21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/01/2013
SRI LANKA
L’estremo saluto a p. Tissa Balasuriya, controverso teologo dello Sri Lanka
L’Oblato di Maria Immacolata si è spento all’età di 89 anni, dopo una lunga malattia. Nel 1997 viene scomunicato per alcune questioni dottrinali contenute in un suo libro e giudicate inappropriate. Rientrerà nella Chiesa nel 1998.

Colombo (AsiaNews) - Centinaia di persone di diverse religioni hanno dato l'ultimo saluto a p. Tissa Balasuriya, controverso teologo dello Sri Lanka, morto all'età di 89 anni dopo una lunga malattia. Noto come p. Bala, il sacerdote Oblato di Maria Immacolata si è spento il 17 gennaio scorso. Celebrati il 19 gennaio alla Fatima Church di Borella (quartiere di Colombo), ai suoi funerali hanno partecipato gruppi interreligiosi, rappresentanti della società civile, ministri, sacerdoti cattolici e monaci buddisti. La salma è stata sepolta nel cimitero della chiesa.

Conosciuto per il suo impegno interreligioso, p. Balasuriya entra in conflitto con la Chiesa dopo la pubblicazione del libro "Maria e la liberazione umana" (1990), in cui mescola idee tratte dalla teologia marxista della liberazione - tipica dell'America Latina - con una visione di integrazione fra le religioni, tipica del mondo asiatico. Nel 1994 i vescovi dello Sri Lanka lanciano un avvertimento sulla sua opera, e lo stesso anno la Congregazione per la Dottrina della fede gli chiede di ritrattare alcune affermazioni contenute nel suo libro. Egli rifiuta.

Nello specifico, si contestano alcune questioni dottrinali legate al peccato originale, all'Immacolata concezione, e al ruolo insostituibile di Gesù nell'opera di salvezza. La Congregazione per la Dottrina della fede chiede al teologo srilankese di firmare una dichiarazione di fede. Di fronte a un suo nuovo rifiuto, nel gennaio 1997 la Congregazione annuncia la sua scomunica. Più avanti, p. Balasuriya accetta di firmare una dichiarazione di fede, e la scomunica viene revocata nel gennaio 1998.

Nell'omelia pronunciata per i funerali del teologo, mons. Norbert Andradi, Oblato di Maria Immmacolata e vescovo di Anuradhapura, ha detto: "[Oggi] seppelliamo solo le ossa e la carne di p. Balasuriya. Portiamo con noi le sue parole e le sue opere". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
22/02/2011 SRI LANKA
Funerali della madre dell’ex leader Ltte, Colombo impedisce a politici di partecipare
di Melani Manel Perera
16/08/2013 NEPAL
Il governo nepalese sequestra la salma di un monaco tibetano che si è dato fuoco
di Kalpit Parajuli
30/05/2014 NEPAL
Nepal, indù al governo: Date ai cristiani la terra per seppellire i loro morti
di Christopher Sharma
19/11/2012 INDIA
L'addio di un milione di indiani a Bal Thackeray, storico leader nazionalista indù
di Nirmala Carvalho
14/12/2012 INDIA
Karnataka: rientra la salma di mons. Ambrose Madtha, nunzio papale in Costa d’Avorio
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate