24 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/11/2010
INDIA
L’India aumenta il costo del denaro per frenare l’inflazione
Ieri la centrale Banca di India ha aumentato il tasso di interesse sui finanziamenti, è la sesta volta nel 2010. Si vuole frenare l’inflazione, arrivata a settembre all’8,6%, record da 3 anni. Il governatore della banca centrale assicura che non ci saranno ulteriori prossimi aumenti.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) – La centrale Banca di India aumenta dello 0,25 il tasso di interesse di riferimento su prestiti e depositi, per frenare la rapida inflazione, ma annuncia che ora il costo del denaro resterà fermo per almeno 3 mesi.

Ieri il tasso per i prestiti della Banca centrale indiana agli istituti è cresciuto a 6,25%. L’India vuole tenere basso il costo del denaro, per favorire la crescita economica del Paese. Ma deve anche frenare la robusta inflazione, arrivata a settembre all’8,6%, record da 3 anni, rispetto al 5,5% di marzo e al limite stabilite dal governo del 6% annuo.

Duvvuri Subbarao, governatore della Banca centrale, ha annunciato che “basandosi solo sugli attuali andamenti di crescita e inflazione, si ritiene che la probabilità di ulteriori azioni sui tassi nell’immediato futuro sia abbastanza bassa”. Ha aggiunto che l’inflazione dovrebbe diminuire già da dicembre e ha precisato che questo intervento non dovrebbe ostacolare la crescita annua, prevista intorno all’8,5%.  Quest’anno sono arrivati fondi esteri per 25 miliardi di dollari nel mercato azionario indiano, un record che ha rinforzato la rupia.

L’Indice dei prezzi di acquisto delle materie prime per le imprese è stato ad ottobre di 56,2 rispetto al 55,6 di settembre. Un indice superiore a 50 indica un’espansione dell’economia, per cui tale indice mostra che la crescita del Paese sta accelerando.

E’ comunque il sesto aumento del costo del denaro nel 2010, a conferma di come sia alto il rischio inflazione. New Delhi deve preservare il potere di acquisto del 75% circa della sua popolazione che vive con meno di 2 dollari al giorno, anche perché l’inflazione colpisce anzitutto il prezzo degli alimentari.

In precedenza, il 19 ottobre la Banca di Cina aveva alzato il costo del denaro dello 0,25, primo aumento da fine 2007, portando il costo dei prestiti a 12 mesi al 5,56%. Anche Pechino ha indicato la necessità di combattere l’inflazione, come pure di impedire movimenti speculativi in settori sensibili come quello immobiliare.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/06/2007 CINA
La Banca centrale interverrà per fermare l’aumento dei prezzi degli alimenti
14/03/2007 CINA
Pechino: la minaccia delle bolle speculative e dell'inflazione
13/07/2011 INDIA
India, rallenta ancora la crescita industriale, diminuiscono i consumi
23/01/2007 CINA
Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
27/07/2011 INDIA
L'inflazione strangola l'India, non basta un forte aumento del costo del denaro

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate