22 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/04/2010, 00.00

    INDIA

    L’assassino pentito di suor Rani: “I cristiani, speranza per l’India”

    Nirmala Carvalho

    Samandar Singh si è pentito dopo aver ucciso la religiosa nel 1995. Oggi è un uomo diverso, che aiuta i tribali e considera la famiglia di suor Rani “la sua famiglia”. Ma conferma il clima di odio anti-cristiano che attraversa l’India e invita i suoi connazionali a vedere la verità sulla presenza dei missionari nel Paese.

    Udaya Nagar (AsiaNews) – “Sono pienamente responsabile dell’omicidio di un’innocente, una  religiosa che voleva soltanto aiutare i più poveri. Mi pentirò di quanto ho fatto per il resto della mia vita. Non voglio neanche dire di essere stato istigato: sono state le mie mani a colpire”. Lo dice ad AsiaNews Samandar Singh, l’uomo che il 25 febbraio del 1995 uccise con diverse coltellate suor Rani Maria. La diocesi di Indore, dove operava la suora, ha concluso l’inchiesta diocesana sul suo conto: ora è il Vaticano a dover decidere se il suo è stato o meno martirio per la fede.

    In ogni caso, un primo miracolo suor Rani Maria sembra averlo fatto: il suo assassino si è pentito ed è entrato nella famiglia della religiosa. Ora, dice, “cerco nel mio piccolo di seguire il suo esempio, aiutando chi è meno fortunato di me: i tribali cristiani e tutti coloro che vengono emarginati”. Arrestato subito dopo l’omicidio, l’uomo ha trascorso undici anni in galera. In questo periodo la moglie ha divorziato da lui e si è risposata: inoltre, il suo primo figlio è morto.

    Mentre meditava vendetta contro l’uomo che lo aveva spinto a uccidere la suora, ha ricevuto la visita di suor Selmi Paul, sorella di suor Rani. Questa lo ha abbracciato e lo ha chiamato fratello; lo stesso hanno fatto la madre e il fratello della religiosa assassinata. Il gesto ha profondamente colpito Samandar, che ha iniziato il proprio cambiamento arrivando ad abbandonare ogni proposito di vendetta e vivere il dolore per l’omicidio.

    L’uomo è uscito di prigione grazie a una petizione in suo favore firmata dalla famiglia di suor Rani, dalla responsabile delle suore Clarisse e dal vescovo di Indore. Visto però che la scarcerazione tardava, la delegazione si è recata dal governatore della zona che gli ha detto: “Soltanto voi cristiani siete in grado di perdonare veramente. Siete un esempio per tutti: andate, e io farò tutto il possibile per esaudire le vostre richieste”.

    Samandar, uscito di galera, ha iniziato a considerare la famiglia di suor Rani come la propria: “Visito con regolarità la tomba della religiosa: è un santuario di pace e forza. Voglio dire a tutti che i cristiani lavorano per fare grande l’India. I missionari ci danno speranza con il loro servizio, teso a rendere indipendente e più forte il nostro popolo”.

    Tuttavia, egli conferma l’animosità e l’odio animato dalla destra nazionale contro i cristiani: “Prima di spingermi a uccidere, ho sentito tante falsità intrise d’odio conto i missionari e i fedeli cristiani. Mi dicevano che convertivano le persone con l’inganno, e che il loro lavoro fra i poveri era soltanto una copertura. Ma ora posso dire senza alcun dubbio che i missionari non fanno altro che lavorare e aiutare i poveri e gli emarginati. Non hanno alcuno scopo segreto, se non quello di servire Dio”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/04/2010 INDIA
    Suor Rani Maria, martire della fede: il suo assassino si è convertito
    A quindici anni dal martirio della religiosa, uccisa per il suo impegno a favore dei poveri e per la sua fede cristiana, il sacerdote che ha curato l’inchiesta diocesana racconta ad AsiaNews la vita e le opere della madre. La conversione del suo assassino, un contadino indù, dovuta alla sua intercessione.

    26/04/2010 INDIA
    “Il martirio di suor Rani Maria è una benedizione e un dono”
    La sorella di suor Rani Maria racconta lo sgomento per il brutale omicidio, il conforto per la scoperta del disegno di Dio, la gioia del perdono e della conversione dell’assassino. Vissuti insieme alla famiglia. Intervista a suor Selmy Paul, sorella di suor Rani.

    26/05/2017 12:53:00 INDIA
    Orissa, suor Annmary aiuta le donne "intoccabili" a trovare lavoro

    La religiosa appartiene alla congregazione dell'Unione delle Suore della Presentazione della Beata Vergine Maria. Nel 2014 è stata la prima cattolica ad arrivare nel distretto di Boudh. L’insegnamento ai bambini; le lezioni di cucito alle donne. Per la prima volta 30 ragazze varcano la soglia di un ufficio statale.



    21/05/2011 INDIA
    Suor Eufrasia del Kerala, al via il processo di canonizzazione
    È stata proclamata beata appena due anni fa. Sarà la seconda religiosa proveniente dallo Stato del Kerala ad essere santa.

    24/01/2014 INDIA
    Combattere la malattia e la paura, la missione tra i lebbrosi di Mumbai
    Suor Bertilla Capra è una missionaria dell'Immacolata, congregazione femminile associata al Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME), e dirige il Vimala Dermatological Centre di Mumbai dal 1981. Nata nel 1976, la struttura è una delle più importanti della città per i malati di lebbra. Tra controllo del territorio, una costante attività di informazione, trattamento e riabilitazione, il centro ha curato 16.407 pazienti. Grazie a finanziamenti dall'Italia e dalla Germania, che diminuiscono di anno in anno, e al "servizio delle nostre mani".



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®