace”

    Joseph Mahmoud

    I 50 leader politici e religiosi riuniti ieri all’arcivescovado hanno sottoscritto un documento in sette punti per l’armonia e la convivenza. Un appello al governo centrale e al governatorato del Kurdistan, perché risolvano i problemi “piuttosto che complicarli”. Mons. Sako: la diversità valore alla base della convivenza.

    Kirkuk (AsiaNews) - Il governo centrale irakeno e il governatorato del Kurdistan devono "contribuire a risolvere i problemi, piuttosto che contribuire a complicarli", perché le loro decisioni possono avere "un impatto negativo" in particolare nei settori dei servizi, dell'economia e della sicurezza. È questo uno dei sette punti del documento sottoscritto ieri a Kirkuk - nel nord del Paese - da oltre 50 intellettuali, leader politici e religiosi irakeni, durante il convegno "Costruire ponti per la pace" promosso dal locale arcivescovado. Un appuntamento che ha generato ottimismo e speranza per il futuro, commenta ad AsiaNews mons. Louis Sako, perché solo grazie alle "diversità" si potrà realizzare davvero una convivenza fondata "sul dialogo" e "il rispetto dei diritti altrui". Speranze condivise anche dagli altri partecipanti e firmatari, fra cui il parlamentare curdo Sheik Lattif Guli che ha dichiarato: "Ora, grazie alla Chiesa, siamo diventati 50 ponti per la pace".

    Durante il forum di ieri nella grande sala conferenze interna all'arcivescovado caldeo di Kirkuk, si è discusso di riconciliazione politica, sociale, religiosa alla presenza di personalità locali e nazionali di primo piano. Al termine dell'incontro, gli oltre 50 presenti hanno sottoscritto un documento in sette punti, per attuare "in modo concreto" i propositi di pace, convivenza pacifica e sviluppo di tutta la regione.

    Nel dettaglio, il documento prevede: al primo punto, l'invito a "vivere assieme e rispettare il variegato mosaico" della città di Kirkuk, secondo i principi di "armonia e rispetto"; secondo, promuovere il dialogo perché "con la violenza non si cambia né si migliora la situazione"; al terzo punto, lo smantellamento di discorsi e iniziative che conducono a "odio, emarginazione, esclusione"; quarto, l'auspicio che si possa "mediante consenso" arrivare all'elezione dei membri del Consiglio provinciale; quinto punto, la situazione delle carceri e una giustizia più rapida ed efficiente; sesto, l'appello "al governo centrale e al governo del Kurdistan" perché "risolvano davvero i problemi" piuttosto che "peggiorare la situazione"; settimo e ultimo punto, la nascita di un "comitato" chiamato a vigilare sul rispetto di "diversità e differenze" e che "promuova in modo concreto il dialogo".

    Commentando la giornata di ieri, mons. Louis Sako - arcivescovo di Kirkuk e anima dell'iniziativa - manifesta un cauto ottimismo: "La nostra presenza - spiega ad AsiaNews - riuniti come una sola famiglia per costruire ponti di pace è un bene grande. Possiamo così esprimere la nostra unità e fraternità". Il prelato avverte che è necessario "accettarci e rispettarci" partendo "dalle nostre diversità, dalle nostre legittime differenze". "Il dialogo nasce dal rispetto del diritto degli altri - aggiunge ancora - ad essere diversi per nazionalità, cultura, lingua, religione e sesso". Per questo ricorda il Vangelo di Matteo, nel passo in cui Cristo cita la legge dei Profeti: "Fate agli altri - conclude mons. Sako - ciò che vorreste che gli altri facessero a voi. Questa è l'unica regola di convivenza armoniosa".

    Kirkuk, con i suoi 900mila abitanti, da tempo è al centro di un conflitto etnico-politico fra arabi, turcomanni e curdi. Questi ultimi la vorrebbero annessa alla regione del Kurdistan, mentre arabi e turcomanni sostengono il legame con il governo centrale irakeno. La città è stata teatro di diversi attentati e attacchi mirati, che hanno colpito a più riprese anche la minoranza cristiana, e sono acuiti da una componente economica: il sottosuolo della regione è infatti ricco di petrolio e gas, il cui controllo e sfruttamento è conteso dalle diverse fazioni in lotta.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/04/2012 IRAQ
    “Costruire ponti per la pace”: a Kirkuk, un progetto unisce cristiani e musulmani
    L’arcivescovado caldeo ha promosso oggi un forum per la riconciliazione, che ha riunito 50 personalità laiche e religiose, politiche e culturali. Mons. Sako ha preparato un documento in sette punti, controfirmato dai presenti come “impegno congiunto” sulla via del dialogo “civile”. Ad un comitato il compito di verificarne l’applicazione.

    01/03/2010 IRAQ
    Manifestazioni e digiuno dei cristiani irakeni contro le uccisioni e il “ghetto” di Ninive
    Raduni, preghiere e digiuni in tutto l’Iraq contro le “uccisioni mirate”. Arcivescovo di Mosul: chiediamo sicurezza e indagini sugli autori delle stragi. Arcivescovo di Kirkuk: la comunità musulmana deve reagire e fornire iniziative concrete. Ausiliare di Baghdad: rischiamo l’olocausto, questo è un momento fondamentale.

    19/08/2009 IRAQ
    Kirkuk: ucciso uomo d’affari, rapito un medico. Torna la paura fra i cristiani
    Due episodi di violenza contro la comunità cristiana in Iraq. Un uomo freddato perché ha cercato di impedire il sequestro di un bambino musulmano. Un medico rapito per denaro; durante il sequestro ucciso un passante. Fonti locali confermano un clima di “preoccupazione” che potrebbe causare “un nuovo esodo di massa”.

    13/03/2009 IRAQ
    Kirkuk, cristiani e musulmani pregano per mons. Rahho e per i martiri irakeni
    Oggi è il primo anniversario dal rapimento e dalla morte dell'arcivescovo di Mosul. La comunità locale ha affollato la chiesa per onorare la memoria del presule. Alla funzione sono intervenuti anche diversi musulmani. Arcivescovo di Kirkuk: Oltre 700 uccisi, anche bambini. Il sangue dei martiri irakeni è un invito a “cooperare per la riconciliazione nazionale”.

    15/09/2009 IRAQ
    Kirkuk, libero il medico cristiano da un mese nelle mani dei rapitori
    Samir Gorja, 50 anni e padre di due figli, è stato rilasciato dietro pagamento “di un riscatto importante”. Egli presenta segni di torture in tutto il corpo. Per la sua liberazione cristiani e musulmani avevano lanciato un appello congiunto. Arcivescovo di Kirkuk: “un vero testimone di Cristo”.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®