27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/01/2013, 00.00

    SRI LANKA

    L’estremo saluto a p. Tissa Balasuriya, controverso teologo dello Sri Lanka



    L’Oblato di Maria Immacolata si è spento all’età di 89 anni, dopo una lunga malattia. Nel 1997 viene scomunicato per alcune questioni dottrinali contenute in un suo libro e giudicate inappropriate. Rientrerà nella Chiesa nel 1998.

    Colombo (AsiaNews) - Centinaia di persone di diverse religioni hanno dato l'ultimo saluto a p. Tissa Balasuriya, controverso teologo dello Sri Lanka, morto all'età di 89 anni dopo una lunga malattia. Noto come p. Bala, il sacerdote Oblato di Maria Immacolata si è spento il 17 gennaio scorso. Celebrati il 19 gennaio alla Fatima Church di Borella (quartiere di Colombo), ai suoi funerali hanno partecipato gruppi interreligiosi, rappresentanti della società civile, ministri, sacerdoti cattolici e monaci buddisti. La salma è stata sepolta nel cimitero della chiesa.

    Conosciuto per il suo impegno interreligioso, p. Balasuriya entra in conflitto con la Chiesa dopo la pubblicazione del libro "Maria e la liberazione umana" (1990), in cui mescola idee tratte dalla teologia marxista della liberazione - tipica dell'America Latina - con una visione di integrazione fra le religioni, tipica del mondo asiatico. Nel 1994 i vescovi dello Sri Lanka lanciano un avvertimento sulla sua opera, e lo stesso anno la Congregazione per la Dottrina della fede gli chiede di ritrattare alcune affermazioni contenute nel suo libro. Egli rifiuta.

    Nello specifico, si contestano alcune questioni dottrinali legate al peccato originale, all'Immacolata concezione, e al ruolo insostituibile di Gesù nell'opera di salvezza. La Congregazione per la Dottrina della fede chiede al teologo srilankese di firmare una dichiarazione di fede. Di fronte a un suo nuovo rifiuto, nel gennaio 1997 la Congregazione annuncia la sua scomunica. Più avanti, p. Balasuriya accetta di firmare una dichiarazione di fede, e la scomunica viene revocata nel gennaio 1998.

    Nell'omelia pronunciata per i funerali del teologo, mons. Norbert Andradi, Oblato di Maria Immmacolata e vescovo di Anuradhapura, ha detto: "[Oggi] seppelliamo solo le ossa e la carne di p. Balasuriya. Portiamo con noi le sue parole e le sue opere". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/02/2011 SRI LANKA
    Funerali della madre dell’ex leader Ltte, Colombo impedisce a politici di partecipare
    La funzione è stata celebrata oggi pomeriggio a Jaffna. Tre politici del partito dalit fermati all’aeroporto senza un’apparente motivazione. Attivisti sociali definiscono il fermo “una violazione dei diritti umani”, “un gesto di inciviltà”.

    16/08/2013 NEPAL
    Il governo nepalese sequestra la salma di un monaco tibetano che si è dato fuoco
    Il gesto bollato come un attentato alla libertà religiosa, pur difesa dalle leggi del Paese. Ma Kathmandu non vuole fare un dispiacere a Pechino, definito "un ottimo vicino".

    30/05/2014 NEPAL
    Nepal, indù al governo: Date ai cristiani la terra per seppellire i loro morti
    Centinaia di persone, di entrambe le religioni, hanno partecipato al funerale del cattolico Rajendra Rai: il suo corpo è stato cremato perché le autorità ancora non concedono terreni per i cimiteri cristiani. Il sostegno delle minoranze etniche e della maggioranza induista.

    19/11/2012 INDIA
    L'addio di un milione di indiani a Bal Thackeray, storico leader nazionalista indù
    Il fondatore dello Shiv Sena si è spento il 17 novembre a 86 anni. Carismatico e controverso, con il suo partito rivendicava l’identità del popolo indù originario del Maharashtra (i marathi), contro tutte le altre minoranze etniche e religiose. Legato al Bharatiya Janata Party (Bjp, ultranazionalista) dal 1980, ha sostenuto le violenze di Mumbai tra indù e musulmani e la demolizione della moschea di Babri Masjid ad Ayodhya. Con la Chiesa cattolica, si era scontrato su una legge che proponeva di controllare le scuole materne.

    25/06/2015 INDIA
    Calcutta: politici e “i più poveri tra i poveri” insieme, per l’ultimo saluto a suor Nirmala
    Oltre 3mila persone da ogni parte del mondo erano presenti ai funerali della religiosa, prima superiora delle Missionarie della Carità dopo Madre Teresa. Un ospite della casa per malati e moribondi: “Non piango, perché ha vissuto una vita piena e ha fatto la sua parte per il bene dell’umanità”.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®