28 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/11/2010
INDIA
L’India aumenta il costo del denaro per frenare l’inflazione
Ieri la centrale Banca di India ha aumentato il tasso di interesse sui finanziamenti, è la sesta volta nel 2010. Si vuole frenare l’inflazione, arrivata a settembre all’8,6%, record da 3 anni. Il governatore della banca centrale assicura che non ci saranno ulteriori prossimi aumenti.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – La centrale Banca di India aumenta dello 0,25 il tasso di interesse di riferimento su prestiti e depositi, per frenare la rapida inflazione, ma annuncia che ora il costo del denaro resterà fermo per almeno 3 mesi.

Ieri il tasso per i prestiti della Banca centrale indiana agli istituti è cresciuto a 6,25%. L’India vuole tenere basso il costo del denaro, per favorire la crescita economica del Paese. Ma deve anche frenare la robusta inflazione, arrivata a settembre all’8,6%, record da 3 anni, rispetto al 5,5% di marzo e al limite stabilite dal governo del 6% annuo.

Duvvuri Subbarao, governatore della Banca centrale, ha annunciato che “basandosi solo sugli attuali andamenti di crescita e inflazione, si ritiene che la probabilità di ulteriori azioni sui tassi nell’immediato futuro sia abbastanza bassa”. Ha aggiunto che l’inflazione dovrebbe diminuire già da dicembre e ha precisato che questo intervento non dovrebbe ostacolare la crescita annua, prevista intorno all’8,5%.  Quest’anno sono arrivati fondi esteri per 25 miliardi di dollari nel mercato azionario indiano, un record che ha rinforzato la rupia.

L’Indice dei prezzi di acquisto delle materie prime per le imprese è stato ad ottobre di 56,2 rispetto al 55,6 di settembre. Un indice superiore a 50 indica un’espansione dell’economia, per cui tale indice mostra che la crescita del Paese sta accelerando.

E’ comunque il sesto aumento del costo del denaro nel 2010, a conferma di come sia alto il rischio inflazione. New Delhi deve preservare il potere di acquisto del 75% circa della sua popolazione che vive con meno di 2 dollari al giorno, anche perché l’inflazione colpisce anzitutto il prezzo degli alimentari.

In precedenza, il 19 ottobre la Banca di Cina aveva alzato il costo del denaro dello 0,25, primo aumento da fine 2007, portando il costo dei prestiti a 12 mesi al 5,56%. Anche Pechino ha indicato la necessità di combattere l’inflazione, come pure di impedire movimenti speculativi in settori sensibili come quello immobiliare.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/06/2007 CINA
La Banca centrale interverrà per fermare l’aumento dei prezzi degli alimenti
14/03/2007 CINA
Pechino: la minaccia delle bolle speculative e dell'inflazione
13/07/2011 INDIA
India, rallenta ancora la crescita industriale, diminuiscono i consumi
23/01/2007 CINA
Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
27/07/2011 INDIA
L'inflazione strangola l'India, non basta un forte aumento del costo del denaro

In evidenza
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).
ASIA
Il Pime in Cina: uomini nuovi in strutture nuove
di Piero GheddoLa missione in Cina è possibile: deve puntare più alla formazione che alle strutture. L’esempio dei martiri antichi e nuovi. Una sintesi commentata della lettera che il Superiore generale del Pime ha mandato ai suoi confratelli, dopo un viaggio in Cina.
EUROPA - ISLAM
Imam di Nîmes: Lo Stato islamico uccide i cristiani, e rischia di eliminare anche l’islam dall’Europa
di Hocine Drouiche*L’islam politico sta diventando un “islam delinquente” che valorizza la menzogna, l’odio, l’inimicizia. I nemici sono i “cristiani” e tutto l’occidente. Ma l’islam ha avuto epoche in cui dialogo, ragione, incontro, assimilazione erano tenuti in grande stima. L’islam guerriero che tanto affascina molti giovani, è frutto di miti e manipolazioni e spinge all’islamofobia. E’ tempo di far nascere e crescere un islam europeo, garante della libertà di coscienza e capace di convivere con cristiani ed ebrei. Risolvere col dialogo il problema palestinese.

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate