13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/08/2017, 08.56

    MALAYSIA

    Kuala Lumpur vieta un libro che promuove l’islam moderato: ‘è non islamico’



    Gli autori sono un gruppo di ex funzionari pubblici di alto rango e diplomatici musulmani. La stampa o il possesso del libro “è probabile che pregiudichino l'ordine” e “allarmino l'opinione pubblica”. Pene fino a tre anni di carcere per chi non rispetta il divieto. Uno degli autori: “intolleranza e bigottismo devono essere combattuti in modo intellettuale”. 

    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – Attivisti per i diritti civili e intellettuali della Malaysia, nazione a maggioranza musulmana, protestano contro la decisione del governo di bandire un libro che promuove l'islam moderato.  Nel Paese montano le polemiche e i timori per il crescente conservatorismo sostenuto dalle autorità.

    Il libro, dal titolo “Rompere il silenzio: voci di moderazione – L’islam in una democrazia costituzionale”, è una raccolta di saggi pubblicati da un gruppo di importanti malaysiani musulmani che promuovono una forma più tollerante dell'islam.

    Firmando il divieto la scorsa settimana, il vice primo ministro Ahmad Zahid Hamidi ha ribadito che la stampa o il possesso del libro “è probabile che pregiudichino l'ordine” e “allarmino l'opinione pubblica”. Chiunque violi la proibizione del libro - pubblicato nella vicina Singapore – rischia pene fino a tre anni di carcere.

    La Malaysia bandisce con regolarità libri, film e canzoni che potrebbero contenere materiale sensibile riguardo alla religione o al sesso, ma i critici affermano che il governo in tempi recenti abbia inasprito la censura. Il libro è frutto del lavoro di un gruppo di ex funzionari pubblici di alto rango e diplomatici conosciuto come il “G25” – per il numero dei suoi membri fondatori a –, formato per combattere l’intolleranza.

    Chandra Muzaffar, uno degli autori della raccolta, ha dichiarato che il divieto rivela “l'approccio autoritario all'islam” del governo. “È una raccolta di saggi che intende dimostrare che gli estremisti e il pensiero bigotto sulle questioni relative all'islam nel Paese dovrebbero essere combattute in modo intellettuale”. Marina Mahathir, attivista per i diritti e figlia dell'ex premier Mahathir Mohamad, afferma che lo scopo del provvedimento è quello di mettere a tacere i critici dell’amministrazione.

    Essi sostengono che di recente sono aumentati i tentativi del governo di censurare qualunque cosa ritenuta “non islamica”, poiché il partito del primo ministro Najib Razak cerca di appellarsi alla sua base musulmana malese in vista delle elezioni che potrebbero essere indette nei prossimi mesi. In seguito alle pressioni di un partito politico islamico, nel mese di luglio la sua amministrazione ha vietato la riproduzione alla TV e alla radio statali della canzone di successo “Despacito”, a causa del suo testo audace.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2016 13:57:00 MALAYSIA
    Kuala Lumpur revoca il passaporto a chi critica il governo

    L’esecutivo ha deciso di privare del documento gli oppositori per “tutelare l’immagine dello Stato”. Il 15 maggio la leader del movimento Bersih è stata bloccata in aeroporto. Secondo gli attivisti è l’ennesimo tentativo del premier Najib Razak – al centro di uno scandalo finanziario – di mettere a tacere ogni tipo di avversario: “La Malysia si sta trasformando in uno Stato di polizia”.

     



    29/06/2016 09:18:00 MALAYSIA-ISLAM
    Kelantan, il governo vuole introdurre la sharia: critiche delle minoranze e dell’opposizione

    La proposta di legge sancirebbe la lapidazione per le adultere e il taglio della mano per i ladri. L’ex premier Mahathir: “È una mossa del governo per farsi alleato il partito islamico. La legge è ingiusta e non rispecchia l’islam”. Minoranze religiose: “Questa misura va contro la Carta e mette in pericolo la libertà religiosa”.

     



    04/07/2014 MALAYSIA - ISLAM
    Sacerdote a Kuala Lumpur: Pastorale e dialogo interreligioso, ecco le sfide del neo vescovo
    Per p. Lawrence Andrew, direttore di Herald Malaysia, il nuovo prelato è una persona “molto brava e competente”. Egli ha già sottolineato l’importanza del dialogo fra fedi, in un periodo di tensione interconfessionale. La libertà religiosa è sotto “attacco” e “in pericolo”. E la visione dell’islam sunnita si fa sempre più radicale.

    25/11/2008 MALAYSIA
    Consigli islamici contro la rivista cattolica di Kuala Lumpur: vietato scrivere Allah
    I consigli religiosi islamici di sette stati malaysiani ammessi al processo che vede il settimanale della diocesi di Kuala Lumpur contrapposto al governo. Oggetto della disputa il divieto di utilizzare la parola “Allah” nelle pubblicazioni non musulmane. la comunità sikh scende al fianco dei cattolici.

    07/03/2009 MALAYSIA
    Cristiani lanciano una campagna di firme per l’uso della parola “Allah”
    Si attende il sostegno anche dei musulmani, oltre che da ebrei e cristiani nel mondo. Si può firmare pure via internet. La diocesi di Kuala Lumpur continua la sua battaglia legale contro il governo per usare la parola “Allah” nelle pubblicazioni cattoliche.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®